Vai al contenuto

La riapertura del Covid, Arrivederci Green Pass e Mascherine dal 1 maggio: ecco il calendario

Il governo ha approvato una tabella di marcia per la riapertura: ad aprile e maggio sono in atto alcune misure per rimuovere gradualmente le barriere, come il Green Pass. Ecco la notizia

Il governo ha approvato all’unanimità una road map per riportare l’Italia alla normalità senza di essa Passo Verde al Cosa c’è che non va – è consentita la circolazione virale – che servirà anche per stimolare il turismo in vista estiva. E a meno che la curva epidemiologica non torni a salire con l’Omicron 2 – superando i 70mila nuovi casi in 24 ore con un tasso garantito del 14,8% – il governo continua a definire un calendario di riapertura con fasi anti-Covid più lente. dal 1 aprile al 15 giugno. “Passaggi importanti stanno rimuovendo alcuni che non sono tutti i vincoli alla nostra condotta negli ultimi mesi”, ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi durante una conferenza stampa per chiarire la nuova legge per la riapertura dell’Italia.

Trasferimento del calendario: dal 1 aprile al 15 giugno

Stato di emergenza: non verrà aggiornato

Il 31 marzo 2022 volge al termine la situazione di emergenza dell’epidemia di Covid 19. Di conseguenza, tutte le organizzazioni e le organizzazioni di cui abbiamo avuto familiarità fino ad ora, come il Comitato tecnico scientifico e il commissario per l’emergenza Covid, saranno sostituite da un’unità operativa presso il Dipartimento della Salute, responsabile della gestione della transizione e del completamento il vaccino (31 dicembre -2022). Pur lasciando il combinazione di colori Nella Regione il monitoraggio epidemiologico e l’adeguatezza dei sistemi sanitari locali proseguiranno dopo il 31 marzo 2022, ma non saranno più soggetti a regolamentazione.

Passaporto verdissimo: scade il 1 maggio

Dal 1 al 30 aprile 2022, su tutto il territorio nazionale, l’accesso ai seguenti servizi e attività è consentito solo ai corsi con abbonamento green stretto:

a) servizio di ristorazione svolto allo sportello o al tavolo, al chiuso, da qualsiasi ente, diverso dai servizi di ristorazione in alberghi e altri alloggi riservati esclusivamente ai consumatori ivi residenti;

b) Piscine, piscine, palestre, circoli e impianti sportivi, centri sanitari e residenziali, per attività indoor, e strutture adibite a spogliatoi e docce, senza obbligo di municipio di attestato di accompagnamento delle persone impossibilitate a stare in piedi. all’età o alla disabilità;

c) convegni e congressi;

d) centri culturali, sociali e ricreativi, per attività interne al di fuori delle istituzioni educative per l’infanzia, compresi i centri estivi, e attività legate all’alimentazione;

e) gli eventi, anche coordinati, che possono sfociare in manifestazioni comunitarie o religiose, e simili che si svolgono al chiuso;

f) sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò;

g) attività svolte in sale da ballo, discoteche e simili;

h) Partecipazione del pubblico a manifestazioni fieristiche aperte al pubblico, nonché a manifestazioni e competizioni sportive, che si svolgono all’interno.

Pertanto, l’obbligo del pass Super green nei luoghi di lavoro cade oltre i 50 anni. Coloro che hanno superato il limite di età al lavoro dovranno solo ottenere un certificato di base, entro il 30 aprile. Gli over 50 senza abbonamento Super Green non saranno più sospesi.

