Vai al contenuto

La battaglia finale per sconfiggere Mariupol


I separatisti di Donetsk rivendicano la vittoria sugli occhiali Mariupol. Ciò che resta dei difensori della città sul Mar d’Azov, rinchiusi in una fabbrica di metalli, si sta preparando per la battaglia finale.

Una grande offensiva nel Donbass, secondo i secessionisti filorussi è imminente e secondo Kiev è già iniziata, potrebbe richiedere più tempo del previsto.

Fonti del Pentagono sottolineano che Mosca intende raddoppiare, se non triplicare, le sue esportazioni verso le regioni di Donetsk e Lugansk. e la regolazione richiederà “molto tempo”.

Il cancelliere austriaco Karl Nehammer, capo della Western Union dopo l’attacco con Vladimir Putin, sta attualmente tracciando un equilibrio sbagliato della conferenza che ha definito “molto difficile e aperta”.

“Non avevo una buona idea”, ha detto Nehammer, “al contrario, l’invasione russa continuerà”.

A Mariupol i russi hanno usato “qualcosa di sconosciuto” contro militari e civili: la presidente della commissione parlamentare Ue-ucraina, Ivanna Klympush, lo ha criticato.
Un politico ucraino ha aggiunto che la Russia “molto probabilmente” ha usato “armi chimiche” e che le vittime stavano vivendo “problemi respiratori”.

Secondo il battaglione Azov, nel Telegram, una sostanza tossica è stata rilasciata dal drone.


Giorno

07.30 Il sindaco Mariupol: “Qui sono morte più di 10mila persone, ma il numero potrebbe arrivare a 20mila”

Più di 10.000 persone sono morte nella città portuale ucraina di Mariupol. Lo ha affermato il sindaco della città Vadym BoychenkoAssociated Press, secondo le notizie internazionali. Secondo il sindaco, il bilancio delle vittime potrebbe raggiungere oltre 20.000 in una città afflitta da settimane e dove la carenza di cibo e la malnutrizione hanno lasciato molti corpi nelle strade. Boychenko ha anche accusato le forze russe di bloccare i veicoli che da settimane tentavano di entrare in città.

07.05 Treno danneggiato al confine con la Russia

Nella regione di confine di Shebekinsky tra Russia e Ucraina, nella regione di Belgorod, la linea ferroviaria è stata danneggiata. Lo ha annunciato il governatore locale, come riportato da Tass. Le ragioni sono ancora da chiarire. Secondo fonti ucraine, si tratta di un attacco per proteggere truppe e veicoli russi che entrano nel territorio.

06.40 Bollettino dello Stato Maggiore ucraino: la Russia ha schierato truppe vicino al confine orientale

“Il nemico sta cercando di eliminare il gruppo e il dispiegamento di truppe nelle aree di concentrazione di Belgorod e Voronezh nella Federazione Russa, nonché il dispiegamento di forze aeree e spaziali negli aeroporti vicino al confine orientale dell’Ucraina”. Lo ha scritto lo stato maggiore delle forze armate ucraine in un rapporto quotidiano. “Su Slobozhansky Road – prosegue – le forze nemiche continuano a chiudere la città di Kharkiv”. La forma è segnalata nell’area della città di Izyum e nell’area Indicazioni per Donetsk e Tavriya. “Ci sono segnali di rafforzamento del sistema di difesa aerea – conclude il rapporto – nelle aree di Melitopol e Ilovaisk. È possibile che in futuro il nemico tenti di prendere il controllo della città di Mariupol, catturare Popasna e compiere attacchi.

05.59 Oggi incontro Putin-Lukashenko

Il presidente russo Vladimir Putin incontrerà oggi il suo omologo bielorusso Alexander Lukashenko per discutere della situazione in Ucraina e delle sanzioni occidentali, riferiscono due agenzie di stampa internazionali. Lukashenko, che vorrebbe fare il mediatore ma è considerato il partner di Putin nell’invasione ucraina, è arrivato nella regione dell’Amur, nella Russia orientale, dove si svolgeranno faccia a faccia con il presidente russo nella regione di Vostochny. . Non per caso, il 12 aprile in Russia e in altre ex repubbliche sovietiche celebrano la giornata della cosmonautica, commemorando il primo volo di Yuri Gagarin, nel 1961.

