Vai al contenuto

Bank of Japan non segue la FED: politica di espansione garantita – Economia e finanza

(Teleborsa) – Il Banca del Giappone non segue la Federal Reserve e la Bank of England, che garantiscono una politica monetaria ultra espansiva. Come previsto, la BOJ ha mantiene il target di breve termine allo 0,1% e un rendimento obbligazionario a 10 anni di circa lo 0% durante la riunione di politica monetaria che si è conclusa venerdì. Lo ha avvertito la banca centrale giapponese guidata da Haruhiko KurodaUlteriori rischi – derivanti dal conflitto ucraino – sono l’indebolimento dell’economiaRafforzare l’aspettativa che Tokyo rimanga una delle ultime grandi banche segnate da cambiamenti verso una politica monetaria rigorosa.

Approvvigionamento

Secondo Approvvigionamento, La Bank of Japan ha deciso all’unanimità di delineare le seguenti linee guida. La banca centrale comprerà ETF e fondi di investimento immobiliari giapponesi (J-REIT) come richiesto a un tasso elevato di circa 12 miliardi di yen e 180 miliardi di yen, rispettivamente, a un tasso annuo di aumento degli importi in essere. Inoltre, la Banca effettuerà acquisti CP e obbligazioni societarie e un importo non pagato di circa $ 20 trilioni in totale fino alla fine di marzo 2022. Da aprile in poi, acquisterà questi beni allo stesso tasso di prima dell’epidemia.

Stime economiche

l’Economia giapponeseanche se dovrebbe essere influenzato dall’aumento dei prezzi delle materie prime, “è destinato a riprendersi“, e la pressione in calo del Covid-19 sull’utilizzo dei servizi e le conseguenze della riduzione delle restrizioni della catena di approvvigionamento e del sostegno all’aumento della domanda esterna, delle condizioni di vita e delle misure economiche del governo. Banca centrale, possibile variazione annuale dei tassiInflazione “aumenterà bruscamente nel posto giusto in questo momento a causa di un forte aumento dei prezzi eenergia“.

Inoltre, “lo sono incertezza molto alta su come la situazione intorno a iUcraina influenzerà l’attività economica e i prezzi del Giappone, in particolare con lo sviluppo dei mercati finanziari globali e dei principali mercati, i prezzi delle materie prime e l’economia d’oltremare “, si legge in una dichiarazione rilasciata alla fine della riunione politica di marzo.

Idee consigliate

“Il più grande impatto sull’economia giapponese è la crisi ucraina a causa diaumento del costo delle materie prime. L’inflazione in Giappone dovrebbe nel frattempo aumentare notevolmente. Ma mette anche a dura prova l’economia da una prospettiva a lungo termine, guidando i profitti delle imprese e il reddito reale delle famiglie “, ha affermato oggi il governatore della banca centrale in una conferenza stampa.

L’inflazione, ha spiegato Kuroda, “dipenderà dai futuri cambiamenti dei prezzi del greggio e dalle misure del governo per ridurre il flagello. Ma Abbiamo visto l’inflazione circolare intorno al 2% in un periodo di tempo da aprile. Un aumento dei costi comporterà un aumento dei prezzi. Ma ha seri redditi domestici e aziendali e potrebbe avere un impatto negativo sull’economia giapponese. Manterremo pazientemente la nostra libertà finanziaria al fine di raggiungere un’inflazione e una stabilità sostenibili. “

In termini di denaro,”Lo yen debole colpisce l’economia giapponese in vari modi mentre l’economia e il commercio del paese cambiano. Ma in generale, non c’è alcun cambiamento nel modo in cui lo yen debole è positivo per l’economia giapponese. È vero che l’impatto si fa sentire allo stesso modo in tutti i settori, la dimensione dell’azienda e i settori economici. “” Il recente aumento dei costi di importazione è ulteriormente esacerbatoaumento del costo delle materie prime piuttosto che da uno yen debole”, ha sottolineato.