Vai al contenuto

Edward Snowden: “le criptovalute sono pericolose”

Edward Snowdenex tecnico informatico della CIA e protagonista di una disputa del 2013 con gli Stati Uniti accuse di spionaggioè tornato molto tempo dopo per parlare in un’intervista.

Il 27 febbraio, durante l’evento Camp Ethereal 2022, in una lunga intervista a Martha Belcher, avvocato esperta di blockchain, criptovalute ed esponente della Filecoin Foundation, Snowden ha parlato di criptovalute e blockchain.

Edward Snowden è tornato a parlare di criptovalute

In particolare L’esperto di computer americano ha spiegato come, a suo avviso, i governi considerino le criptovalute come “una una minaccia crescentecome criptovalute “trasformando le relazioni di potere”Sostenere che Ethereum “soffre degli stessi problemi di privacy di Bitcoin”.

Durante il suo discorso ha anche descritto le valute delle banche centrali digitali (CBDC) come “valute cripto-fasciste”.

“Penso che i governi considerino giustamente la crittografia una minaccia rispetto agli strumenti tradizionali con cui hanno familiarità. Le criptovalute mettono a repentaglio il potere dei governi di stabilire regole nella vita privata e, più in generale, nel settore privato”.

In questo modo Snowden Sostiene che tutti i governi del mondo, in particolare quelli degli Stati Uniti, stanno interferendo sempre più con la vita privata delle persone. In un recente tweet lo aveva descritto da questa prospettiva Cina e USA sono sempre più simili.

Valute nazionali

Snowden si concentrò quindi valuta digitale del governodove molti governi stanno valutando di implementare che probabilmente avranno un’alternativa efficace alla distribuzione di finanziamenti digitali privati. Per Snowden questo tipo di “soldi cripto-fascista“Possibilmente” abolito il trattenimento di tutti i dipendenti retribuiti”.

“Non ci rendiamo conto di essere stati immediatamente declassati a grande attore economico. Il dollaro è oggi nella sua forma elettronica. Ma i soldi, una specie di eredità in sé… Quando scendi in una bodega, o in una gastronomia, e compri prosciutto e formaggio, il tizio che preme un bottone su un cassiere che è lì dal 1975, e arriva il cassiere esce e mette un dollaro e ti dà un dollaro, che funziona, non importa quello che interessa al governo. Man mano che ci spostiamo verso una valuta più elettronica… la nostra libertà dalle licenze sta diventando sempre meno limitata. E ci viene chiesto sempre di più di varcare questi cancelli, e questa è una grande preoccupazione”.

Questo ha detto a Snowden durante il suo lungo discorso CDBC.

Caso canadese

Come esempio di questa teoria, sulla determinazione dei governi a tenere in qualche modo sotto controllo il denaro nascosto, Snowden ha citato un esempio recente CanadaA quest’ora Forte protesta dei camionisti contrariamente alle restrizioni contro il Covid 19 imposte dal governo. Un giudice sindacale avrebbe fermato milioni di dollari ai manifestanti. Tra i fondi sequestrati c’erano fondi di Bitcoin ed Ethereumdisse un ex esperto della CIA.

“L’idea che il Canada di tutti i posti possa, e penso che la maggior parte delle persone veda il Canada come un governo illuminato, è davvero una metafora della preoccupazione”.

Snowden ha anche recentemente ammesso che tra tutte le criptovalute vorrebbe utilizzare Zcash, ad esso alto livello di privacypoiché consente di crittografare le informazioni contenute nella blockchain pubblica.