Vai al contenuto

Il Vescovado-Scala, un po’ contro il valore della finalità del restauro della fonte: “La ragione per spendere soldi pubblici”



Il Vescovado-Scala, un po’ contro il valore della finalità del restauro della fonte: “La ragione per spendere soldi pubblici”









Questo sito o gli strumenti terzi utilizzati in questo processo utilizzano cookie che sono essenziali per il suo funzionamento e sono utili alle finalità descritte nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o più cookie, consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo annuncio, scorrendo la pagina, cliccando un link o proseguendo la ricerca in altro modo acconsenti all’uso dei cookie.

Accettare

Tu sei qui:
SezioniPoliticaScala, gruppo contro la cifra fissata per risanare la fonte: “Il motivo per spendere soldi pubblici”

Acquista online la colomba d'arte del Pastry Chef Sal De Riso

Scala, Costiera amalfitana, fonte, restauro, lavoro, minoranza, politica

Scala, gruppo contro la cifra fissata per risanare la fonte: “Il motivo per spendere soldi pubblici”

Secondo un piccolo consiglio, “l’idea di riqualificare un monumento (ce ne sono molti altri da valorizzare) non dovrebbe e non dovrebbe essere la base della spesa pubblica in maniera regolare e in qualsiasi situazione!”

Inserito da (Redazione LdA), lunedì 18 aprile 2022 21:16:03

Ultimo aggiornamento lunedì 18 aprile 2022 21:16:03

Come è ormai noto, l’a Scala Ha iniziato i lavori di restauro della fonte storica in Piazza Municipio.

Per fare ciò il Comune della Costiera Amalfitana detrae i fondi PSR 2014\2020 – Intervento GAL Terra Protetta 7.6.1 Op. B-Int.2.

Ma questo ha fatto storcere il naso ad alcuni consiglieri, che hanno scritto: “Circa 70.000 euro per il ritorno di fonte Scala. Ripetiamo 70.000,00 euro!!!”.

E fecero paragoni con Amalfi, dove “il restauro della settecentesca fonte di Sant’Andrea costa circa 40.000 (i soldi, tra l’altro, provengono dalla tassa di soggiorno!!!)».

Secondo alcuni consiglieri Antonio Ferrigno, Massimiliano Bottone al Gerardo Apicellal’idea di migliorare la memoria (ce ne sono tante altre che saranno apprezzate e solo belle foto scattate!) è impossibile e non dovrebbe essere uno spreco di spesa pubblica in maniera regolare e in nessun caso! Siamo in una situazione difficile per i lavoratori e le imprese! La governance deve investire nella creazione dell’economia, non solo nel guardare bene agli occhi delle persone…”.

Di conseguenza, dicono: “in Consiglio Comunale abbiamo votato contro questa politica perché non l’hanno presa sul serio, ma monitoreremo sempre i lavori e vi terremo aggiornati! “.

Se sei arrivato fin qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono le nostre notizie senza limiti perché diamo libero accesso a tutti.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni degli studenti. Supporto informativo di qualità, supporto Vescovi!

Seleziona il tuo input con

Per essere costantemente aggiornato sulle novità del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica l’App!

Attrezzatura
Mela

Attrezzatura
Androide

Galleria fotografica

qualità:

Politica

Per ridurre la dipendenza dal gas russo, l’Italia firma accordi con l’Algeria

Per ridurre la dipendenza dal gas russo, l'Italia firma accordi con l'Algeria

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, era ieri, 11 aprile, in visita ad Algeri. Al suo arrivo all’aeroporto di Houari Boumédiène, ha incontrato il Primo Ministro della Repubblica Democratica e Popolare d’Algeria, Aïmen Benabderrahmane. In seguito depose una ghirlanda di fiori…

Copyright © 2015-2022
VescovatoPortale Internet Costiera Amalfitana Portale online
prodotto da Costiera Amalfitana 3H Progetto ETS

Sede legale:
C.so Reginna 66 – 84010 Maiori (Salerno)
Sistema di bordo:
C.so Reginna 66 – 84010 Maiori (Salerno)
P.IVA: 95180030652

ilvescovado.it non è un quotidiano in quanto viene aggiornato senza periodicità.

Informativa sulla privacy dei cookie

Per essere costantemente aggiornato sulle novità del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica l’App!

app Store
Gioco di Google