Vai al contenuto

ATTIVITA’ CULTURALE DEDICATA AL POETA MARIO RAPISARDI PRESSO L’ALTO “MARIO RAPISARDI” DI PATERNÒ.

La memoria come storia e valore della società umana, la memoria come ricordo dei caratteri culturali. Le terze “Giornate rapisardiane” dell’Istituto Superiore Mario Rapisardi sono all’insegna della multimedialità e di un evento dalle tante, tante dimensioni culturali: storia, letteratura, filosofia, scienza, musica e arte. La giornata si è conclusa con l’inaugurazione dei “Murales” in onore della memoria di “Mario Rapisardi”.

-Prima della discussione, c’è stato un momento di silenzio e un messaggio di unità per il popolo ucraino.

L’Aula Magna Festival Culturale dell’Istituto di Alta Formazione “Mario Rapisardi” ha caratterizzato la musica multimediale. La “copertina” della musica ha infatti aperto il videoclip “Impura Poesia” della band catanese Frijda in onore del poeta Mario Rapisardi nel 110° anniversario della sua morte.

L’evento, che fa parte delle “Giornate rapisarde”, aveva per tema: “Vate Etneo tra carteggi inediti e canti musicali”. Un viaggio tra storia, letteratura e arte.

Il dibattito è stato introdotto dalla dirigente Fiorella Baldo ed è stato condotto dal giornalista Salvo Fallica.

La direttrice Fiorella Baldo ha brevemente raccontato i precedenti eventi dedicati a Mario Rapisardi spiegando l’importanza del sistema multidisciplinare e multimediale che fanno rivivere la memoria di Vate Etneo e permettono a lettori e lettori di scoprire molti dei problemi inediti dell’autore. La scuola come luogo di importante costruzione di conoscenze e come luogo di apertura e dialogo costruttivo con il mondo esterno. Baldo ha aggiunto: “Dopo l’analisi storico-letteraria vorremmo suggerire uno studio completo, che includa letteratura, musica, arte, filosofia. Anche la realizzazione dei Murales in onore di Rapisardi, realizzati dagli studenti della Scuola d’Arte guidata dalla professoressa Chiara Romeo, dovrebbe riflettersi in un concetto filosofico didattico che unisce teoria e pratica, che tenga conto del grado di creatività. . Una scuola connessa alla vita, che sa connettere il passato con il presente e che guarda al futuro in modo lungimirante. Ha sempre puntato sulla formazione mondiale degli studenti, che sono al centro di tutte le attività culturali”.

Protagonisti della giornata anche gli studenti del Liceo Classico e del Liceo Artistico in tanti modi.

Angela Rita Pistorio, docente di Storia e Scienza, Angela Rita Pistorio, ha descritto il quadro storico e climatico in cui visse l’intellettuale e poeta Mario Rapisardi, esemplificando l’arte del positivismo. Pistorio ha ricreato il tema storico-sociale e filosofico-scientifico di un’epoca in cui molti scrittori siciliani emersero come personaggi della grande letteratura europea.

Nel suo intervento, lo studioso G. Ornella Piazzese, docente di Lettere al Liceo Lombardo Radice di Catania, ha illustrato con lucidità e ingegno le storie inedite del poeta Mario Rapisardi. Nella sua analisi, frutto di approfondite ricerche, in “Notorietà di Rapisardi da un carteggio inedito, 1889-1895”, fece rivivere Mario Rapisardi tra storia, vita, letteratura, arte. Per far apparire il suo rumore a suo tempo. Professore all’Università di Catania, molto apprezzato dai suoi studenti, fu molto apprezzato anche da personalità di spicco del mondo culturale italiano come Edmondo De Amicis, Filippo Turati, Napoleone Colajanni, Arturo Graf. La sua opera fu elogiata dal grande Francesco De Sanctis. Rapisardi dopo la sua morte subì parte della fase della memoria, ma fu riesaminato nel secondo dopoguerra da studiosi del Calibro dei Concetti Marchesi e Alberto Asor Rosa.

Di certo, però, il suo valore ha faticato a riapparire. Secondo la studiosa Ornella Piazzese, ‘Vate Etneo’ non fu aiutato dalla sua passione e da un carattere a volte violento, a volte timido ea volte frettoloso. Un lungo dibattito con il poeta Carducci (vincitore del Premio Nobel per la Letteratura nel 1906) non ha certo aiutato. E in alcuni punti la sua opposizione non gli piaceva.

Nel corso della discussione sono stati opportunamente valutati pregi e demeriti ed è stata sottolineata la necessità di ri-studiare con moderazione le sue opere, con l’emergere di una visione del mondo poetica in cui arte, filosofia, scienza e musica si intrecciavano in primis. .

Ho apprezzato anche i momenti musicali dei maestri Salvatore Coniglio e Tiziana Coniglio con lo straordinario ruolo del Tenore M° Salvo Fresta: “La musica nelle poesie di Rapisardi e nelle poesie di Rapisardi in musica”. Salvatore Coniglio ha introdotto il sito dedicato a musiche interessanti e aneddoti interessanti.

Nella fase conclusiva della cerimonia è stato presentato ‘Murales’: “Onore da Rapisardi a Rapisardi”. Il lavoro è svolto dagli studenti del Liceo Artistico guidati dalla professoressa Chiara Romeo.

Tra il personale sindacale ci sono le insegnanti Angela Rita Pistorio, Chiara Romeo, Lorena Grazia Salfi e il dottor Luigi Sanfilippo.

Ai saluti si sono uniti il ​​sindaco di Paternò, Nino Naso e Lucrezia Dragonetto, che rappresenta la città più grande di Catania.