Vai al contenuto

LIVE PN – Ucraina, Draghi: “Potrebbero essere intensificate le sanzioni alla Russia”. Blinken: “Putin non si tira indietro”. Di Maio: “Non vogliamo la guerra, ci opponiamo alle ostilità”.

22.24 – In assenza di partner, la Russia respinge il voto delle Nazioni Unite sulla sua decisione umanitaria sull’Ucraina. Lo riferiscono fonti diplomatiche. Nel frattempo, Vassily Nebenzia, ambasciatore russo alle Nazioni Unite, ha convocato una nuova riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza.in relazione ai laboratori biologici operanti negli Stati Uniti“.


22.13 – Luigi Di Maioche ha parlato a ‘Dritto e Rovescio’ in Rete 4′, ha detto: “Non vogliamo entrare in guerra, i nostri soldati non dovrebbero andare in guerra ed è per questo che ci opponiamo alla cosiddetta no-fly zone.“Il ministro degli Esteri ha aggiunto:”Putin voleva questa guerra, non noi e quindi l’unico che poteva fermarla era Putin“.


20:45 – Un accordo che abroga i diritti commerciali russi dalla Russia, apre la strada al pagamento dei suoi prodotti (424 voti positivi e 8 contrari) approvato dalla Camera americana.

20:20 – Il presidente della Casa Bianca Jen Psaki, causato quello La chiara dichiarazione di Vladimir Putin agli attivisti russi contro la guerra mostra che la guerra in Ucraina non sta andando come sperava Mosca. G.Gli Stati Uniti sono profondamente preoccupati che la Cina possa fornire alla Russia equipaggiamento militare. Joe Biden sarà onesto e diretto nella sua telefonata di domani con Xi Jinping. Nella sua telefonata di domani con Xi Jinping, Joe Biden avrà l’opportunità di testare dove si trova il presidente cinese nel conflitto ucraino. Il fatto che Pechino non abbia criticato le azioni della Russia la dice lunga. ”

19.40″Putin non si tira indietro”,. Lo ha detto il Segretario di Stato degli Stati Uniti Antonio Sbattere.


19.25 – Il governo è convinto che le sanzioni contro la Russia siano appropriate e potrebbero essere rafforzate se necessario”.. Lo ha detto il premier Mario Draghi durante una conferenza stampa dopo CDM su DL Opening Again. Allo stesso tempo, il governo”lavora per aiutare le aziende e le famiglie in questo momento difficile, perché siamo fiduciosi che la straordinaria ripresa di quest’anno vada preservata”.


18.07 -“L’Italia è pronta a ricostruire il Teatro Mariupol. Il Gabinetto dei ministri ha accolto con favore la mia proposta di fornire all’Ucraina risorse e modi per ricostruirla il prima possibile. I teatri internazionali sono per il grande pubblico” Il Ministro della Cultura annuncia su Twitter, Dario Franceschini.


18.03 – I russi hanno sparato Novi Petrivci nord e eKiev. Nell’aggressione è morto un bambino di due anni. Lo riporta il Kyiv Post.


18.01 – Affrontare i punti contrastanti nei negoziati tra Russia e Ucraina nell’accordo di pace richiederà da pochi giorni a una settimana e mezzo”. Lo ha spiegato Michele Podoljakconsigliere del capo dell’ufficio del presidente dell’Ucraina, citato da TASS.


17.30 – “La brutalità di Putin, le sue azioni e le azioni dell’esercito russo in Ucraina sono semplicemente impersonali”.. Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden durante un incontro formale con il primo ministro irlandese Michele Martino.


13.05- Ucraina, Putin: in termini di sanzioni ma anche Le sanzioni creano problemi ma aprono anche nuove opportunità. Lo ha affermato il presidente russo Vladimir Putin.


12.45-Kiev: rischio alimentare globale dal blocco del Mar Nero – Se i porti ucraini nel Mar Nero riapriranno il rischio “carestia in molti paesi. L’impatto è sulla sicurezza alimentare mondiale. Russia e Ucraina esportano oltre il 30% del grano mondiale. E l’80% delle esportazioni. Via Odessa”. Lo ha sottolineato all’ANSA il ministro ucraino dell’agricoltura e delle politiche alimentari Roman Leshchenko. “Le principali esportazioni di Kiev verso l’Italia sono grano, orzo e mais. L’Italia è uno dei maggiori acquirenti di grano ucraino nell’UE. , e ha spiegato.


