Vai al contenuto

Killer Joe, il film che ha salvato il lavoro di Matthew McConaughey | Film

Killer Joe è su Amazon Prime Video

Gli oppositori di William Friedkin vedono dentro L’assassino Joe una delle svolte della sua carriera, e la conferma di un ritorno alla forma dopo un decennio difficile dal punto di vista creativo e commerciale come gli anni Novanta (e dopo il primo importante segno di vita) Insetto, 2006). È difficile biasimarli: dopo essere diventato uno dei dirigenti più influenti negli anni ’70 e ’80, Friedkin ha incontrato una battuta d’arresto dopo l’altra per il decennio successivo, il commercio in primo luogo ma anche in altri casi di design. L’assassino Joe Ha invece testimoniato come il regista abbia scaricato i rifiuti di quel decennio – un lavoro noioso, considerando il fatto che Friedkin non aveva più girato un film da allora (a parte il rapporto di padre Amorth), ma anche allora ha contribuito. tutt’altro che una delle più grandi opere di uno scrittore orgoglioso del suo curriculum Scaccia i demoni, Il braccio violento della legge, Vivi e muori a Los Angeles

Non sappiamo, però, se gli avversari di Matthew McConaughey esistano, ma se ci sono, siamo sicuri di averli anche noi. L’assassino Joe è un cambiamento. Lo stesso attore texano ha ammesso: e L’avvocato di Lincoln e ancora di più in quel film, il lavoro di Friedkin (tratto dalla prima commedia mai scritta da Tracy Letts) ha segnato prima e dopo il suo lavoro. Non il primo, onestà: questa volta L’assassino JoeIl viso di McConaughey (e soprattutto il suo petto) è stato abbinato a una serie di commedie romantiche di vario grado, che l’attore ha descritto come. “E’ stato divertente farlo, hanno pagato bene” ma l’avrebbero imbottigliato in un modo che non incoraggiasse l’archetipo.

Il problema è che McConaughey aveva contattato le romcom in un lungo tour: all’inizio della sua carriera si era fatto conoscere per i brutti film (soprattutto. La vita è un sogno), dopo di che ha potuto lavorare con altri registi preferiti (Zemeckis secondo ContattoSpielberg per Relazioni). Tuttavia, come per quegli avvisi di droga, McConaughey era entusiasta di essere pagato un sacco di soldi per la carne bovina ed è immediatamente entrato nel tunnel, mandando in frantumi le speranze di coloro che lo vedevano più che un bravo dattilografo. .

C’è più dettaglio nell’intervista che abbiamo collegato sopra L’assassino Joe e spiega il nostro punto di vista sul perché il film di Friedkin, di più L’avvocato di Lincoln, per dare al lavoro di McConaughey una vera trasformazione. Chi dice che il secondo copione lo colse subito perché gli dava la possibilità di tornare a lavorare su un personaggio tridimensionale, mentre quello L’assassino Joe lo odiava e lo odiava così tanto che lo pregava persino di parlare “No” senza pensarci due volte – e parlando “No” William Friedkin, che è venuto a cercare se stesso nel suo nuovo film, ha bisogno di molto coraggio. McConaughey chiede quindi un parere a un amico sconosciuto che ha avuto l’opportunità di leggere la sceneggiatura e che ha spiegato il modo corretto di leggerla: non come una storia oscura di decadimento e distruzione, ma come un’opera teatrale oscura e umoristica. .

Gino e Giano

Non vorremmo interpretare di più, ma il nostro punto di vista è che, dopo anni di insegnamento di tante barzellette d’amore in cui alcuni… Che cos’è questo impossibile, McConaughey è rimasto scioccato dalla sceneggiatura di Letts perché pensava che nessuno avrebbe voluto un film come questo – non lui, non con questa immagine perfetta e quegli addominali da sei. Eppure, in retrospettiva, è stato influenzato dall’idea di Un vero detective, è difficile pensare a un giocatore migliore del ruolo di Joe. McConaughey ha avuto il coraggio di buttarsi dentro e mettersi alla prova contro il suo personaggio, e (di nuovo) ha scoperto il tipo di talento che ora sembra essere sepolto nella sabbia di un altro oceano caldo dove l’amore al tramonto tra noi due. caratteri.

L’assassino Joe è un film dai contenuti esagerati e contraddittori, che a tratti è intrigante ma in molti casi scontra e crea caos. È il primo film di Friedkin ambientato negli angoli meridionali degli Stati Uniti, il primo dei quali il regista ha messo da parte il suo stile di gioco per indulgere in riprese estetiche e sbalorditive, ma il primo è pieno di caricature e umorismo. rough è anche un film in cui l’unico ordine nel mondo del caos è quello che dà il titolo all’opera e che agisce come un killer commerciale. Proprio in questo ruolo perfetto di McConaughey: viene preso sul serio da un altro mondo (cinematografico), dove eredita tutte le forme e la perfezione morale, ed è immerso in una sorta di inferno sociale con persone ignoranti. per pagare un lavoro ben fatto.

L'assassino Joe Gina

È una modella vestita da sceriffo, che parla in tono professionale e sofisticato ma nasconde (e non sta bene) un desiderio del tutto malsano di ragazze adolescenti; è una persona, presa nel giusto contesto, che ti fa venire voglia di informare tua madre, ma puoi essere estremamente violenta e crudele. Ma d’altra parte è lo stesso con gli altri animali che ci vivono L’assassino Joe – e non hanno l’onore di salvarli. Non c’è niente o nessuno salvato nel mondo che Tracy Letts ha composto, ed è per questo, sorprendentemente, Joe Cooper è il più conservatore; colui che almeno è in grado di mantenere la forma, anche se è indubbiamente marcia.

Se al posto di Matthew McConaughey ci fosse un altro giocatore con una faccia e un carisma sopra l’assassino e sotto il dandy, forse L’assassino Joe funzionerebbe di meno; era un film di cui McConaughey aveva bisogno per costruire la sua reputazione e dimostrare che poteva fare di più. Ma era anche un film che aveva bisogno di Matthew McConaughey per far lavorare Joe Cooper e metterlo in mezzo a tutto il caos. Nonostante L’assassino Joe non l’avremmo avuto Dallas Buyers Club, magico Mikequei pochi minuti sono trascorsi Il lupo di Wall Street; e senza Matthew McConaughey non avremmo avuto questo L’assassino Joe. Viviamo davvero in un mondo meraviglioso!