Vai al contenuto

Il 2022 sarà l’anno delle nozze?

Chiunque abbia pianificato di sposarsi negli ultimi anni ha dovuto apportare alcuni cambiamenti drastici ai suoi piani. Dall’inizio dell’epidemia, il settore coniugale è da allora crollato ed è ripreso con più o meno barriere, ma generalmente non ha smesso di soffrire a causa dell’incertezza legata all’aumento dei contagi e alle successive misure del governo. Ora che le leggi sul matrimonio si sono un po’ allentate, poiché le infezioni stanno diminuendo e si avvicina il clima più caldo, ci si aspetta che molte coppie recuperino il tempo perso e il numero di matrimoni è molto più alto di quello standard dell’anno prima.

Negli Stati Uniti il ​​numero di matrimoni programmati quest’anno è il più alto dal 1984: circa 2,5 milioni. In Italia, però, non ci sembra lo stesso: infatti, tra chi lavora nel settore c’è chi dice che la vera ripresa non è ancora iniziata e non nasconde la preoccupazione. A questo bisogna aggiungere che, per adeguarsi alle circostanze, cambia il metodo di organizzazione dei matrimoni: i tempi di preparazione si riducono, gli invitati sono meno e di solito spendono meno.

Nel 2020, primo anno dell’epidemia, in Italia i matrimoni erano circa 99mila, di cui poco più della metà nel 2019. I dati Istat intermedi dei primi 9 mesi del 2021 mostrano una ricorrenza rispetto agli stessi mesi del 2020: un dato che comunque non restituisce il calo precedente.

È troppo presto per avere dati per il 2022, ma l’esempio più piccolo che si può fare per farsi un’idea è quello del Comune di Milano. Nell’anno prima dell’epidemia, i soli matrimoni civili (compresi i matrimoni civili) erano compresi tra 2.000 e 2.200 e i matrimoni in chiesa erano circa la metà. Nel 2020 in totale c’erano 1.267 religiosi per un totale di 262. Quest’anno, da gennaio a luglio, i soli matrimoni civili dovrebbero essere 863.225 già celebrati: “nessun dato per il secondo mandato, il minimo richiesto, e dati per i matrimoni in chiesa; la maggior parte dei quali prende: come sappiamo è possibile non torneremo a cifre pre-epidemia».

I dati di Matrimonio.com, un sito che combina edifici e servizi per una festa di matrimonio, mostrano che c’è interesse ma probabilmente vedremo i risultati in seguito. Dal 1 gennaio al 23 febbraio 2022, infatti, il numero di nuovi iscritti al sito è stato lo stesso del 2019, ma tra le coppie appena iscritte circa tre terzi si sposeranno nel 2023. “Guardando alle richieste di informazioni e ai preventivi ottenuti, sia entro il 2022 che nel 2023, l’idea che ci siamo fatti è che la macchina dell’organizzazione riparte: +37 per cento rispetto al 2021 e 7 per cento rispetto al 2019”.

Il proprietario di Villa Ester, una location per matrimoni nel catanese, dice che non sono mai tornati al ritmo originale e spiega che, entro il 2019, avrebbero avuto tra i 70 e gli 80 matrimoni, quest’anno. solo quaranta. “Ci aspettavamo una ripresa e invece sembrava tutto troppo lento” ha detto Lo Sprocco, proprietario di Villa Medicea, sulle colline del Mugello, in Toscana: “La gente non è sicura, non sappiamo cosa fare.

“La nostra opinione è che tutto si muova senza intoppi”, ha affermato il proprietario di Villa Madama, un edificio attrezzato per ospitare matrimoni nel Salento: “Da Natale ad oggi sono stati cancellati 30 eventi per diversità di omicron. L’estate è molto affollata, ma non è più il matrimonio di una volta: i posti sono stati cortissimi». “Le coppie con 30 o 40 invitati vengono spesso, ma non posso aprire un evento del genere: con l’aumento dei prezzi di luce e gas e l’aumento generale della spesa, non posso rimborsare i costi”, conferma il titolare Medici Villa Lo Sprocco.

Fabio La Daga, responsabile comunicazione della fiera MilanoSposi, la sua prossima edizione si terrà dal 4 al 6 marzo, affermando che “c’è voglia di ricominciare, ma i soldi in giro sono pochi, perché tutta l’economia si è ridotta. E questo genere I coniugi sono meno propensi e meno disposti a investire nel matrimonio, preferendo altri investimenti. Questo era vero anche prima dell’epidemia: per esempio molti anni fa c’erano molti investimenti in accoglienza e pochi viaggi, mentre oggi c’è molta attenzione in luna di miele”.

“Quello che ho notato ultimamente è quello che chiamo “matrimoni last minute”, ha detto Chiara Pacifico, wedding planner e docente dell’Associazione Italiana Wedding Planner. «La fase di incubazione del preparato è cambiata. Prima di allora ci volevano dai 9 ai 12 mesi per prepararsi al matrimonio, mentre ora capita che mi abbiano chiamato 4 o 5 mesi prima. Forse c’è voglia di passare un po’ di tranquillità e di non rischiare di andare troppo lontano». Non è raro che le coppie arrivino a quest’ora chiedendo l’accesso a giugno o luglio. Ebbene, il proprietario di Villa Madama ha detto l’anno scorso i risparmi vanno di mese in mese.

In più, in un primo momento c’è stata l’emozione di godersi le fasi di preparazione, e su un palco in corso: il costume è stato scelto con mamma e amici ed è stato ufficialmente annunciato il fidanzamento. Cena con entrambi i partner” continua Pacifico.

Anche La Daga di MilanoSposi conferma di aver osservato un andamento simile: “i suoi ospiti in fiera si registrano spesso in gruppo con genitori, sorelle, fratelli, mentre ora la media delle iscrizioni è scesa a due: quasi sempre solo una coppia”. L’ultimo programma di giustizia, svoltosi nell’ottobre 2021 – poco prima che il numero dei contagi in Italia riprendesse a crescere – ha avuto 6.000 visitatori: prima dell’epidemia i numeri andavano da 10 a 15mila.

«Rispetto alle restrizioni iniziali, devo dire che quest’anno i compagni che mi sembrano liberi si sono abituati alle regole, che comunque non sono molto difficili», dice Pacifico: «tu vivi tutto con rinnovata speranza, puoi tutto sarà fatto? O il virus tornerà a maggio?».

«Abbiamo visto anche i tempi diminuire», ha detto il titolare della tavernetta, fornendo eventi nello stato di Venezia: «In tanti aspettano all’ultimo momento per via dello stato di salute».