Vai al contenuto

Borsa valori oggi, 6 aprile. Mercati deboli, oltre alla preoccupazione dell’Ucraina, la Fed sta accelerando la pressione

UMILANO – Oltre alla guerra in Ucraina e in attesa del rilascio di un nuovo pacchetto di sanzioni internazionali contro Mosca, i mercati guardano ora alla Federal Reserve e sono preoccupati per i segnali di aumento dell’inflazione dopo anni di espansione della politica monetaria. Jeffrey Halley, analista di Oanda, nel suo articolo mattutino dal mercato asiatico ha affermato che la sessione notturna è stata dominata dai commenti di Lael Brainard“Chi mette il gatto tra le colombe e i mercati obbligazionari e i rapporti molto ‘falchi’. La signora Brainard – ricorda l’analista – ha suggerito una riduzione del bilancio della Federal Reserve?” per rafforzare le dimensioni, che potrebbe iniziare all’inizio del prossimo mese a un ritmo più rapido rispetto ai tentativi precedenti. Inoltre, la signora Brainard ha suggerito un aumento dello 0,50% (in livelli, ed) sul tavolo mentre la Fed si prepara a intraprendere “un’azione decisa”, comprese le pressioni inflazionistiche. La politica monetaria della Fed Fed, spesso chiamata la “colomba”. “Se si è già trasferito in un campo cash, allora i mercati devono stare attenti e l’hanno fatto. I mercati azionari sono aumentati notevolmente sul terreno, mentre i rendimenti statunitensi lungo la curva, soprattutto nel lungo periodo, sono aumentati notevolmente.

Inoltre, i rendimenti dei Treasury hanno superato il 2,6%, il più alto dal secondo trimestre del 2019. Bloomberg, mentre l’indice di forza del dollaro ha raggiunto le prime tre settimane e il futuro delle borse europee è cupo. I mercati asiatici sono andati a sud questa mattina dopo Wall Street: Shanghai perde lo 0,2% e eTokyo è diminuito dell’1,58%. Anche Hong Kong è debole con l’1,4%. Ieri sera il mercato azionario statunitense ha chiuso sotto (-1,26% dell’S&P500). Twitter è rimasto visibile dopo che Musk è entrato nel consiglio di amministrazione, cambiando la garanzia della sua quota di oltre il 9% sul social network da “passiva” ad “attiva”.

Il settore energetico resta unico nella definizione di nuove sanzioni occidentali contro la Russia. Ieri la Commissione europea ha proposto un quinto pacchetto contenente carbone, mentre gli Usa si preparano a chiudere gli investimenti nel Paese. Questa volta, il colosso americano Intel Corp ha annunciato la cessazione immediata di tutte le operazioni in Russia. io Petrolio è leggermente aumentato nella prima parte della giornata: il greggio WTI è stato scambiato a 102,3 dollari al barile, in aumento dello 0,36% rispetto ai prezzi di ieri sera a New York. Il Brent è salito a $ 107,23, con un incremento dello 0,48%.

Tra l’altro, prezzi eoro in calo sui mercati asiatici. Bar e consegna veloce passano di mano a $ 1.918 ciascuno (-0,24%).

Secondo i dati di Marco, negli ultimi due anni i lavori nel settore dei servizi cinese su contratto a marzo hanno subito un’accelerazione, colpiti dalla recrudescenza dell’epidemia di Covid-19 in alcune zone chiave del Paese. Lo dimostra l’indice SME caixin del settore dei servizi che a marzo è sceso a 42 punti dai 50,2 di febbraio, scendendo al di sotto dei 50 punti che separavano la crescita dalla recessione. Lo studio indica un drammatico calo dell’occupazione dall’inizio dell’epidemia nel febbraio 2020.