Vai al contenuto

Le maschere interne ci proteggono dall’Omicron? Discussione ed evidenze scientifiche – Corriere.it

Con il virus che contagia si discute sull’obbligo di indossare le mascherine che potrebbe cadere il 1° maggio. A parte le decisioni politiche, cosa dice la scienza? Chi dovrebbe continuare a difendersi? Dove dovrebbe essere mantenuta la sicurezza?

Mentre il mondo è alle prese con la diversità Omicron se ormai rappresenta quasi tutti i casi di coronavirus nel mondo, ci chiediamo quale sia il modo migliore per convivere con il SARS-CoV-2 che si preannuncia lungo.

Quali sono le regole applicabili dal 1 aprile?

Fino al 30 aprile devi indossarlo FFP2 in aereo; navi e navi adibite a servizi di trasporto regionale; treni a lunga percorrenza; modi di trasporto regionali e regionali; metropolitane tram scuolabus; funivie, cabinovie e sedili, da utilizzare chiudendo cupole; cinema, teatri, sale da concerto, locali di intrattenimento e musica dal vivo. Mascherina chirurgia è necessario in tutti i luoghi della casa, eccetto nelle case del popolo. Nelle discoteche puoi portarlo fuori durante il ballo. Il 20 aprile il governo deciderà se prorogare il divieto entro qualche settimana in più o attuare la “piena libertà” dal 1 maggio.

Quali misure di mitigazione sono appropriate in questa fase?

“Le misure sui contenuti sono meno efficaci, dobbiamo cambiare la politica e proteggere le vulnerabilità”, ha affermato al Corriere Veneto Spiega il professor Andrea Crisanti, direttore di Microbiologia dell’Università di Padova: “I contagi sono ormai stabili a livello nazionale intorno ai 70.000 al giorno. Numeri significativi, dove l’uso della mascherina non può più contenere tra il 15% e il 20% e non tutti la usano questa sicurezza dentro, alcuni indossano male e altri non sempre”.

È ancora ragionevole indossare una mascherina con variante Omicron e quando sarà necessario farlo?

La risposta, che verte solo su questioni di salute pubblica e su evidenze scientifiche (oltre, quindi, alle decisioni politiche che cambiano da un Paese all’altro) afferma che le mascherine sono sicuramente utili. Riducono la trasmissione del virus da una persona infetta all’altra anche in presenza di un virus altamente contagioso come l’Omicron. Le maschere in realtà formano una barriera alla capacità del corpo di trasmettere goccioline infette e prevenirle, in una certa misura. L’efficacia della pulizia dipende dal tipo di mascherina e dal modo in cui viene indossata e dal virus, ma non viene pulita dal virus infettivo, al contrario.

Quali maschere sono adatte all’uso?

È risaputo che Ffp2 ha una quantità di detersione maggiore rispetto alle mascherine chirurgiche convenzionali, motivo per cui ora è obbligatoria in alcuni casi (come il trasporto pubblico). Le mascherine Ffp2 hanno un alto grado di filtrazione in uscita e su chi le indossa (oltre il 90%), a differenza delle mascherine chirurgiche fino ad un massimo del 20% in ingresso. Lo studio è stato pubblicato a dicembre da Istituto Max Planck
, Un’organizzazione di ricerca tedesca, ha affermato che se prendi due persone a tre metri di distanza l’una dall’altra, una non infetta e una con Covid, in meno di cinque minuti una persona senza vaccino sarà infetta quasi al 100%. Ma se le stesse persone indossano correttamente le mascherine Ffp2, il rischio di contrarre il virus si riduce allo 0,1%.

Q
Quali sono i suggerimenti?

La guida più recente del Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (ECDC) datata 7 febbraio e pubblicata per verificare se le misure di conformità fossero ancora in vigore prima di Omicron, raccomanda di indossare una maschera “nei luoghi pubblici quando l’obiettivo di salute pubblica viene raggiunto. infezione nella comunità “e suggerisce un’altra opzione in questa fase dell’epidemia che prevede di” concentrarsi sull’uso delle mascherine in determinate situazioni per proteggere le persone vulnerabili al Covid, come gli anziani e le persone con basse condizioni mediche. Importante anche il «corretto uso: le maschere devono coprire completamente il viso dalla base del naso al mento. La mascherina va allineata con precisione alla base del naso e del viso per ridurre lo spazio aperto tra il viso e la mascherina stessa”.

Dove posso continuare a usare le mascherine?

L’utilità delle mascherine è garantita, ma nel caso in cui dovessero cadere le restrizioni è necessario capire quando è opportuno indossarle in autonomia: ad esempio nei giorni in cui British Airlines EasyJet e British Airways hanno revocato il vincolo. Indossando una mascherina (per i passeggeri nelle comunicazioni interne e per quelli con paesi europei dove non c’è obbligo ad indossarla), sono stati registrati 500 aerei principalmente a causa di equipaggi e piloti contagiati dal Covid-19.
Quindi il consiglio è di indossare FFP2 in ambienti ristretti e densi, dove si soggiorna a lungo e dove non c’è bassa pressione dell’aria. A seconda della presenza di questi quattro parametri e del rischio personale (e delle regole applicabili!), puoi decidere tu come farlo (in Italia le mascherine sono ancora obbligatorie all’interno della casa). È preferibile utilizzare FFP2, data l’elevata prevalenza di Omicron 2 che è già molto diverso in Italia (e nella maggior parte del mondo).
Si parla sempre di interni: altrimenti, se non ci sono condizioni di congestione, le mascherine si possono togliere perché le goccioline del virus si diffondono facilmente.

Chi dovrebbe scegliere di usarli?

Le Raccomandazioni dell’ECDC sottolineano anche l’importanza di proteggere le persone vulnerabili, inoltre in Italia dal 1 aprile chi ha “stretti legami” è sicuro di non essere più solo, ma “guardando”, il che significa poter incontrare soggetti fiduciosi che non sa avere grande, per questo chi è anziano o debole o malato (anche vaccinato) dovrebbe proteggersi con le mascherine e dovrebbe contattare le persone per questi studi.

5 aprile 2022 (modifica 5 aprile 2022 | 12:59)