Passaporto verde di base: scade il 1 maggio

Dal 1° al 30 aprile 2022 dite addio al green pass sulle attività estere e l’accesso a uffici pubblici, negozi, banche, poste o fumatori. Mentre l’accesso ai seguenti servizi e servizi rimarrà operativo:

a) mense e alimenti di sussistenza;

b) competizione comunitaria;

c) corsi di formazione pubblici e privati;

d) interviste faccia a faccia con detenuti e detenuti, all’interno delle carceri per adulti e bambini;

e) Partecipazione del pubblico a manifestazioni sportive e agonistiche, che si svolgono all’esterno”

E le seguenti modalità di trasporto:

a) aeromobili che effettuano servizi di trasporto commerciale commerciale di passeggeri;

b) navi e navi adibite a servizi di trasporto interregionale;

c) locomotive, servizi ferroviari passeggeri urbani, urbani e accelerati;

D.

e) autobus adibiti a servizi di noleggio e conducente.”

Inoltre, negli stadi sarà richiesto anche un pass verde di base (che tornerà al 100% della capienza). Così come i concerti.

Mascherina Mascherina: scade il 1 maggio

Fino al 30 aprile 2022 è obbligatorio indossare l’attrezzatura respiratoria FFP2 nei seguenti casi:

a) accesso ai seguenti modi di trasporto e loro utilizzo:

b) aeromobili che effettuano servizi di trasporto commerciale commerciale di passeggeri;

c) navi e navi adibite a servizi di trasporto interregionale;

d) treni regionali, Intercity, Intercity Notte e servizi di trasporto pendolare espresso;

e) autobus adibiti a servizi di trasporto passeggeri, con disposizione imparziale, operati su percorso continuativo o occasionale in una combinazione di più di due aree con percorsi, orari, merci e prezzi predeterminati;

f) autobus adibiti a servizi di noleggio e conducente;

g) mezzi utilizzati nei servizi di trasporto pubblico o locale;

h) le modalità di trasporto scolastico fornite ai discenti nelle scuole primarie, secondarie e secondarie;

i) accesso a funivie, cabinovie e posti a sedere, da utilizzare per la chiusura delle cupole dei finestrini anteriori, per scopi turistico-commerciali e per lo snorkeling;

l) manifestazioni all’aperto che si svolgono in teatri, sale da concerto, cinema, locali di spettacolo e manifestazioni e competizioni musicali e sportive dal vivo.

Non sono tenuti ad indossare il respiratore: bambini di età inferiore ai sei anni e persone con patologie o disabilità.

Obbligo di vaccinazione: fino al 15 giugno

L’obbligo di vaccinazione fino al 15 giugno si applicherà al “personale scolastico”, “personale dei servizi di difesa, sicurezza e sicurezza sociale, polizia di prossimità, personale dell’Agenzia nazionale per la sicurezza informatica”, dell’amministrazione penitenziaria o del Dipartimento per l’infanzia e la giustizia comunitaria, nelle carceri per adulti e bambini”. L’impegno resterà, però, fino a fine anno solo per il personale del mondo sanitario e delle visite alle RSA.

Isolamento e isolamento

Dal 1 aprile non ci sarà più distinzione tra vaccinati e non vaccinati. Strutture di comunicazione adeguate anche se non ci sono positivi Covid viceversa: solo i contagiati dovranno vivere da soli in casa, mentre chi è stato in contatto dovrà utilizzare un programma di automonitoraggio (obbligo di indossare le mascherine Ffp2, entro un giorno , fino a giorni) 10 giorni dopo la data del contatto stretto ed effettuando un test alla prima comparsa dei sintomi e, se permane un sintomo, il quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto.

Scuola, viaggi e professionalità

Addio per la lettura. In termini di riapertura, dal 1 aprile rimarranno a casa solo gli studenti contagiati dal Covid, mentre quelli con contratto positivo potranno continuare a frequentare la scuola, nonostante siano stati sottoposti a 4 prove di autoesame in aula.

Prorogata al 30 giugno 2022 la possibilità di utilizzare smart per lavorare nel settore privato senza accordo personale tra datore di lavoro e lavoratore, e quindi c’è ancora una gestione facile, è stata prorogata al 30 giugno 2022. Dal 30 giugno le prestazioni di lavoro agile sono aumentate a causa delle vulnerabilità. personale.