Vai al contenuto

Caro Mandla, Cna: “Basta speculare Il governo mette un tetto al prezzo”

MACERATA – Organizzazione: “Se condanniamo le violenze di Putin contro il popolo ucraino e vogliamo porre fine alla guerra, i nomi, come abbiamo visto, non bastano. Tuttavia, le crescenti sanzioni imposte non devono mettere in pericolo le nostre imprese”


Caricamento in corso per imparare

Maurizio Tritarelli, presidente di Cna Macerata

“La salute economica sta peggiorando in tutto il Paese, soprattutto nella nostra provincia. Il Presidente di Cna Macerata Maurizio Tritarelli far sentire la voce delle piccole imprese: «Come Unione di Artisti e Piccoli Imprenditori, a livello nazionale e regionale, non abbiamo espresso giudizi o dubbi sul fatto che i leader occidentali stiano decidendo sulla Russia. Con così tante notizie disponibili ognuno di noi può prendere una decisione, ma siamo fiduciosi che i capi dei paesi di tutte le democrazie occidentali stiano lavorando per trovare soluzioni a questo difficile problema, come non abbiamo dubbi sul nostro governo. tiene conto del futuro e della complessità del tessuto produttivo italiano. Se condanniamo la violenza di Putin contro il popolo ucraino e vogliamo fermare la guerra – continua Tritarelli – le parole, come abbiamo visto, non bastano. Tuttavia, le crescenti sanzioni imposte non dovrebbero mettere in pericolo le nostre aziende che sono state provate per tanto tempo».

La Cna sottolinea quindi le grandi sfide che gli imprenditori devono affrontare in questo momento: “I costi energetici, la carenza e l’aumento dei prezzi delle materie prime, la chiusura dei mercati dell’Europa orientale, l’aumento dei prezzi e il calo dei consumi hanno facilitato la ripresa post-epidemia.. E questo sta accadendo nella nostra provincia più che altrove. Già a gennaio di quest’anno, come Cna Macerata, abbiamo lanciato l’allarme sui tagli alle imprese e sul lavoro denunciati solo nel 2021 nel maceratese».

Alcuni degli interventi della Società aiutano a ridurre il peso dei tessili per la casa già sul tavolo: “Invece di intraprendere iniziative internazionali e far avanzare esperti di geopolitica, chiediamo al governo di intervenire immediatamente per frenare la speculazione sulla vendita di energia e fare il primo passo per fissare il tetto a proprie spese.. C’è poi la necessità di un’assistenza mirata per aiutare gli imprenditori a trovare mercati alternativi nell’Europa orientale; e al riguardo ci è stato assicurato un intervento immediato da parte della Regione Marche che a breve emetterà appositi avvisi». La Cna esprime inoltre la sua sincera gratitudine per l’approvazione della proposta di sostegno ai blocchi stradali, raccomandata dalla stessa Confederazione e fornita nella stessa citazione da Pd, Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, che ha amplificato la platea dei contribuenti adBlue: ” Le nostre raccomandazioni sono concrete sostenibili – sottolinea Tritarelli – volte ad aiutare i settori più difficili. La nostra battaglia principale ora è aumentare la produzione di energia da risorse rinnovabili da parte di artisti e piccole imprese. Chiediamo al governo di semplificare i programmi e introdurre il programma di incentivi come famiglie. In poco tempo si possono realizzare 400.000 impianti con lo stoccaggio di pochi miliardi di metri cubi di gas e senza divorare il suolo. Sfruttando le potenzialità delle piccole imprese si possono realizzare parchi fotovoltaici da 60mila megawatt, il triplo della capacità attualmente installata in Italia”.

© LA PRODUZIONE È STATA SALVATA

torna alla Home Page