Vai al contenuto

dal video sui cadaveri di Bucha saranno gli attori del legame tra vaccinazione e afasia

Il mondo dei media è complesso e le storie, così come le foto false, sono spesso condivise sui social media. Il team di redazione di Brightness News identifica ogni settimana le truffe più popolari e le informazioni fuorvianti per aiutarti a dire la verità in una bugia. nazista i False notizie la maggior parte sono condivisi questa settimana.

Il mondo

Il video che mostra i corpi dei civili a Bucha, in Ucraina, non viene riprodotto

Falso rapporto: All’inizio di aprile, dopo un’offensiva militare per riprendere le aree offensive fuori Kiev, le autorità ucraine hanno accusato le forze russe di aver ucciso centinaia di persone durante la ritirata. Nei giorni seguenti, il ministero della Difesa ucraino ha pubblicato sul proprio account Twitter un video che mostra un convoglio militare che attraversa una strada demolita nella città di Bucha.

Nelle foto è possibile vedere molti corpi sdraiati sul ciglio della strada. Il ministro della Difesa russo ha subito smentito le accuse, dicendo che le immagini erano state fatte e mostravano dei corpi in movimento.

La verità:

  • In una versione pubblicata dalle autorità russe e condivisa da migliaia di utenti sui social media, il video è stato ridotto e la sua qualità è calata rispetto a un video condiviso dal ministro della Difesa ucraino.
  • L’analisi video originale di alta qualità mostra che nessuno dei corpi sdraiati a terra si sta muovendo.
  • I giornalisti dell’AFP giunti a Bucha il 2 aprile hanno confermato di aver visto per strada almeno 20 corpi con indosso abiti umani.
  • Le fotografie scattate dai fotografi dell’AFP il 2 e 3 aprile descrivono alcuni dei corpi visti in un video condiviso dal ministro della Difesa ucraino, incluso uno che, secondo le autorità russe, è stato ripreso.

Stati Uniti d’America

Non esiste un legame stabilito tra il vaccino COVID-19 e l’afasia

Falso rapporto: Il 30 marzo, la famiglia della star di Hollywood Bruce Willis ha annunciato che l’attore si sarebbe ritirato dopo una diagnosi di afasia, un disturbo neurologico che colpisce la comunicazione e il linguaggio.

Di conseguenza, gli utenti dei social media hanno iniziato a diffondere affermazioni secondo cui la diagnosi di Willis era collegata al vaccino COVID-19 e che i casi di afasia erano aumentati notevolmente dall’inizio del vaccino.

La verità:

  • In un rapporto a Reuters, la dott.ssa Fatemeh Geranmayeh, neurologa dell’Imperial College London e leader del team di Clinical Language and Cognition, ha affermato che l’afasia non è un risultato comune del vaccino COVID-19 e attualmente non esiste un legame confermato tra il trattamento . Due.
  • Sempre per Reuters, Jenny Crinion, professoressa di psichiatria all’Università di Londra, ha affermato che i casi segnalati di afasia dopo la vaccinazione sono molto più bassi e più rari di quelli segnalati dopo che le persone sono state infettate da COVID-19.

Europa

Il video di un manifestante di Zelensky che interrompe il programma di notizie ucraino è falso

Falso rapportoGli utenti dei social media in Europa hanno condiviso un video che mostra un impiegato di una rete televisiva ucraina che interrompe i media lamentandosi del presidente del paese, Volodymyr Zelensky.

Nella clip, il manifestante ha afferrato un cartello chiedendo a Zelensky di arrendersi e tornare ad essere un attore.

La verità:

  • La ricerca di immagini mostra che un video di sette secondi è stato pubblicato su TikTok il 15 marzo da un utente di nome Olga Stiffler.
  • Dopo che il video è diventato virale, Stiffler ha pubblicato lo stesso video sul suo account Telegram, con la seguente didascalia in russo: “Questa è un’immagine di montaggio su uno schermo verde !!!! Non ho mai pensato che sembrasse reale”.
  • In un post sulla sua pagina Facebook, il canale ucraino 24 ha affermato che le immagini condivise sui social media sono state digitalizzate.

