Vai al contenuto

lo scopo della liberazione delle donne

di Marianna Grazi

Lui voleva cambiare la cultura del calcio. Quindi, con un gruppo di sponsor tra cui atleti e star di Hollywood, Natalie Portman ha fondato l’Angel City FC, Un gruppo leggermente diverso dal solito. La società ha raccolto capitali come se fosse un inizio, con i finanziamenti iniziali che hanno attirato celebrità lungo la strada. Fin dall’inizio, il club ha sempre mantenuto i suoi valori: crearne uno comunità femminile e promozione liberazione delle donne. E l’emozione delle prime partite è evidente: sono già stati venduti più di 16.000 abbonamenti e finora si sono formate sette tifoserie.
L’Angel City FC, che quest’anno debutterà nella Women’s National Football League, non è una “squadra normale”. Anche se non giocheranno la loro prima partita fino a sabato nella NWSL Challenge Cup, le aspettative della squadra stanno crescendo rapidamente. I fondatori affermano che tutto questo fascino è stato deliberato, ma ha uno scopo preciso: promuovere gli obiettivi ei valori del club. Dopotutto, è per questo che è stato creato l’Angel City FC.

Christine Press saluta il suo partner durante un campo di addestramento alla Pepperdine University (Ph. Guardian / Will Navarro)

Visione di base: garantire pari opportunità tra uomini e donne

Nell’aprile 2019 Natalie Portman è andata al gioco di USWNT (Nazionale di calcio femminile statunitense) con le amiche Jennifer Garner, Eva Longoria, Uzo Aduba e Jessica Chastain. In qualità di socio fondatore i Il tempo è scaduto (organizzazione che tutela le vittime di violenza sessuale nata nel 2018 per volere di molte celebrità di Hollywood, ed), ha voluto attirare l’attenzione sulla lotta di parità di retribuzione per la nazionale femminile in America.

La nazionale di calcio femminile statunitense domina il mondo

Più tardi, andando alla Coppa del Mondo femminile in estate, era interessato a “Guardare mio figlio adorare calciatori come Megan Rapinoe e Alex Morgan allo stesso modo di Lionel Messi o Karim Benzema. Mi ha fatto capire che ‘aumentare’ il valore di questi attori potrebbe cambiare radicalmente la cultura “, ha detto all’attore al. Il Conservatore. Quello che non mi piaceva era il fatto che anche i migliori calciatori, sempre, non hanno un piano pensionistico e pochissimi mezzi di sussistenza quando smettono di giocare d’azzardo, a differenza delle loro controparti maschili. Per questo ha invitato l’ex calciatore Abby Wambach e altri calciatori a parlare alla conferenza Il tempo è scaduto. “Il suo discorso ci ha ispirato a creare un modello diverso”, spiega Natalie Portman. Il 40enne dice di non aver mai giocato o giocato in gioventù, per non parlare di aver sognato di controllare segretamente la squadra. Ma ecco cosa ha deciso di fare: ha trovato la squadra che era l’unica cosa che voleva vedesse diventare il calcio femminile.

Investitori

Serena Williams e suo marito Alexis Ohanian sono tra gli sponsor e comproprietari dell’Angel City FC.

L’attrice ha condiviso il suo punto di vista Kara NormanDirettore finanziario con sede a Los Angeles, coinvolto anche in Il tempo è scaduto. Questo è, ancora una volta, un normale gioco di basket con un manager tecnologico, Julie Uhrman, gli ha chiesto se poteva aiutarlo a capire come formare una squadra. Il momento era giusto e l’occasione era ghiotta: Los Angeles non aveva una squadra di calcio una donna. Abby Wambach e Alexis Ohanian – fondatore di Reddit e marito di Serena Williams – sono stati i primi investitori. Poco dopo, le stelle hanno continuato ad essere allineate… Nel complesso, l’Angel City FC potrebbe più di 60 comproprietari, due terzi sono donne. “Siamo arrivati ​​al punto in cui non dobbiamo cercare altri investitori”, ha affermato Uhrman, fondatore e presidente del gruppo. “Sono venuti da noi perché volevano far parte di Angel City e capiscono il ruolo che avrebbero dovuto svolgere come azionisti – questo li rende il miglior tipo di azionisti, perché hanno a cuore lo scopo e il profitto”.

Scopo e profitto

L’obiettivo principale dell’Angel City FC è difendere a fondo economico ai giocatori e assicurarsi che i sicurezza atletica e trattamento equo sono i direttori di tutte le decisioni del consiglio. La fondatrice Natalie Portman spiega che, in collaborazione con il club e gli sponsor, lo hanno fatto sette giardini piantati nelle scuole primarie locali, ai giovani atleti venivano regalati reggiseni sportivi e Ha fornito cibo ai bisognosi. Angel City restituisce quindi il 10% delle entrate sponsor su Comunità. E sul lato del profitto Julie Uhrman ha recentemente annunciato che il club ha ricevuto 35 milioni di dollari in sponsorizzazione, una cifra che copre tutte le altre squadre della NWSL.

Julie Uhrman e altri giocatori del suo club, l’Angel City FC

Il fatto che i team manager siano per lo più donne è molto importante dopo lo scandalo del bullismo in campionato lo scorso anno. “È una cosa fondamentale”, dice Foudy. “È un tipo di pensiero completamente diverso. Invece di sentirci come se dovessimo semplicemente essere grati di avere il campionato e accettare le cose come sono (come sono sempre state), Angel City è responsabile di tutte le decisioni come segue: ‘Come possiamo fare qualcosa di strano I giocatori e la nostra community?’ È molto incoraggiante, onestamente. “

Gruppo

Battesimo Stampa

io direttore sportivo del club è un ex attaccante inglese (e autore di precedenti articoli Custode) Eni Aluko. La sua prima scelta fu convincere il suo collega inglese Freya Coombe Lasciare il Gotham FC a New York e diventare capo allenatore della città degli angeli. Poco dopo il club ha confermato il suo primo acquisto: attaccante, due volte vincitore della Coppa del Mondo, Battesimo Stampa. Il contratto con il Cofa dell’Angel City FC lo ha reso il giocatore più pagato nella storia dell’American Women’s League. L’elenco delle 24 donne di club include un numero di giocatori selezionati dalla bozza di estensione, oltre alla selezione del college e alla firma internazionale.
“Abbiamo creato l’Angel City FC con una visione per intrattenere il mondo – ha aggiunto Uhrman – Siamo di Los Angeles, siamo tutti narratori, quindi accettiamo questa sfida come un dato di fatto per ciò che vogliamo ottenere”. per rendere famoso il calcio femminile come quello maschile in tutto il mondo”, conclude Portman.