Vai al contenuto

EMBARGO Carbone E CAMION / “Stop al gas? Non per ora ma per le elezioni”

PROGRESSI DELLE SANZIONI UE ALLA RUSSIA: carbone, camion e navi

L’Unione Europea si prepara ad accettare nuove sanzioni contro la Russia produrre un L’intero embargo riguarda carbone, camion e navi russi: selezione di costringendo a fermare il gas russoal momento, non incluso nella bozza in discussione alla Commissione Europea ma non è escluso se sarà possibile in un prossimo futuro.

Quindi Il massacro di Bucha – oggi Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite valuterà le modifiche al presidente Zelensky ci è nato Il ministro degli Esteri russo LavrovEuropa e Stati Uniti stanno preparando un nuovo round di severe sanzioni economiche contro il Cremlino ma non c’è un consenso completo sul contenuto di questi emendamenti: se i leader sono d’accordo su cosa fare contro Putin, una situazione completamente diversa li vede invece di essere in disaccordo su quali linee dovrebbero essere considerato. . “Secondo la Commissione europea, l’embargo è l’opzione preferitaHa detto questo Il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis accanto alla conferenza Ecofin in Lussemburgo, “ma dobbiamo raggiungere un accordo tra gli Stati membri. I negoziati su nuove misure contro Mosca riguardano il settore energetico, come carbone e petrolio, ulteriori sanzioni commerciali e nuove sanzioni.“Secondo Dombrovskis, la cosa più importante è mostrare”.un pacchetto forte e affidabile alla luce delle atrocità che vediamo perpetrate dall’esercito russo in UcrainaSecondo gli sviluppi emersi oggi sul “Financial Times”, i delegati dell’UE stanno pensando a una sorta di pensiero. importanti dazi sul petrolio russo e sul carbone estero «nel tentativo di incoraggiare gli Stati membri a ridurre rapidamente i propri consumi“. Tra le stime in tabella c’è lo stop totale a Camion e navi russi su terra/mari europei, e le sanzioni possono anche colpire gomma, legno, cemento, alcool, acidificanti.

SANZIONI UE, GENTILONIA: “NON C’E’ GAS A BARGO ORA, ALL’ORA…”

«Sappiamo tutti che le sanzioni hanno un impatto sull’economia europea, ma se vogliamo rispondere con armi economiche a un attacco militare ci sono dei costi. E se aumentano le multe sul gas, i costi aumentano in modo esponenziale»: Così ha parlato con Ecofin il commissario Ue all’EconomiaPaolo Gentilonicommentando possibili nuove sanzioni in Russia, in risposta Il massacro di Bucha.

«La situazione in cui ci troviamo giustifica nuove iniziative. Al momento non li prendiamo con l’embargo sul gas dalla Russia, ma in futuro non è incluso», ha aggiunto l’ex presidente del Consiglio Pd. In attesa della prossima visita a Kiev della presidente dell’UE Ursula Von der Leyen e l’Alto Commissario dell’UE per la politica estera Borrelpaesi “separati” dalle politiche da adottare sul lato energetico: i Macron Francia spinge l’intero embargo e gas, come definito da Ministro delle Finanze Le Maire«L’UE sta lavorando per rafforzare le sanzioni economiche contro la Russia. Potrebbe andare oltre l’inasprimento delle sanzioni su esportazioni e importazioni, un aumento dell’elenco delle persone accreditate e il lavoro nel settore energetico.». Invece, la Germania è coinvolta in una disputa con il ministro Lindner: «Vogliamo l’indipendenza senza l’importazione di potere dalla Russia il prima possibile. La Germania sosterrà ulteriori sanzioni contro la Russia, ma per ora L’alimentazione del gas non può essere interrotta“Attualmente l’i Paesi baltici – Lettonia, Lituania, Estonia – ufficialmente i primi paesi a bloccare le importazioni di gas russe dal 1 aprile scorso.

© LA PRODUZIONE È STATA SALVATA