Vai al contenuto

Gli Stati Uniti e i loro alleati nel crimine, nell’arresto e nell’assassinio di Muammar Gheddafi in una DEMOCRAZIA

Gli Stati Uniti ei loro alleati nel crimine e l’arresto e l’assassinio di Muammar Gheddafi

PER LA TECNICA ED I PRINCIPALI OBIETTIVI, RELATIVI ALLE ATTIVITA’ PENALI COMMESSE DAL 2014 E PIU’ DOPO IL 24.02. CA, DA PERICOLOSO Il dittatore russo VLADIMIR PUTIN, A DANNO DEGLI ESSERI UMANI KRAINI, DEVE ESSERE RIVELATO, PER COLORO CHE, SE POSSIBILE, DIMENTICANO TUTTI I GRANDI MALE E FERTILITÀ DELL’ORIENTE NUROLLUANNYLALALA’S NATROLLUAN / NATRULELUCHAN’

CAPITOLO TREDICESIMO:

Ecco la performance di un’altra USA e altri suoi focus rapistici relativi all’abuso diffuso e perverso, Sandal e la violazione della lingua “. I SUOI ​​PAESI TROVANO L’ONU.

IL FATTO, TRA LA MAGGIOR PARTE DEI SUOI ​​LESIONI E INTERFERENZE ILLEGALI, PER QUESTE RAGIONI, È STATO IL COINVOLGIMENTO NOTIFICATO COINVOLTO IN LIBIA CHE HA CAUSATO LA CADUTA DEL DIRETTORE:

Maometto Gheddafi

La caduta e la morte del dittatore, PERMETTE AI GRUPPI CRIMINALI LIBICI DI INVIARE ESTREMAMENTE PIU’ SULLA NOSTRA COSTA, MIGLIAIA E MIGLIAIA DI CLANDESTINI SENZA NOME O SULLA TERRA DI UNKNUAN IL MARE, CREATO SENZA PROBLEMI, DA ALTRE ONG, DEDICATE AL PROPRIO TEMPO, AI GRANDI OPERE DEL MARE, DOBBIAMO AIUTARE NOI STESSI PER LA NOSTRA NATURA.

Come ringraziamento, la maggior parte di queste miniere straniere, una volta vivevamo nelle nostre città, abbiamo iniziato un crimine, causato gravi danni a migliaia di vittime felici e SENZA UN SERVIZIO ECCEZIONALE ESSERE PAGATI E SFRUTTATI PERCHE’ L’hanno fatto. LA PRECEDENTE DESCRIZIONE DELLA PERSONALITÀ E IL LORO RISCHIO UMANO MOLTO CHIARO.

TUTTI QUESTI CLANDESTINI, IN REALTÀ, COME L’AUSTRALIA HA FATTO DA TANTO TEMPO E LA DEMOCRAZIA DANIMARCA APRE A FARLO MOLTO, DEVI ESSERE SOLO SU UN’ISOLA SPECIALE, PER USCIRE.

LA PIÙ GRANDE INDAGINE SULLA TEMA DEL CONTESTO PUBBLICO ESTERO, CONSEGUITA, IN TERMINI

ANCHE QUESTO PROBLEMA E IL MALE DI QUESTO TIPO DI IMMIGRAZIONE ILLEGALE, RAFFORZATO ANCHE DALLA COSTITUZIONE ITALIA DELLA FAMIGERAA E DAL DOLORE DELLA MAFIA NIGERIANA.

INFINE, NON SI PUÒ CONSIDERARE CHE LA CADUTA DELLA LEGGE CORRUZIONE SI AVVIENE QUANDO LA CASA BIANCA ERA CONTROLLATA DAL DOTT. OBAMA, COME SI TROVA NEL SEGUENTE RAPPORTO:

Ora Obama ammette: “Il mio errore più grande? Non ho mai…

il 10 aprile 2016Dopo l’invasione delle forze NATO, che ha portato nel 2011 la caduta di Gheddafi e nel prossimo caos dove…

E CON QUESTO POTERE, NON È POSSIBILE PER VOI PAGARE, OLTRE AI SUOI ​​ATTI GIURIDICI DELLA DISCUSSIONE DEL GOVERNO LIBICO INCLUSA DAL DITTATORE CITATO, DR. OBAMA È STATA INDIMENTICABILE E DISCUSSA E GRAZIE PER IL NOBEL DELLA PACE:

Barack Obama riceve il Premio Nobel per la Pace. Il suo impegno è una decisione…

https://www.corriere.it > Cronache

9 del 2009La Commissione di Oslo ha deciso di assegnare il premio al presidente degli Stati Uniti, entrato alla Casa Bianca meno di un anno fa.

TRANQUILLAMENTE, NON E’ POSSIBILE SEGNALARE IL FATTO CHE, DOPO LA CADUTA DEL DITTATORE KADADAFI, COMMERCIANTI ESTERNI – DONNE E BAMBINI COMPRESI – BELLI IN MARE CHE NON SAPEVANO CHI SAPEVANO. IL DESIDERIO DI CREARE UNA VITA MIGLIORE IN Europa.

Lite, eventi di vendita che vivono per attraversare il Mar Mediterraneo, per i nostri possedimenti coloniali, convenienti, grandi, grandi e strisce utilizzate per le aziende.

