Vai al contenuto

Covid, Draghi: “Ferma quasi ogni ostacolo, Green Pass è un grande successo”

ROMA – “I passi adottati oggi sono molto importanti e tolgono quasi tutte le restrizioni che hanno imposto la nostra condotta nel corso dei mesiLo ha detto il premier Mario Draghi in conferenza stampa.

“Lo stato di emergenza finisce a fine marzo e liquideremo il CTS. A nome del governo vorrei ringraziare il professor Locatelli e il professor Brusaferro e tutti i membri del CTS che hanno fornito un supporto straordinario e psicologico per consentire loro di farlo. le decisioni vengono prese sulla base della scienza. Questo è importante per i decisori e gli elettori in Parlamento. Quindi Voglio ringraziare il ministro Speranza, la cui esperienza è stata una prova straordinaria e a mio parere esprimo la mia gratitudine a lui ea tutti gli italiani”.

Soprattutto Draghi grazie al “vecchio governo che ha preso decisioni per disagi straordinari, l’Italia è diventata il primo Paese colpito da una pandemia”. E poi «Vorrei ringraziare tutti gli italiani per la pazienza, sono stati gentilissimi. Non è vero come ci vedono all’estero che siamo morti nella società. Abbiamo raggiunto il massimo dei voti nella vaccinazione e ora siamo orgogliosi“La nomina del generale Figliuolo” fu una svolta nella guerra contro l’epidemia. “

“Green pass è stato un grande successo”infatti “l’economia è cresciuta del 6,5% lo scorso anno”, continua Draghi, che aggiunge: “Grazie al vaccino abbiamo evitato 80.000 morti in più solo nel 2021 molte persone non sono morte perché vaccinate”.

Con l’aumento dei contagi visto in questi giorni, spiega Draghi: “Stiamo dando un’occhiata più da vicino all’epidemia e siamo pronti a regolare tutta la nostra attrezzatura secondo la curvae in senso lato se è così”.

“PUTIN NON VUOLE SCUSARE, NESSUN POSTO DELLA MOSCA È SUCCESSO”

“Il modo migliore per farci sapere che diciamo sempre la verità e che siamo pronti per questo. Questo vale per tutto. Comprensibilmente, siamo tutti preoccupati per ciò che sta accadendo in Ucraina. È una situazione in cui tutti abbiamo bisogno di pace, Sfortunatamente, il presidente Putin non vuole la pace“, dice Draghi.

“L’incontro con Sullivan è stato importante. Un canale diplomatico tra Stati Uniti e Cina è ancora in costruzionenessun progresso è stato fatto nel breve termine perché nel caso del presidente Putin non c’è voglia di pace, ma di guerra”, ha ribadito il presidente del Consiglio.

“I progressi nei colloqui di pace sono stati ostacolati dalla stessa Russia”., Spettacoli. “I fatti mostrano fin dall’inizio dell’attacco che è determinata a cercare la guerra. Inoltre, nessuna guerra si è conclusa durante i colloqui tra Russia e Ucraina. Ma la pace va cercata a tutti i costi e bisogna essere onesti, Cina e Usa”.

Vedrò il presidente Biden giovedì, c’è un vertice della NATO. Stiamo tutti lavorando, Palazzo Chigi e la Casa Bianca, nella mia recente visita a Washington, posso dire tra due o tre mesi”, ha poi annunciato il presidente del Consiglio.

Il cavalcavia proposto da Zelensky, ripete Draghi, “impossibile, significa andare in guerra. La maggior parte dei Paesi Nato è da questa parte”.

“NESSUN BILANCIO DISTRIBUTIVO MA IL GOVERNO È PRONTO AD AIUTARE AZIENDA E FAMIGLIE”

La guerra in Ucraina “ha causato carenze” e “carenze” di “carburante”, diesel, elettricità e gas. In ogni caso il governo è bravo, disponibile ad aiutare le imprese e le famiglie in questo momento difficile. Domani avremo un CDM su questo “, ha detto.

Domani non sono previste differenze di budget. In ogni caso non è importante lo strumento a cui si perviene ad agire, ma se i passi compiuti dal governo siano adeguati. Non prevedo una deviazione ma uno stato di grande incertezza ed evoluzione. Ci aspettavamo il gioco finale, uscirà prima della fine del mese “e”nessuno in Europa vede la recessione economica“.

“Domani potrebbe essere un incontro cruciale per adeguare le nostre posizioni al prossimo Consiglio europeo, soprattutto in termini di prezzi del gas perché è un dato di fatto che la bolletta del gas europea è più alta che in qualsiasi altra parte del mondo. Siamo convinti che serva un tetto“.

Mi interessa sapere come il ministro Garavaglia stima la perdita a 500 milioni“La chiusura di aprile”. Il Consiglio dei ministri è andato bene, è stato tranquillo”, ha detto dei risultati dell’Associazione.