Vai al contenuto

Berlusconi alla Conferenza di Forza Italia: “Putin mi ha deluso. Tocca alla Russia sparare”.

“Dopo 28 anni in cui abbiamo riscritto la storia della politica e delle istituzioni italiane – un diritto che non potrà mai esistere senza di noi, questo rappresenta una nuova origine nell’arena. Sappiamo che tutto questo è necessario e non può sostituire il futuro dell’ Italia’. Silvio Berlusconi aprendo il suo intervento di quasi 40 minuti al convegno di Forza Italia a Roma. Al ritorno, Knight, dopo 31 mesi di assenza a causa dell’epidemia e delle sue condizioni di salute. Ad accoglierlo le bandiere animate di Forza Italia e la canzone “Grazie a Silvio presente”, Berlusconi nel suo discorso di condanna, dopo settimane di silenzio, Vladimir Putin e l’invasione russa dell’Ucraina. “Sono deluso e rattristato dalle decisioni di Putin – ha detto – a Bucha sono stati commessi crimini di guerra e la Russia non può negarlo. Dobbiamo porre fine alla violenza della guerra e l’Italia deve lavorare per raggiungere un compromesso reciprocamente accettabile”. “L’indipendenza dell’Ucraina deve essere garantita”, ha aggiunto.

Knight ha citato il grande classico della sua epoca politica, una “persecuzione legale” che, tuttavia, ha descritto come “mai vinta”. Ma dov’è qui? “In mezzo a destra, non fuori Forza Italia”, ha detto il leader verde.

La guerra in Ucraina

Commentando la guerra, Berlusconi ha detto: “Non sono stato in grado di dare all’Europa una politica di sicurezza estera e oggi siamo di fronte a un atto di violenza senza precedenti in un Paese che sta lottando per la sua indipendenza”. Poi, sperando in una fine del conflitto, ha spiegato: “Speriamo che i rapporti tra Russia, Stati Uniti ed Europa riprendano. Ma ora tocca alla Russia agire con responsabilità, con calma. Armi. Il fuoco russo è importante e vitale”.

Irincari

Commentando la crisi economica e gli effetti delle sanzioni contro la Russia, Berlusconi ha accusato l’attuale crisi di “scelte ideologiche che hanno portato a un olocausto nucleare, che ha portato a una riduzione della produttività e alla ricerca nazionale che ha portato alla prevenzione della recidiva dei raccolti”. , anche se questo dovrebbe essere il nostro obiettivo al momento giusto”. Ora, ha sottolineato, “dobbiamo evitare la nuova crisi economica” e l’aumento del costo delle materie prime. “I passi intrapresi dal governo stanno andando bene, ma c’è ancora molto da fare per garantire il nostro futuro. Solo un governo europeo affidabile può chiedere alla Bce di continuare a collocare sul mercato titoli di Stato. Abbiamo fiducia – ha concluso – in il nostro governo “la politica e la necessità di un discorso parlamentare comune”.

Dopo le spie arrivano il contribuente, Leg e FI contro il governo. Molti sono egoisti

di Emanuele Lauria



Tasse e aggiornamenti fiscali

Ma parlando positivamente del rapporto con la maggioranza Draghi e l’esecutivo, il leader di Forza Italia ha spiegato: “Non permetteremo a nessun governo, come non abbiamo fatto, di mettere le mani nelle tasche degli italiani. E ha proseguito: “Non permetteremo mai a nessun governo di invadere la conservazione, che è frutto di una vita lavorativa, di sacrificio e di speranza. Non per imporre un settore immobiliare all’economia ma anche alla morale, al welfare e alla società “.

A Forza Italia il fuoco dell’amicizia di Elio Vito: “Tante cose strane su Bucha. Basta attaccare Draghi al contribuente”

di Giovanna Casadio



Rapporti con i partner

Berlusconi, che ha saltato alcune parti del suo intervento perché “troppo lungo”, ha sottolineato come i “rapporti con i partner” non siano venuti meno anche se “i fratelli italiani hanno perso l’occasione, entrati nel governo, per partecipare alla ricostruzione del Paese con le sue idee, politiche, e donne e uomini.” “. Ha anche osservato: “Siamo diversi dai nostri amici e colleghi, nei quali siamo legati dai rapporti leali, rispettosi e condivisi che abbiamo ogni giorno nel gestire tanti territori e tanti comuni”.