Vai al contenuto

Giornata di Adesione con i podcast’ AAA-AscoltiAmo l’Aadenza’-Padovanews

(Adnkronos) –
Le cure sono efficaci solo se vengono rispettate le prescrizioni del medico: questo l’impegno dell’équipe italiana di Servier che, anche quest’anno, alla Giornata Nazionale delle Cure, che si celebra per la prima volta il 12 aprile. linea per contribuire a sensibilizzare sull’importanza di seguire adeguatamente il trattamento per le malattie croniche. “Generare informazione, sensibilizzare comunità, istituzioni, operatori sanitari: questo è l’obiettivo della Giornata Nazionale del Trattamento di Adesione che abbiamo tanto disperatamente voluto e sviluppato in questi tre anni – dichiara Eleonora Selvi, Presidente Senior Italia FederAnziani. , dove contribuiscono diversi attori del sistema sanitario”.

Ad oggi sono ancora molti i pazienti che riducono, sbagliano o scartano i farmaci, soprattutto quando devono fare i conti con cure a lungo termine, che cambiano il loro stile di vita. «La non aderenza mostra un problema trasversale a tutte le patologie – afferma Pier Luigi Temporelli, cardiologo e direttore sanitario Ics Maugeri, Irccs Gattico-Veruno -. Questo perché in molti casi i pazienti hanno un profilo di rischio solo quando sono alle prese con una malattia conclamata oppure perché, dopo aver assunto il farmaco per un po’, si sentono meglio e non si sentono più necessari».

«Nel tentativo di colmare questa lacuna – prosegue – noi specialisti possiamo intervenire semplificando il trattamento e l’uso di molecole preesistenti di diverse molecole, come evidenziato dalle norme europee, e insegnando al malato cronico ad essere ‘più obbediente’. Buon senso Ad esempio, la non aderenza al trattamento antipertensivo significa che nel breve termine non controlla la pressione sanguigna e mette il paziente, nel lungo periodo, peggio della malattia stessa, come ictus e malattie cardiache, con un aumento del 18% e del 12% dei casi”.

Per questo il Gruppo Servier in Italia rinnova il proprio impegno sul tema attraverso una nuova iniziativa di sensibilizzazione: ‘AAA – AscoltiAmo l’Aadenza!’, Un elenco di nove podcast didattici, realizzato con il coinvolgimento di cardiologi. Alessandro Cecchi Paone, nel suo ruolo di coordinatore scientifico, ha il compito di riportare e spiegare perché è così importante seguire correttamente le cure.

“Sono rimasto così colpito dalla relazione di uno degli esperti – Alessandro Cecchi Paone, giornalista e divulgatore scientifico – che ho avuto l’opportunità di intervistarlo durante i podcast:” le droghe funzionano solo se le prendi “, Chiaramente, il termine veicola l’idea di un trattamento profondo. Credo che i pazienti possano capire l’importanza di seguire correttamente il trattamento con strumenti informativi come i podcast. Il ruolo di voce è stato riscoperto negli ultimi anni grazie a nuovi strumenti, che consentono di fruire di questi contenuti in qualsiasi momento della giornata. Per questo sono felice di dare una voce, la mia voce, a questo punto”.

I podcast saranno disponibili da oggi sulle principali piattaforme come Apple Podcasts, Google Podcasts, Spotify, Alexa e gli assistenti vocali Google che stanno promuovendo anche il programma digitale Servier Team in Italia e ‘Al cuore dell’Aderenza’ (YouTube, Facebook, Facebook, Facebook Twitter).

Le malattie croniche colpiscono il 60% degli italiani over 65 e, tra queste, le malattie cardiometaboliche sono le più comuni (27%), ricorda l’articolo. Nonostante grazie ai trattamenti farmacologici disponibili i decessi per cardiopatia ischemica siano stati ridotti del 50% negli ultimi 20 anni, oggi la metà degli italiani non sa cosa significhi ‘aderenza al trattamento’.

“Da 50 anni il Gruppo Servier italiano è al fianco dei pazienti con malattie cardiache – sottolinea Viviana Ruggieri, relazioni esterne, accesso al mercato e amministratore delegato del Gruppo Servier in Italia – per fornire un’ampia gamma di terapie efficaci e tolleranti che rispondano alle loro esigenze .essere su un’unica polipillola permette il controllo di molti principi attivi, aumentando così l’aderenza del trattamento stesso.Il nostro impegno si concretizza anche attraverso l’attuazione di misure volte a sensibilizzare tutti i soggetti coinvolti, ed in particolare le risorse educative rivolto a operatori sanitari, pazienti e badanti, come l’ecosistema digitale ‘Al cuore dell’aderenza’”.

Un paziente in aderenza non significa solo una perdita di efficacia terapeutica ma anche uno spreco di risorse economiche nel SSN. La mancata adesione al trattamento farmacologico dovrebbe costare 125 miliardi di euro l’anno e 105 miliardi di dollari negli Stati Uniti in termini di ospedalizzazione, pronto soccorso e visite ambulatoriali. Sebbene l’aderenza al trattamento sia un problema di salute ben noto, pochissimi paesi valutano e segnalano tassi di adesione. Gli Stati Uniti e la Svezia sono gli unici paesi dell’OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) a misurare e segnalare l’aderenza e l’assistenza coerente a livello del sistema sanitario cardiovascolare.

“È noto che bassi livelli di aderenza e aderenza al trattamento si associano ad alti costi sanitari – conclude Enrica Menditto, direttrice del Centro Interdipartimentale di Ricerca sull’Economia Farmaceutica e sull’Uso Farmaceutico (Cirff), Università degli Studi di Napoli Federico II – criticità Diminuite qualità della vita per i pazienti e alta prevalenza e recidiva della malattia.In un recente studio del mio istituto, abbiamo analizzato come migliorare la gestione del sistema sanitario e migliorare i risultati per l’assistenza.(Lea) misura l’aderenza al trattamento e l’efficienza di in modo positivo i sistemi sanitari del Paese. La vera sfida a livello sanitario che possiamo vincere solo facendo passi diversi, da questo questo è politico, medico e sociale».

Il progetto podcast integrerà l’ecosistema digitale del Gruppo Servier Italiano ‘Al Cuore dell’Aderenza’ e sarà un’ulteriore fonte di informazioni e conoscenze nella cura del paziente. Per maggiori informazioni: www.alcuoredelladerenza.it

(Adnkronos- Salute)

Per favore seguici e amaci:

fb-icona di condivisione
Condividi iPin