Vai al contenuto

In Cina, Omicron incoraggia gli economisti a utilizzare “indicatori insoliti” per fare stime

Dalle operazioni di corriere al numero di biglietti venduti al cinema: gli economisti si affidano a dati non accademici per determinare una realtà che sta cambiando rapidamente.

Capire in che direzione è rivolto Economia cineseda tempo ormai la maggior parte degli analisti si affida a questo indicatori insoliti. Questi dati sembrano inaffidabili – come il numero di persone che usano la metropolitana o la vendita dei biglietti al cinema – ma in alcuni casi, se usati correttamente, possono dipingere un quadro più realistico rispetto ai dati ufficiali.

Il motivo, spiega “The Economist”, è legato all’epidemia. A causa della velocità con cui diffondiamo la diversità di Omicron, la maggior parte dei dati ufficiali è già scaduta al momento della pubblicazione, poiché si riferisce a un fatto obsoleto. Gli ultimi dati diffusi da Pechino preoccupano per i mesi di gennaio e febbraio: cifre da capogiro, ma sono già finite. Il più delle volte, infatti, i nuovi casi di Covid-19 in Cina sono stati meno di 200 al giorno, mentre il 4 aprile i contagi hanno superato i 13mila.

Esempi di segni insoliti in Cina

Directory Baidu

Per avere un quadro fresco e chiaro dell’economia cinese, quindi, bisogna fare affidamento su indicatori meno educativi. Il primo esempio riguarda Baidu, un popolare motore di ricerca cinese che fornisce anche un’app di tracciamento, dove opera. Guida al movimento per i cittadini di tutti i giorni. Dal 28 marzo al 3 aprile, questo indicatore è stato di oltre il 48% inferiore al livello raggiunto nello stesso periodo dell’anno scorso.

Viaggiare in treno

La guida di Baidu è meglio attrezzata per tenere traccia dei movimenti tra le città, afferma Ting Lu della banca Nomura. Valutazione mobilità all’interno di un centro cittadino vengono utilizzati altri indicatori, come il viaggio in metropolitana. Nella settimana terminata il 2 aprile, il numero di viaggi nelle otto città più grandi della Cina è stato inferiore di quasi il 34% rispetto allo stesso periodo del 2021. A Shanghai, dove le linee della metropolitana sono chiuse, il numero dei viaggi è diminuito di quasi il 93%, un calo più marcato rispetto a quello registrato all’inizio del 2020.

Corrieri e camion in Cina

Alcuni indicatori insoliti sono una preoccupazione sistema di distribuzione economica, in particolare corrieri e camion. Dal 26 marzo al 1 aprile, l’indice di consegna dei corrieri è sceso di quasi il 27% su base annua. Allo stesso tempo, l’indice del trasporto su strada guidato da Spirit ha mostrato un calo del 12,8%. Il calo sembra ancora più forte poiché questo indicatore è aumentato di oltre il 7% alla fine dello scorso anno.

Dubbi sui dati ufficiali a Pechino

I sintomi insoliti sono molto importanti anche in Cina perché non c’è carenza dubbi sull’affidabilità dei dati ufficiali. I numeri di gennaio e febbraio, ad esempio, non sono solo vecchi, ma anche impressionanti. Suggeriscono che gli investimenti in attività come infrastrutture o impianti di produzione aumenteranno del 12,2% su base annua. Ma questa tendenza è difficile da combinare con il calo a due cifre della produzione di acciaio e cemento. Anche il ritorno sull’investimento immobiliare è sorprendente dato il calo delle vendite immobiliari.

La trappola della ricerca settimanale

Il passare del tempo di segnali insoliti li rende preziosi durante la transizione, ma comunque i dati vengono interpretati con attenzione. “Ci sono così tante trappole in questi numeri”, dice Lu. L’argomento può essere la ricerca a breve termine perversione di ogni tipo, come il maltempo o le vacanze. Inoltre, la maggior parte di questi indicatori è calcolata non più di qualche anno: l’autointerpretazione è quindi una scienza soprannaturale.

Un puntatore non basta

Per affrontare alcune delle insidie ​​di questi dati, Lu e il suo team di analisti stanno guardando “molti numeri, non unoIn un recente rapporto hanno fatto riferimento a 20 indicatori, dalla produzione di asfalto alla vendita dei biglietti del cinema: “Se sette o otto indicatori su dieci peggiorano, allora possiamo essere certi che la crescita del PIL rallenterà”, spiega ancora Lu., sottolineando che , al momento, la guida è chiara: “C’è davvero qualcosa che non va”.

Leggi tutto – La Cina perde potenza e rallenta il PIL entro il 2022: rischi con crisi energetica, guerra e immobili