Vai al contenuto

ADIGE.TV-Verona-Ucraina: un popolo e una regione eroici, schiacciati da una guerra strana, ingiusta e terribile. Non possiamo mai immaginare, in questo secolo moderno, il conflitto in Europa, se non il nemico e più modi nazisti.

Ucraina: un popolo e una regione coraggiosi, devastati da una guerra strana, ingiusta e terribile. Non possiamo mai immaginare, in questo secolo moderno, il conflitto in Europa, se non il nemico e più modi nazisti.

Chiunque può dire che parlare di guerra ingiusta è sbagliato. Siamo d’accordo, perché a torto o meno, il conflitto significa, in ogni caso, il sangue e la distruzione e l’Ucraina che viene costantemente attaccata, va sottolineata, non ha calpestato i piedi dell’uomo … Ha solo lo scopo, e ha il pieno diritto di farlo. la sua scelta, da un paese democratico, libero e indipendente. Infligge dunque un dolore orribile a una guerra, straordinaria come quella odierna, senza limiti alla dignità della dignità umana. La volontà dell’uomo di distruggere l’uomo stesso e di distruggere la propria patria, con la peggiore forma di morte, è oggi presente, mentre, logicamente, non vorremmo nemmeno la morte di un animale o di una pianta in decadimento. Ma, stranamente, il tempo stringe ed è crudele, ancora oggi, che il Paese della democrazia e della libertà fosse sotto attacco – come accadde, dal nazionalsocialismo di Hitler e dal fascismo di Mussolini, negli anni ’30 e ’40, senza gli Stati invasi dando ragione a tale odio. attacco. A partire dal 24 febbraio 2022, ora, l’Ucraina in rovina ma potente, con i suoi potenti abitanti – costantemente in fuga, in luoghi strani e sconosciuti, in cerca di pace – è stata attaccata, ora, nella città, ora, in un altro, senza che l’invasore pensasse almeno la compassione, secondo i suoi fratelli, l’attrito basso infernale, “speciale”, quando non la tortura. Tutti, del resto, tranne che la maggior parte degli ucraini stessi, sa perché, che, poi, perché, se c’era, era compreso …, da coloro che sono costretti a questo stato diabolico quotidiano, senza la minima soluzione. della salvezza, battuto dalla venuta, e sulla via della fuga forzata… In Ucraina, la cosa peggiore che potesse succedere, era pianificata, quasi, con il ridicolo, con deliberata umiliazione. Mentre scriviamo, leggiamo, ad esempio, non una, ma centottanta bombe, contro la città ucraina, fatte – che grande forza d’attacco! Una mattina…, mentre i civili venivano martirizzati, compresi i bambini, e altri, addirittura schiacciati, dai canti dei carri armati. Altri ancora, persone innocenti, furono giustiziate in stile nazista – come accadde, in Ucraina, nel 1941, a Babij Jar, Kiev, dal famigerato Himmler famigerato Einsatztruppen – a Bucha, accidentalmente, sempre nell’oblast di Kiev, lasciando i loro corpi sulla strade, come facevano i nazisti, o lanciando, come avveniva a Babij Jar, in molti cimiteri… Domanda: perché? Antiumano, insensato, vergognoso, soprattutto perché ci sono ancora trattative incerte tra Mosca e gli eroi di Kiev… Pensiamoci: cerchiamo una pace difficile e tu, intanto, vai avanti, verso la nostra distruzione, fino alla fine . degli uomini e della democrazia! L’annientamento, l’annientamento dell’era nazista, come testimonia un gruppo di carte capitateci all’improvviso e distribuite nel 1940 dall’esercito nazista delle forze armate della Wehrmacht, la distruzione, quotidiana, di quel misero maggio. gloria, descritta e tanto lodata, è l’esteso prolungamento del libello, delle forze armate, gettate, senza pietà, che il nemico francese, belga e inglese, che hanno conquistato Parigi e l’Europa, è colpevole di cercare solo protezione. indipendenza dal mondo insoddisfatto del nazionalsocialismo. Leggere questo libro ed essere davanti ai tuoi occhi, film precedenti, cortometraggi, scritti dallo stesso Wehrmacht, in guerra, contro il mondo, e innumerevoli cose, dalla ricerca, che, prima, anche il diavolo in guerra. poi non si è offeso, è stato nella Berlino degli anni ’30 e ’40, oggi purtroppo non si può mai immaginare che dopo ottant’anni di pace europea, quello che accadrà, l’aggressore sia la Russia, che ha dovuto più volte mostrare la slealtà di Hitler e, Purtroppo. , i disagi dei nazisti, nel loro paese… Va anche notato che l’attuale Unione Europea è nata, nel 1957, per volontà dei suoi fondatori, Konrad Adenauer, Alcide De Gasperi, Jean Monnet e Robert Schuman, da il sincero desiderio di creare l’Europa, fondamento della pace stessa e delle altre nazioni del mondo … Va bene: dopo 77 anni, dalla fine della seconda guerra mondiale – superando la grande minaccia della violenza, fino alla fine. , forse, da parte dell’ex URSS e satellite, legata al Trattato di Varsavia e poi benedetta, finalmente, alla fine del 1989, l’Europa stessa ha affrontato un’invasione, e proprio da Oriente, che non era solo un feroce ‘amico’ amico. La crudele Ucraina minaccia e intimidisce i suoi innocenti, ma indirettamente sconvolge il mondo intero. Mosca, che non ha il diritto di imporre la propria volontà ad altri paesi, smette quindi di uccidere persone, come richiedono il mondo e il buon senso, e non ha paura della Nato, che, ovviamente, non è interessata a creare cause di conflitto. non in Oriente e altrove, mentre per noi atlantici interessa solo la pace. Pace con Mosca. Anche con questo vogliamo porre fine al vecchio conflitto quotidiano, alle innumerevoli vittime e agli effetti devastanti sul tessuto economico europeo e mondiale e mondiale. Ma, dopo aver rivelato la verità nascosta del comunismo, molti non sono più, ma, ancora vivi e, ancora e ancora, vivono miliardi, e davanti al grande mare di sangue e morte, sul palco, portando grande dolore, conforto e non è poco che tutta l’Europa, l’Occidente e gran parte del mondo siano sinceramente rispettosi della società e della pace, al di là di ogni altra ideologia politica.
Pierantonio Braggio