04.42 Il Giappone impone nuove sanzioni agli asset russi

Le nuove misure sono state adottate dal governo giapponese per limitare l’accesso alle risorse economiche di selezionati cittadini russi nello Stato del Sole, in risposta a un’invasione di Mosca guidata dall’Ucraina. La decisione è stata presa da una delegazione di Tokyo in una riunione ministeriale, con l’approvazione della costituzione di 398 organizzazioni con base in Russia, comprese le figlie del presidente Putin e la moglie del ministro degli Esteri Sergey Lavrov. Dall’inizio del conflitto in Ucraina, il Giappone ha sostenuto i paesi del G7 a sostegno di Kiev e venerdì scorso ha annunciato l’intenzione di ridurre gradualmente la propria dipendenza dal gas russo, con l’obiettivo di porre fine gradualmente alla fornitura di carbone a Mosca.

03.37 Gli Stati Uniti chiedono il rilascio del detenuto russo

Il governo degli Stati Uniti ha chiesto il “rilascio immediato” del leader dell’opposizione russa Vladimir Kara-Murza, arrestato lunedì dalla polizia di Mosca dopo aver pubblicamente condannato l’operazione militare russa in Ucraina. “Gli Stati Uniti sono preoccupati per l’arresto da parte delle autorità russe dell’importante leader dei diritti umani Vladimir Kara-Murza oggi a Mosca”, ha affermato su Twitter il segretario di Stato americano Antony Blinken. Stiamo seguendo da vicino la situazione e lo esortiamo a essere rilasciato immediatamente”.

02.06 Allarme antiaereo a Kiev e Kharkiv

I campanelli d’allarme di Airsrink hanno ripreso a suonare alle 2.40 locali (1.40 in Italia), nelle regioni ucraine di Kiev e Kharkiv. L’avvertimento è stato lanciato nella parte meridionale del Paese, nella provincia di Mykolaiv. In precedenza, intorno alle 14, gli allarmi hanno colpito le regioni di Zaporizhia e Dnipropetrovsk.


01.51 Zelensky: “I russi lasciano mine ovunque per uccidere o ferire un gran numero di persone”

“Le truppe russe hanno lasciato buchi ovunque. Nelle case, nelle strade, nelle automobili, alle porte. Hanno fatto tutto il possibile per tornare in queste zone e diventare pericolose. Centinaia di migliaia di oggetti pericolosi, mine e proiettili che hanno non esplosi” sono stati ritrovati nelle parti settentrionali del Paese.

01.43 Londra ribadisce le informazioni sugli attacchi con armi chimiche

Il Regno Unito sta cercando di verificare le informazioni secondo cui la Russia ha utilizzato armi chimiche nel La città di Mariupol è sotto assedio, Ucraina sudorientale. “Le forze russe potrebbero usare sostanze chimiche per attaccare i civili a Mariupol. Stiamo lavorando a stretto contatto con i partner per confermare la notizia”, ​​ha twittato Lizz Truss. “Qualsiasi uso di queste armi è uno sviluppo vizioso in questo conflitto e lo prenderemo sul serio”, ha aggiunto il ministro degli Esteri.

01.24 Materiali chimici, Pentagono non garantisce. “Stiamo monitorando”

Il Pentagono si è detto a conoscenza delle notizie dei media secondo cui le forze russe stavano usando un’arma chimica a Mariupol, “ma – ha detto il portavoce John Kirby – “non possiamo confermare, continueremo a monitorare la situazione”. “Questi rapporti, se veri, sono molto inquietanti e riflettono i nostri timori sul fatto che la Russia possa utilizzare gas per immersione mescolato con sostanze chimiche ucraine”.

00.53 Capo Battaglione Azov: a Mariupol tre intossicanti ma non gravi

C’erano tre persone nelle ultime ore che mostravano “evidenti segni di tossicità chimica” durante l’assedio di Mariupol. Lo ha affermato il leader del battaglione nazionalista Azov, Andriy Biletsky, che secondo quanto riportato dal Kyiv Independent ha aggiunto che nessuno di loro ha avuto “effetti negativi” sulla salute. Secondo Azov, la sostanza tossica è stata introdotta nel drone.

