Vai al contenuto

Elezioni comunali: nomine e candidati PD nel Centro di Ravenna.

In vista delle elezioni del consiglio regionale di Ravenna, il Partito Democratico ha schierato nove candidati per il seguente consiglio comunale di Centro Urbano: Mauro Gabelli73, agente di polizia municipale in pensione; Titilope Hassan47, mediatore culturale; Yuri Ghetti23, artista delle energie rinnovabili; Odilia Inyang48, mediatore culturale; Vincenzo Sambiasi54 anni nel turismo, Martina Minguzzichimico 73enne e collaboratore dell’IRST Istituto Tumori Romagna; Urita Rambelli73 anni, sociologo e presidente dell’Associazione Amata Brancaleone; Valeriano Savoia73, un dirigente d’azienda in pensione; Edoardo Visani23 anni, studente.

L’area Quartiere 1 del Centro Città si concentra su 21,15 chilometri quadrati di terreno che comprende il centro storico della città, due adiacenti zone ricche di pinacoteche e industrie come il quartiere Fornace Zarattini e il quartiere San Giuseppe. nel rione San Giuseppe.Biagio è il tuo baricentro.

“Si tratta di un’area densamente popolata, con una popolazione di oltre 38.700 abitanti, dove ci sono diverse problematiche e cambiamenti sociali, sia in termini di cittadini che di turisti attratti dai monumenti o dalle suggestioni della cultura cittadina. Sul fronte sociale, poi, invecchiamento ed espansione demografica sono alcuni dei temi che verranno affrontati – vedi PD -. Dare voce ai cittadini è intenzione di candidati che, ascoltando, svolgano il ruolo di raccordo con l’amministrazione comunale”.

«Nel precedente consiglio sono stati raggiunti risultati importanti. Dal PD, sul versante sanitario, richiamano un nuovo ambulatorio di cure vaccinali nel capoluogo di regione; sulla sicurezza stradale, l’approvazione delle misure di sicurezza degli attraversamenti pedonali tramite Rocca Brancaleone e le telecamere Forces Zarattini da realizzare nel 2022; a seguire la riqualificazione e il restauro della Rocca Brancaleone, porta di accesso al Teguriense, lo sblocco delle attività di villa Callegari e l’apertura di un collegamento tra il parco della villa e il Parco Grisenko”.

Tra gli obiettivi futuri, gli assessori lavoreranno su quattro ambiti chiave – prosegue PD-: in primis tutta la sicurezza stradale e veicolare, soprattutto nel caso della viabilità per anziani e disabili a piedi o in bicicletta nell’area museale. Poi le opere pubbliche, le scelte urbanistiche e l’uso del territorio con particolare attenzione ai nuovi insediamenti urbani nella zona di Fornace Zarattini e nel quartiere di San Giuseppe. Per quanto riguarda i servizi di salute e benessere, l’informazione può essere migliorata attraverso incontri con i cittadini sul nuovo edificio dei servizi sanitari locali ed è prevista l’integrazione di un ambulatorio di cure iniettabili con un servizio di supporto per la gestione sicura dei farmaci, creando piani personalizzati. Il quarto tema, ma il più importante, riguarda l’espansione delle organizzazioni di volontariato impegnate nell’accoglienza e nella mobilitazione, ma anche nell’aiuto alle persone vulnerabili. L’obiettivo, quindi, è quello di creare un tavolo di organizzazioni, di mantenere i collegamenti e di contribuire al rafforzamento delle attività dei centri di accoglienza per stranieri e persone vulnerabili e delle organizzazioni che operano nel sociale sul territorio.