Vai al contenuto

La NATO vuole truppe a secco al confine ucraino

Dopo la recrudescenza dei crimini di guerra, i rapporti hanno raggiunto il culmine nella raccolta delle prove Gli ucraini sono stati torturati e feriti dalle truppe russe, le diplomazie internazionali stanno studiando possibili risposte mentre la NATO prevede di inviare una forza permanente ai suoi confini per combattere l’imminente invasione della Russia. Lo ha affermato il segretario generale dell’Alleanza Atlantica, Jens Stoltenberg, in un’intervista agli inglesi Telegrafo. La NATO è “nel mezzo di una grande trasformazione” che riflette le “conseguenze a lungo termine” delle azioni del presidente russo Vladimir Putin, ha affermato Stoltenberg in una nota..

Zelensky: L’intera Europa è in pericolo

“L’intera Europa – ha affermato il presidente ucraino Zelensky in un video citato da Ukrinform – è presa di mira contro la Russia”. INSIEME”L’invasione russa non si è limitata all’Ucraina, distruggendo la nostra libertà e la nostra vita“, ha detto, esortando l’Occidente a prendere provvedimenti per ristabilire la pace. Di conseguenza, l’Ucraina ha deciso di imporre le esportazioni russe, come annunciato dal ministro degli Affari economici Yilia Svyridenko, citato dall’agenzia Unian. dell’anno dei cambi di Mosca di almeno $ 6 miliardi. Ciò significa che il nemico non riceverà questi soldi e non potrà utilizzarli per sostenere la guerra”.

La visita inaspettata di Bojo

L’annuncio è arrivato ieri, il giorno della visita a sorpresa del primo ministro britannico Boris Johnson a Kiev, dove ha incontrato Zelensky, il giorno dopo l’incontro con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Londra ha inviato anche 120 veicoli armati e missili antiaerei contro l’operazione “antiterrorista russa”.. Nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato un divieto alle importazioni di petrolio dalla Russia e stabilito relazioni commerciali.

Anche il Canada si sta muovendo

Zelensky ha anche scritto su Twitter che il Canada si era impegnato a fornire assistenza al suo Paese fino a 500 milioni di dollari in spese per la difesa e 1 miliardo di dollari in aiuti finanziari canadesi. Segnali occidentali della causa ucraina, mentre il genocidio in guerra continua a stupire il mondo. Il bilancio delle vittime del popolo Bucha sta peggiorando. Secondo Kiev, sarebbero 360, di cui almeno 10 bambini. A Makariv, nel nord del Paese, 133 persone sono state torturate e uccise. Finora, come annunciato dal vice primo ministro Iryna Vereshchuk, ieri sono state evacuate 4.532 persone, quasi tutte provenienti da Mariupol e Berdiansk..

Kiev: dall’inizio della guerra sono morti 177 bambini

Secondo l’Ufficio del Procuratore Generale, che riporta sul Telegram, almeno 177 bambini sono stati uccisi e più di 336 sono rimasti feriti dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina.

Kiev: il popolo russo sta cercando di attraversare l’area di Izium a est

E la violenza non finisce: Le truppe russe stanno cercando di sfondare la sicurezza ucraina nella regione di Izium, a sud-est di Kharkiv, nell’Ucraina orientale, evacuando unità aggiuntive nell’area e cercando di stabilire il pieno controllo di Mariupol.. Ciò è dovuto all’Assemblea Generale dell’Ucraina in un recente bollettino pubblicato su Facebook. “L’avversario continua a guidare il conflitto armato contro il nostro Paese”, si legge nel rapporto, mostrando come la “chiusura della città di Kharkiv” continui con i “bombardamenti”. Tuttavia, l’esercito russo deve affrontare “problemi con la fornitura di farmaci e attrezzature mediche”, nonché una “mancanza di personale medico qualificato”, per far fronte al numero crescente di soldati feriti”. nelle regioni di Donetsk e Lugansk, gli ucraini hanno affermato di aver combattuto ieri otto attacchi russi, inclusi quattro carri armati e otto artiglieria distrutta..

Cnn: Convoglio russo a 12 km a est di Kharkiv

Le immagini satellitari mostrano la presenza del rumore militare russo a est di Kharkiv. Secondo Cnn, le immagini, raccolte e analizzate da Maxar Technologies, datate 8 aprile, mostrano un convoglio militare a circa 12 km a sud della città di Velkyi Burluk, a est di Kharkiv, nell’Ucraina orientale. Le immagini mostrano un convoglio composto da “veicoli armati, camion con fucili e attrezzature di supporto”, spiega Maxar.

A Severodonetsk, bombe sugli edifici ea scuola

Intanto continuano i bombardamenti nelle aree urbane. “Stamattina una scuola e due edifici residenziali sono stati bombardati dai russi a Severodonetsk”, Lugansk, e “sono sopravvissuti due adulti”. Lo ha annunciato il comandante militare regionale di Lugansk Serhi Gaidai in un Telegram. “I due edifici residenziali nel nuovo quartiere cittadino, insieme all’edificio delle scuole superiori, sono stati teatro di un grave incendio da parte dell’esercito russo”, ha spiegato Gaidai.

I russi hanno lanciato sette missili contro Mykolayiv

Come è il rapporto Kiev indipendentenelle ultime ore, le secondo quanto riferito, le truppe russe hanno sparato sette missili nella regione di Mykolayiv nell’Ucraina meridionale: lo ha annunciato sulla sua pagina Facebook un ordine operativo ucraino indicando che finora non sono state segnalate vittime. Mentre Mosca cerca di rafforzare le sue basi militari nelle regioni di Mykolaiv e Kherson, punti di comando, usa anche lanciarazzi per scoraggiare i civili.

Gb: Continua l’uso di ordigni esplosivi avanzati

Nel frattempo, il ministero della Difesa britannico in una revisione di routine dell’intelligence, sostiene che le forze russe continuano a utilizzare ordigni esplosivi avanzati (IED) per causare lesioni, abbassare il morale e ridurre la libertà di movimento per i cittadini ucraini. Gli inglesi hanno confermato l’uso dell’acido nitrico da parte di Mosca a Rubizhne, nella regione di Lugansk (est). Inoltre, le truppe russe continuano ad attaccare obiettivi infrastrutturali con il “rischio maggiore” di causare vittime. ILIl servizio sottolinea che la partenza dei russi dall’Ucraina settentrionale indica una fossa comune, l’uso “mortale” di ostaggi come scudi umani e l’atto di minare le risorse umane..

Un alto funzionario russo è stato ucciso in battaglia

io Custode riferiscono che un alto funzionario russo è stato ucciso in una battaglia dalle forze di sicurezza ucraine, ad es sarebbe il nono da quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio. Il colonnello Alexander Bespalov era il comandante del 59° reggimento di carri armati, il cui funerale si è tenuto venerdì nella città russa di Ozersk, secondo le notizie locali. Il ministro della Difesa ucraino stima che la Russia abbia perso più di 19.000 soldati dall’inizio degli attacchi.