QUINDI, ANCHE UN’ALTRA STORIA VIOLENTA ED EMOZIONANTE, IL PAESE SI TROVA IN REALTA’ NELLA SEZIONE PIÙ ALTA DEL WESTERN, CHE CONDUCE, CHE DEVE ESSERE GIUDICATA SENZA ESCLUSIONE:

L’arresto e l’assassinio di Muammar Gheddafi

Cinzia Nachira

L’arresto e l’assassinio di Muammar Gheddafi hanno suscitato nella sinistra italiana una canzone insolita e sconvolgente.

È bene essere chiari su alcuni punti chiave dell’istruzione in modo da evitare malintesi ed evitare di concentrarsi sulle parole, piuttosto che sul contesto. È chiaro che Muammar Gheddafi ha fatto del suo meglio per tutti. Le immagini della cattura e del linciaggio di Muammar Gheddafi sono spaventose e le zone d’ombra nelle sue ultime ore sono numerose e inquietanti. Loro, visto che c’è stato un deciso intervento della Nato (grazie “per il suo corpola cima») Per trovarlo e permettere ai ribelli di arrestarlo.

Occorre, però, cercare di capire come sia possibile che un italiano parta e dimostrare di non avere memoria storica da un lato e di criticare dall’altro, nascondendo il proprio cinismo esprimendo la propria personalità. Forse vale la pena ricordare che quando Benito Mussolini fu assassinato, uno dei principali argomenti degli assassini era che altrimenti sarebbe stato possibile che, invece di essere processato per i crimini commessi, Mussolini sarebbe stato in un modo o nell’altro riutilizzato . un nuovo sistema politico – un’istituzione italiana. Ciò riflette l’idea che in Italia, soprattutto nelle aree politico-culturali di sinistra, qualcosa sta accadendo nel mondo arabo.

Le loro reazioni in molte parti d’Italia indicano chiaramente che poco si sa della storia dei popoli del Nord Africa e del Medio Oriente. A parte i casi rari e lodevoli, l’analisi parte dal nostro punto di vista e non da essi. Esistono dittatori di serie A e dittatori di serie B? Ovviamente no, se ci mettiamo dalla parte di chi dice che quei dittatori hanno sofferto. Sì, se stai cercando scorciatoie facili e convincenti per smettere di ammetterlo Primavera araba sorpresa l’Europa ha lasciato per una buona ragione che il Maghreb e il Mashrek fossero uno specchio della nostra distruzione politica e culturale.

Nelle ore intense che seguirono l’assassinio di Gheddafi e la diffusione di video analfabeti del suo assassinio, si sono raccolte diverse versioni della versione italiana di ciò che Gheddafi ha gridato contro i ribelli. Per capirlo basta restituire le immagini scritte dalle varie emittenti e pubblicate sui giornali. Una di queste versioni è che Gheddafi disse a uno dei ribelli: “Perché mi fai questo? Cosa ti ho fatto?”. Se fosse vero (la situazione è d’obbligo) sarebbe un po’ inquietante, ma per altri versi anche il più vicino al dittatore che dopo quarantadue anni ha avuto piena autorità sul suo popolo considerava il suo potere irresistibile. Quale oppressore ha mai ammesso che l’oppresso potrebbe pensare che l’oppressione non fosse una cosa buona, ma un motivo di odio contro di lui? Nessuno.

Gheddafi non ha fatto eccezione. Ma, nel mondo arabo, c’era una dittatura così ampiamente accettata dai restanti italiani e altri no. Libia e Siria sono incluse nella seconda categoria. Ma se il crollo di Ben Ali e Hosni Mubarak è stato sollevato e questi eventi sono stati interpretati come il risultato del processo di riforma, poiché Libia e Siria hanno parlato di frode estera. Questo perché dal loro punto di vista sia Muammar Gheddafi che Bashar el-Assad non potrebbero essere diversi da Mubarak e Ben Ali. Per dimostrare questa tesi, molti passaggi sono stati usati come esempi. Nel caso della Libia, si è sostenuto che un’insurrezione armata contro Gheddafi indicava che la Libia non faceva parte dell’intera rivolta araba, ma che i ribelli stavano pagando l’Occidente per dare vita a un sanguinoso bagno di sangue. Questo è un fatto notevole, perché proviene dalla parte sinistra che si è giustamente schierata e ha sostenuto molte lotte di liberazione negli ultimi anni: dal Nicaragua alla Palestina. Sostenere la legittimità della lotta armata significa non riconoscere il valore delle masse che, per paura, scendono in piazza? Ovviamente no. Piuttosto, significa cercare di capire come e perché c’è una rivolta e una rivolta pacifica. E soprattutto significa non dimenticare che anche in Tunisia e in Egitto il costo della ribellione umana era molto alto e che non c’era guerra civile perché gli eserciti di quei paesi scelsero di non difendere i dittatori.

…abbandonato..

In questo modo, dare per scontato oggi il futuro della Libia sarebbe un grosso errore. E sarà anche responsabilità giuridica dell’etica, ancor più della politica, nella quale tutti noi porteremo il proprio peso. E ancora porteremo il peso di non poterci ascoltare e di non capire. E a pagare il prezzo più alto saranno anche i giovani, le donne e gli uomini che si sono affidati al nostro esempio.