Vai al contenuto

L’indignazione di Putin, premi ai criminali Bucha e missili Lviv

I missili non hanno salvato Leopoli. Nella notte tra domenica e lunedì, l’esercito russo ha attaccato una città nel nord del Paese ed è stata la prima volta che ha preso di mira un attacco simile. L’attentatore ha colpito poco dopo mezzogiorno davanti a un edificio vicino alla linea ferroviaria, uccidendo almeno sette persone e ferendone altre 11, tra cui un bambino di 3 anni. “Siamo preoccupati, non abbiamo niente dentro. Per noi? Non capiamo tutto questo “, ha detto alla BBC una vicina città ucraina. Secondo la Russia, un deposito negli Stati Uniti e in Europa è stato distrutto.

“Quello che vediamo oggi è un omicidio. È un aggressore intenzionale uccidere persone in pace, ha affermato il sindaco di Leopoli Andriy Sadovyi dopo l’attacco. Nel fine settimana, l’esercito russo è tornato ad attaccare la parte settentrionale del Paese, in particolare vicino alla capitale Kiev, circa due settimane dopo il ritiro delle truppe russe dalla regione.

L’attacco è già stato annunciato dall’esercito di Mosca dopo che alcuni villaggi di confine russi sono stati colpiti da missili e attacchi di elicotteri sulle mani, secondo il Cremlino, del popolo ucraino. Ma un nuovo attacco russo nel nord è anche una rappresaglia dopo l’affondamento della bandiera della Moscova a Odessa.

Prova della prima persona uccisa in un attacco sottomarino che affondò una nave proveniente dalla Russia. Questo è un ragazzo di 19 anni. La notizia è arrivata dalla madre di un giovane militare chiamato al servizio militare che aveva ricevuto una telefonata dal Dipartimento della Difesa.

“Non mi è stato detto quando sarebbe stata sepolta”, ha detto la madre disperata. Dopo la cattura dei soldati finiti nelle mani dell’esercito ucraino nei primi giorni dell’attacco, la storia si ripete. Putin ha fatto combattere la sua guerra ai giovani più giovani degli adolescenti che non sapevano mai cosa stavano facendo. Dopo la firma di un recente ordine di reclutamento, Vladimir Putin ha dichiarato che nessuno dei 134.000 nuovi sarebbe stato inviato in Ucraina, ma pochi credevano in lui.

Corruzione in Oriente

Un uomo entra nel suo edificio in fiamme dopo un’esplosione russa a Kharkiv, in Ucraina, domenica 17 aprile 2022. (Foto di AP / Felipe Dana) Un uomo entra nel suo edificio in fiamme dopo un bombardamento russo a Kharkiv, in Ucraina, domenica 17 aprile, 2022. (AP / Foto Felipe Dana)

L’esercito russo ha preso il controllo della città di Creminna nella regione di Luhansk. I funzionari interni hanno esortato le persone a rimanere al sicuro all’interno delle loro case, poiché i russi hanno ripetutamente violato la lotta agli incendi chiudendo i sistemi di aiuto umanitario che non avevano funzionato nel paese per il secondo giorno consecutivo. Coloro che cercano di fuggire sono presi di mira dai russi.

Cinque persone sono salite in macchina e hanno cercato di uscire dalla città. L’esercito di Mosca ha sparato con l’auto: quattro sono morti e uno è rimasto gravemente ferito. La depressione e la paura dell’esercito russo in guerra sono ora chiare. Anche la sconfitta di Mariupol ha richiesto più tempo del previsto. Il mantra è stato come giorni: un migliaio di soldati stanno resistendo alle forze russe e alle milizie separatiste di Donetsk nell’acciaieria Azovstal.

Il governo di Kiev afferma che il 20 per cento della città è Ucraina. I missili russi hanno colpito anche la regione centrale del Dnipro e l’area intorno a Kharkiv, la seconda città più popolosa del Paese, provocando vittime e feriti. Ieri sera è iniziata anche una grande offensiva nell’est, il Donbass. La gente cerca da giorni di lasciare la zona, spesso senza successo.

Il timore è che l’esercito russo stia trascinando sempre più le sue morti con i rifiuti alle spalle. Come quelli lasciati dalla 64a brigata di fucilieri motorizzati a Bucha, sono accusati di aver commesso crimini di guerra. Putin ha conferito alla brigata il titolo onorifico di “Guardiano” per il “coraggio e perseveranza, determinazione e coraggio” dei suoi membri.

© Tutti i diritti riservati