12.00 – Cremlino, ‘grande sforzo nei colloqui di pace’ – La delegazione russa ha compiuto uno sforzo “significativo” nei negoziati in corso con il popolo ucraino. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha dichiarato: “La nostra squadra si sta impegnando molto e mostra loro più disponibilità di quanto non stia dimostrando qualsiasi altra squadra”. Peskov ha aggiunto che “accettando il documento” redatto da Mosca e rispettando “tutte le sue componenti”, l’ucraino “potrebbe immediatamente fermare quanto stava accadendo”.


10.20 – Ucraina, Zelensky: “Discorsi difficili, potrebbe essere iniziata la terza guerra mondiale” – La Russia ha già superato “tutte le linee rosse”, mentre i “negoziati” tra Kiev e Mosca, “in corso”, “estremamente difficili” e l’invasione dell’Ucraina, la Russia potrebbe aver già iniziato una terza guerra mondiale. Lo ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un’intervista con la NBC poche ore fa dopo essere entrato a far parte del Congresso degli Stati Uniti. “Nessuno sa che sia iniziata”, ha detto, aggiungendo che il popolo ucraino non può essere “sconfitto” e che “qualsiasi guerra potrebbe concludersi al tavolo dei negoziati”.


10.10- Ucraina, Mariupol: sul palco i sopravvissuti all’attacco russo – Ci sono altri sopravvissuti all’attacco lanciato ieri dall’esercito armato russo in un teatro di Mariupol, dove hanno trovato rifugio centinaia di persone, compresi bambini. Lo ha riferito l’ufficio del sindaco di Mariupol, che ha affermato che il raid aereo dell’edificio è stato in grado di resistere all’esplosione. Tuttavia, le autorità locali non sono state in grado di determinare il numero esatto delle vittime o il numero dei sopravvissuti.


09.00 – Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel suo messaggio della Giornata dell’Unità Nazionale, della Costituzione, del Poema e della Bandiera, commemora il 161° anniversario del raggiungimento dell’Unità Nazionale, ha affermato. “L’indivisibilità della condizione umana deve spingerci oggi, con fermezza, con altri paesi che condividono i principi della democrazia, a prevenire e battere le cause della guerra aperta dalla Federazione Russa nell’Europa centrale.“.


08.30 – Le forze armate ucraine, nelle ultime 24 ore, hanno distrutto 10 bersagli aerei. Lo riferisce lo Stato maggiore delle forze armate, come riportato dall’agenzia di stampa ucraina Unian. “Ieri sono stati distrutti 10 bersagli aerei nemici: caccia-bombe Su-34, tre caccia Su-34SM, tre elicotteri e UAV tattici operativi (droni, ndr)“, si legge nell’articolo.


08.15 La Russia ha attaccato Merefa a Kharkiv Oblast, una città nell’Ucraina orientale. Ci saranno vittime all’interno dell’esercito ucraino secondo le autorità locali. Trasportato in aereo, una scuola locale è stata distrutta e un centro comunitario distrutto.


08.00 – Dmytro Kuleba, ministro degli Esteri ucraino, ha rilasciato un’intervista alla CNN. “Devo essere chiaro, entrambi i delegati, Russia e Ucraina, sono lontani dal raggiungere un accordo nella situazione attuale. Ci sono un certo numero di cose che fanno la differenza nel panorama russo nel discorso. La prima è l’aspra opposizione dell’esercito ucraino e dei popoli del mondo, la seconda sono le sanzioni imposte alla Russia, che rendono l’economia russa buona e povera. Cose che hanno costretto la Russia a cambiare leggermente posizione“.


07.45 -Volodymyr Zelensky, presidente dell’Ucraina, ha fatto il punto della situazione in un video pubblicato sui social media. “Le mie priorità nei negoziati erano chiare: la fine della guerra, le garanzie di sicurezza, la sovranità, il ripristino dell’integrità nazionale, le garanzie reali del nostro Paese, la vera sicurezza del nostro Paese.“.


07:30 -Con l’invasione ucraina della Russia, la terza guerra mondiale potrebbe essere già iniziata. Lo ha detto stasera il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un’intervista alla NBC, dopo il suo discorso al Congresso americano. “L’esito dell’attacco del presidente russo all’Ucraina non è stato ancora risolto, ma è probabile che la sua decisione abbia già innescato una guerra globale.“Zelensky ha detto a NBC Nightly News, rispondendo a una domanda sulle preoccupazioni del presidente degli Stati Uniti Joe Biden”.L’abbiamo visto 80 anni fa, durante la seconda guerra mondiale…“, Ha aggiunto.