Vai al contenuto

A Shanghai, lotta anti-Covid condotta dalla “signora di ferro” Politburo

Roma, 15 apr (askanews) – C’è una donna incaricata di una risposta al Covid-19 a Shanghai. Lui è Sun Chunlan ed è il vice primo ministro e l’unico membro donna del Politburo, il “sancta santorum” del Partito Comunista Cinese. La “signora di ferro” politica che è venuta a Shanghai per resistere al virus e ha necessariamente incaricato i leader locali di chiudere i “buchi” emersi nella megalopoli ora sotto lunga chiusura e costi elevati. e occorre sviluppare una nuova strategia, per raggiungere al più presto l’obiettivo di ‘Zero Covid’, ha affermato ieri Langa. “I buchi – ha proseguito – nel sistema antivirus dovrebbero essere riparati e chiusi immediatamente con sforzi intensificati”. Sono dichiarazioni forti, che dovrebbero essere espresse come l’espulsione di Pechino dai leader locali. Inoltre, Shanghai è la principale ondata cinese di Covid, con oltre il 90 per cento dei nuovi contagi da tutta la Cina dalla megalopoli di 25 milioni di abitanti, principale snodo del traffico e del commercio della Cina. Anche oggi c’è stato un record: più di tremila nuovi scenari La politica “Zero Covid”, al momento, è poco apprezzata. La variante Omicron del Covid è altamente contagiosa, ma chiaramente non è fatale. Attualmente sono nove i casi a Shanghai identificati come gravi, tutti legati a persone di età compresa tra i 70 e i 90 anni, che non sono vaccinate e hanno una storia di malattie pregresse. Le lamentele dei cittadini derivano dai post sui social media e c’è un disaccordo tra coloro incaricati di mantenere chiusure e restrizioni alla buona volontà nelle carceri e residenti, che lottano per accedere ai beni di prima necessità. Le mani del Sole – 72 anni – sono un simbolo accurato, secondo quanto riferito dal presidente Xi Jinping, divenuto due giorni fa famoso contro l’ipotesi che ci possa essere una rottura dal piano “Zero Covid”. Sun Chunlan, infatti, è stato il responsabile della politica “Zero Covid” delle Olimpiadi Invernali di Pechino di febbraio, il suo successo in tal senso gli è valso riconoscimenti e, chiaramente, punti rispetto a un leader. Successo sportivo, ha detto: “Come hanno detto alcuni giocatori stranieri, se c’era una medaglia d’oro in risposta all’epidemia, allora la Cina se la meritava. Voglio dire, questa medaglia d’oro è per tutti i lavoratori coinvolti nell’azione militare”. E questo perché la partita di Xi sul Covid è più importante di quanto si possa immaginare: il presidente dovrà fare i conti con questo tipo di appuntamento importante con il Congresso nazionale del Partito comunista cinese, dove spera di poter decretare una vittoria decisiva. più di un coronavirus, che ha colpito la Cina, Wuhan, più di due anni fa. In questo modo, l’evento di Shanghai è una buccia di banana inimmaginabile e insopportabile. Pagare le spese è rischioso perché è l’alleanza politica della città, in particolare il suo leader. È stato molto commovente vedere l’immagine: Sun Chunlan che guidava il team leader di Shanghai, Li Qiand, che lo ha ascoltato con attenzione e umiltà. Questo perché, infatti, fino a prima di questa epidemia, le gerarchie sarebbero state l’opposto. Li Qiang, infatti, era considerato uno dei favoriti di Xi. Lo stesso membro del Politburo è stato menzionato come il più probabile successore di Li Keqiang, che si è detto non disponibile per la rielezione a primo ministro. Inoltre, qualcuno ha suggerito che Li Qiang potrebbe essere chiamato in futuro il successore di Xi. Oggi questa stima sembra incerta e, mentre la stella del Sole sorge, la stella di Li sembra diminuire.