Vai al contenuto

Covid, lo stato di emergenza finisce a fine marzo. Da maggio in poi il Green pass con la responsabilità di indossare le mascherine all’interno

Controlla il pass verde nella foto di backup

Lo Stato di Genova è pronto a tornare alla normalità con una serie di proposte di road map sviluppate dal nuovo decreto governativo, e molte tappe fino alla fine dell’anno 2022. Si passa così ad un altro passo, lasciandoci alle spalle tutte le barriere all’epidemia, con due obiettivi principali: “riaprire l’economia” e “ridurre l’esperienza della didattica a distanza”, come spiega il presidente del Consiglio Mario Draghi, ringraziando tutti gli italiani per l’altruismo, la pazienza dimostrata negli ultimi anni “Dovremmo essere orgogliosi”.

Nel documento – approvato all’unanimità dal CDM -La Società ha spinto per l’anticipazione del verde che passa guardando alla Pasqua, che alla fine ha trovato un ‘disprezzo’ per i movimenti turistici. Il cambiamento più importante è previsto nei prossimi tre mesi, come la fine dell’obbligo di ‘pass’ quasi ovunque.

Ecco tutti i passaggi che accompagneranno gli italiani dalle misure anti-Covid

PRIMO APRILE -Gli italiani non saranno in stato di crisi Covid e di conseguenza si esauriranno il Comitato Tecnico Scientifico e la formazione del Commissario Capo Francesco Figliuolo: al loro posto dovrebbe essere costituita un’unità operativa ad hoc (fino al 31 dicembre) per mantenere al passo con i tempi. supera e completa una campagna di vaccinazione. Anche la combinazione di colori viene smantellata in modo permanente, ma il monitoraggio continuerà. Obbligo di passaggio sul posto di lavoro per gli over 50 al termine di Super Green (non si ripeterà la sospensione degli ingressi, ma resta il pagamento): va limitato chi ha superato il limite di età sul lavoro. passaporto di base richiesto. Sosta al certificato verde sugli autobus e in genere sui mezzi pubblici nazionali, dove l’obbligo di indossare la mascherina continuerà fino al 30 aprile. Non sarà necessario avere almeno un Green Pass per entrare in uffici pubblici, negozi, banche, poste o tabaccai. Anche nei ristoranti all’aperto i certificati non verranno più visualizzati. Solo per i turisti stranieri l’obbligo di avere un passaporto valido nei ristoranti cadrà anticipatamente – da questa data. Dal 1° aprile stanno finendo i limiti di competenze sugli edifici e quindi anche sugli stadi – dove dovrà essere raggiunto il passaporto di base – sarà possibile occupare il 100% dei posti. Stop alla carcerazione delle persone con un reato accertato in Covid, e anche di chi non è vaccinato: solo chi è contagiato dal virus dovrà vivere da solo mentre chiunque venga in contatto dovrà sottoporsi all’autoesame, indossando le Ffp2. imaski. Quindi non ci sarà alcuna differenza tra le persone attualmente vaccinate e quelle non vaccinate.

INIZIO MAGGIO – Il legame Green pass finisce quasi ovunque. Fino al 30 aprile su alcune attività come mense, concorsi pubblici e colloqui carcerari, oltre al trasporto a lunga distanza, rimarranno obbligatorie per cambio di base. La proroga resterà in vigore fino al 30 aprile per i pasti al coperto (per i turisti internazionali cadono già dal 1 aprile), strutture sanitarie, palestre, discoteche, convegni e sport indoor. Sempre dal 1 maggio, obbligo di indossare le mascherine in tutti gli interni, e a scuola.

15 GIUGNO – Tutti gli obblighi di immunizzazione come il personale scolastico, i soldati, la polizia e gli ufficiali di assistenza pubblica, la polizia di comunità, il personale amministrativo carcerario e il personale generale delle carceri per adulti e bambini, il personale dell’Agenzia per la sicurezza informatica non sono più attivi. Dopo tale data resterà in vigore solo il legame vaccinale per gli operatori sanitari e RSA.

30 GIUGNO – Le pratiche intelligenti nel settore privato come previsto stanno ora scomparendo. In particolare, fino alla fine del mese ci sarà la possibilità di attuare il cosiddetto ‘lavoro agile’ nel settore privato senza l’accordo individuale tra datore di lavoro e lavoratore. In aumento anche l’attività agile dei lavoratori vulnerabili.

31 DICEMBRE – L’obbligo di immunizzazione resta valido fino a fine anno per gli operatori sanitari e le RSA. Le visite dei familiari e degli ospiti alle strutture ospedaliere e socio-assistenziali saranno consentite solo attraverso il Super Green Pass fino al 31 dicembre.

SCUOLA – Dal 1 aprile è un periodo di isolamento (l’obbligo di isolamento vale solo per chi è contagiato) e a scuola papà sarà incarcerato solo per chi è contagiato. In tutte le scuole (compresi asili nido e scuole materne) anche se si registrano almeno quattro momenti di fiducia tra i discenti in classe, l’attività didattica prosegue per tutti utilizzando le mascherine (solo docenti delle scuole materne). Ricomincia l’opportunità di fare gite ed eventi sportivi.

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 3,99€/mese per 3 mesi

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito