Vai al contenuto

La guerra in Ucraina, il prezzo del mais sale: ha raggiunto il picco dal 2012

(Fonte immagine: Pexels)

Guerra Russia-Ucraina a Coldiretti: “Allarme italiano, costretto a importare mais a metà della domanda”

Il valore di Troppo dà le ali allo scambio di Chicago, in vetta 2,2%dopo la paura della carenza causata da guerra in Ucraina e sanzioni alla Russia, i principali paesi esportatori. Il futuro del mais è scambiato a $ 8.875 per staio ed è ora finito 8 dollari che non ha impressionato dal 2012 quando ha raggiunto un massimo di $ 8,49. Come mostra l’agenzia di stampa Bloomberg nonostante la crescente domanda di prodotti statunitensi, anche in Cinal’aumento dei prezzi dei fertilizzanti sta facendo cambiare gli agricoltori americani Troppo quattro soia cercando di meno.

Durante questo periodo, l’aumento prezzi del mais spinge l’Italia all’allarme: il Paese è costretto a importare circa la metà della sua domanda (47%) dagli oltre 6 milioni di tonnellate necessarie per nutrire gli animali negli allevamenti, dove i proventi di latte e carne non possono coprirla. costi. Foto scattata direttamente da Coldiretti.

Contadini italiani, mostra Coldiretti, infatti devono già fare i conti con un aumento dei costi del 57% secondo Crea che mostra il rischio concreto di chiudere la zona giusta delle aziende agricole italiane costrette a lavorare con costi di produzione inferiori. Inoltre, il deficit del Paese non sarà compensato dalle sementi primaverili in Italia con previsti aumenti della produzione di soia (+ 16%), girasoli (+ 5%) e più lenti. Troppo (+1%) sulla base dell’analisi di Coldiretti di una recente “prospettiva di breve termine” della Commissione Ue che ha evidenziato che l’Europa nel suo insieme produce il 93% Troppo è obbligatorio. I principali fornitori di Troppo d’Italia, oltre all’Ucraina (770mila tonnellate), alla Slovenia il 13% (780mila tonnellate) e all’Ungheria al 30% (1,85 milioni di tonnellate) dove la Commissione Europea ha recentemente deliberato di evitare che le misure di sicurezza costituiscano una minaccia al pericolo interno dell’Europa. mercato

“L’Ungheria ha ricevuto una lettera firmata dai Commissari per l’agricoltura e i mercati interni”, riferisce Coldiretti, abrogando il principio della cosiddetta “cooperazione incondizionata” e violando l’accordo agricolo dell’OMC che limita le importazioni commerciali che hanno danneggiato paesi poveri come l’Italia. “L’Italia è costretta ad importare materie prime agricole a causa dei bassi salari pagati agli agricoltori che hanno dovuto ridurre la produzione nazionale di Troppo negli ultimi 10 anni”, assicura il presidente della Coldiretti Ettore Prandini sottolineando l’importanza degli interventi per sostenere costi e costi di produzione onerosi, nonché misure rapide per mantenere le aziende e le scuderie e le fasi di costruzione pianificate per il futuro.

In questo momento, i prezzo del greggio nel mercato americano: i Brent va oltre i 113 dollari al barile a 113,16 usd (+ 1,32%) mentre il WTI è a 107,35 dollari (+ 0,91%). L’inflazione dei prezzi di oggi è causata da notizie da Libia. La compagnia petrolifera libica National Oil (NOC) ha avvertito della “severa chiusura” della fuoriuscita di petrolio. Al-Shararaa causa della chiusura delle esportazioni del porto petrolifero di Zueitina a causa di una serie di proteste.

Leggi anche:
Ucraina, la verità della CIA: non ci sono prove che la Russia stia usando il nucleare
Borghi (Lega): “Budget da 20 miliardi di dollari posti a fine maggio”
Ti piace anche la leader Georgia Meloni a sinistra?
Ascolta la TV: Milo Infante vola alle due del pomeriggio e pensiamo alla prima volta
Made in Sud, Clementino-Lorella Boccia. “Sarò i suoi tatuaggi… di classe”. Doppia intervista
Mourinho depone fiori sotto una statua di Maradona a Napoli. VIDEO
Acqua Sant’Anna, inserita tra le prime 500 aziende
NTT DATA e moto stabile Pirelli
SEA, una business class al 100% di La Compagnie vola a New York