Nuova Zelanda

La citazione di Jacinda Ardern su Rupert Murdoch “che non aveva il permesso di avviare una società di media nel suo paese” è falsa.

Falso rapportoGli utenti dei social media hanno condiviso un rapporto molto critico presumibilmente fatto dal premier neozelandese Jacinda Ardern contro il magnate dei media Rupert Murdoch.

“Alla domanda sul perché in Nuova Zelanda non ci siano proteste maschili bianche come in altri paesi anglosassoni occidentali, il primo ministro Jacinda Adern ha risposto:” Perché non abbiamo permesso a Rupert Murdoch di avviare una società di media qui”, si legge nella dichiarazione.

La verità:

  • Non c’è traccia dello stesso rapporto sull’account dei social media di Ardern o sui siti Web del governo della Nuova Zelanda.
  • Il testo di fantasia di Ardern sembra essere stato ispirato da un rapporto su Murdoch di David Cormack, un ex leader e capo delle comunicazioni del Partito dei Verdi della Nuova Zelanda.
  • In un’intervista con The Guardian nell’ottobre 2020, Cormack ha dichiarato: “Il motivo principale per cui la nostra politica non è polarizzata è perché non abbiamo più una tipografia Murdoch in Nuova Zelanda, che non ha preso il controllo qui”.

Africa

Una foto di europei che attaccano una nave diretta in Algeria durante la seconda guerra mondiale non è vera

Falso rapporto: gli utenti dei social media etiopi hanno condiviso una foto in bianco e nero di una nave affollata che detiene porti, affermando che l’immagine mostra alcuni europei che cercano di raggiungere l’Algeria, in Nord Africa, durante la seconda guerra mondiale.

“Allora la prossima volta che pensi di chiudere i confini potresti voler chiedere il parere di tuo nonno” recita il testo.

La verità:

  • La ricerca di immagini mostra che la foto è stata scattata nell’agosto 1991. Altri angoli della stessa foto sono disponibili presso la Getty Image Gallery.
  • Un articolo pubblicato dalla London Review of Books nel 2015, utilizzando un’immagine simile condivisa sui post dei social media, riportava che il sito era stato scritto nel porto di Durazzo, in Albania.
  • In quel momento, nel pieno delle turbolenze politiche e sociali causate dal crollo del comunismo, migliaia di albanesi attaccarono la Valona, ​​che era diretta a Bari, nel sud Italia.

in America Latina

Il presidente peruviano Pedro Castillo non ha detto che “anche la carne di piccione è nutriente”

Falso rapportoDurante le proteste in Perù contro l’aumento dei prezzi del carburante, fertilizzanti e cibo, gli utenti dei social media in America Latina hanno condiviso post in cui affermavano che il presidente Pedro Castillo aveva incoraggiato le persone a cercare pollame alternativo, poiché alcuni negozi stavano già sperimentando carenze. Prodotto.

“Anche la carne di piccione è nutriente”, ha detto.

La verità:

  • La ricerca di immagini mostra che un’affermazione basata sul Web è stata originariamente pubblicata sull’account Twitter @Iarepublica_pe.
  • Questo resoconto, che può essere facilmente confuso con il resoconto ufficiale del quotidiano peruviano La República (@larepublica_pe), si descrive nella seguente biografia: “Notizie straordinarie dal Perù e da tutto il mondo. […] Conto Parodia”.
  • La ricerca del presunto rapporto sugli account ufficiali di Pedro Castillo su Twitter e Facebook, nonché sugli account del Ministero dell’Interno peruviano, dell’Ufficio del Presidente e del Dipartimento di Economia e Finanze, non produce alcun risultato.

© CRESCERE DI NUOVO