00.52 Blinken, l’India deve decidere sulla Russia

L’India deve prendere le proprie decisioni su come affrontare “l’invasione russa dell’Ucraina ed è importante che tutti i paesi facciano pressioni su Putin per porre fine alla guerra”. Lo ha affermato il segretario di Stato americano Antony Blinken in una conferenza stampa con il ministro degli Esteri indiano Jaishankar a Washington dopo un incontro tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro indiano Narendra Modi. L’India ha continuato ad acquistare petrolio dalla Russia e rimane neutrale nel voto delle Nazioni Unite contro Mosca. “La guerra della Russia contro l’Ucraina è un attacco al popolo ucraino. È anche un attacco a quell’ordine basato sulle leggi a cui aderiamo e proteggiamo”. Gli Stati Uniti, ha detto Blinken, “continueranno ad aumentare il loro sostegno al governo e al popolo ucraino e solleciteranno le altre nazioni a fare lo stesso, poiché invitiamo tutte le nazioni a condannare le atrocità di Mosca”. Il segretario di Stato americano ha ribadito che l’invasione ucraina è stata “molto diversa dall’idea che Stati Uniti e India condividano un Indo-Pacifico aperto”.

00.38 L’Onu chiede un’inchiesta indipendente sulla violenza contro donne e bambini

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sta tenendo una sessione speciale sulla difficile situazione delle donne e dei bambini in Ucraina e terrà un altro incontro la prossima settimana sulla situazione umanitaria nel paese. Sima Bahous, amministratore delegato di Un Women, ha espresso profonda preoccupazione per le crescenti segnalazioni di stupri e aggressioni sessuali. “Sentiamo di più su stupri e aggressioni sessuali”, ha detto. “Queste denunce dovrebbero essere oggetto di un’indagine indipendente per garantire giustizia e trovare i responsabili. “È ora di porre fine a questa guerra. I bambini dell’Ucraina non vedono l’ora”, ha affermato Manuel Fontaine, direttore dei servizi di emergenza dell’Unicef. Bahous, che stava tornando da un viaggio in un paese dilaniato dalla guerra, ha aggiunto che “la combinazione dell’esodo di massa e la grande presenza di truppe e truppe e la brutalità del popolo ucraino hanno alzato tutte le bandiere rosse”.

00.13 Société Générale è la prima grande banca occidentale al largo della Russia

Société Générale ha annunciato la fine delle sue operazioni russe, diventando così la prima grande banca occidentale ad annunciare la sua partenza dal Paese. SocGen sta inoltre vendendo l’intera partecipazione in Rosbank a una società affiliata a un oligarca russo, Vladimir Potanin, valutata dalla banca francese per circa 3 miliardi di dollari (3,3 miliardi di dollari). Rosbank è un importante banchiere in Russia e Société Générale era il maggiore azionista del paese. “Dopo molte settimane di duro lavoro”, ha affermato la banca in una nota, è stato firmato un accordo con il fondo di investimento russo Interros Capital per vendere l’intera partecipazione a Rosbank e ai suoi assicuratori in Russia.

00.06 Il procuratore generale dell’Ucraina: oltre 5.800 crimini di guerra. “Vogliamo incarcerare i responsabili dei nostri tribunali”

Il procuratore generale dell’Ucraina, Iryna Venediktova, ha affermato che ora ci sono più di 5.800 casi di crimini di guerra commessi dalla Russia in Ucraina. In particolare, Venediktova ha parlato della strage di Bucha, vicino a Kiev, dove domani condurrà una nuova indagine. “Stiamo ancora rimuovendo i cadaveri dalle tombe di molte persone”, ha detto in un’intervista alla CNN. In merito ai possibili casi di autori di queste atrocità, argomento che si discute da giorni negli Stati Uniti e in Europa, il pm ha affermato che l’Ucraina “vuole perseguire questi criminali in questo Paese, nei tribunali ucraini”. Ma “chiaramente c’è un modo per la Corte penale internazionale”, ha aggiunto. Ora ci sono più di 500 sospetti, inclusi alti ufficiali militari e alti funzionari russi.