Vai al contenuto

Ma come bambini liberi, la Disney è alla ricerca di bigotti e staffododil

Abbiamo imparato molto sulla Disney che ha finalmente portato la luce in una foresta oscura. La Disney ringrazia per l’annuncio la comparsa di sintomi rari salverà, o almeno sosterrà, l’infanzia e lo sviluppo di una generazione felice, fluida e stereotipata. Ma più ne scrivi, più diventa difficile mordere la storia Disney. Non è una buona cosa nello stesso mondo libero LGBT e Wokeist promettono di aprirlo.

Non è solo che “c’è un posto per tutti nell’oscurità”: l’unica prova che la Disney fornisce a questo proposito e come prova di politiche pubblicate (e ben supportate) basate su “inclusione e diritti”, è che non si applica alla società, oa pochi individui che non sono stati perseguiti dai repubblicani. Ma la pioggia oscura è davvero una mano sacra per i bambini e la comunità che costruiranno?

Pronomi neutri, suffissi, simboli liquidi

Il caos è il solito: grida alla crescita di giovanissimi transgender ma alla loro urgenza di “fare umanità” nel mondo labirintico che vede solo loro un corpo annoiato, sbagliato o verrà riparato, noi rispondiamo lasciandoli a bocca aperta. In un primo momento, dando loro nomi e pronomi neutri, perché il bambino sottolineava la verità, “mostrando” (e si addiceva al bambino stesso) fin dall’inizio con l’uomo e la donna, ci hanno descritto come violenti. Poi abbiamo dato loro una molecola, ormone della crescitasi spera e con ciò su cui fanno affidamento, anche quelle domande bollenti saranno messe a tacere.

Abbiamo creato e chiesto inclusione, adozione, adozione e sostegno all’infanzia. Ora, per la gioia del mercato, che tende a commerciare con tutte le domande sulla presenza e le risposte sulla superficie dell’acqua, personaggi strani, e quelli che dicono che se gli adulti amano il sesso o il sesso dei bambini non ha nulla a che fare con l’ultima superbia dell’ultimo anno, mentono sapendo che stanno mentendo. Un bambino è sempre una grande domanda. Esiste per ricordarci che la medicina, veniamo tutti, dalle relazioni con il sesso opposto, è l’oggetto di tutti i desideri e di tutti gli stress, la botola di tutti i test di abilità e i gameti, l’inizio e il futuro. la chiave del problema è essere come gli adulti.

Da bambino “leader giovanile” a narciso

In questo te lo abbiamo chiesto Claudio Alzagrande psicoanalista, autore tra gli altri del libro perfetto Scoperta di se stessi. Approcci individuali (modificare. Toy StoryUn anno luminoso è stato dichiarato un bacio lesbico) e quale ruolo gioca un bambino in un fidato cambiamento culturale basato su una generazione “non sessuale”.

«Il bambino è il simbolo archetipico più potente della mente umana che non sa e non sa nulla: raffigura il futuro dell’uomo e della società, e quindi la sua capacità di aprire, trasformare, creare cose nuove. Così la vede Gesù, ed è proprio così nella vita», Risé a Volte. «Il bambino ha questo significato anche in psicologia, dove sembra suscitato dall’interazione tra uomo e donna, ma anche nel rapporto tra lo stato psicologico dell’uomo e l’uomo. Entrambi gli aspetti sono realmente presenti in ogni genere e la relazione tra i due finisce nel loro rispettivo sviluppo e comprensione”. Risé l’ha descritto molto bene Scoperta di se stessi, e questo non può essere ignorato per comprendere il potere e lo scopo delle politiche LGBT: utilizzare «la cooperazione psicologica attiva tra uomini e donne per spingere per relazioni reali con il sesso opposto sullo sfondo, dipingendole come inadeguate. Questo intervento rimuove l’aspetto e la funzione del bambino come caregiver giovanile e lo rinchiude in un auto-campeggio narcisistico, rendendolo pienamente funzionale all’esterno».

La Disney gioca per porre fine al mistero della vita

È un’idea centrale, e lo ripeteremo, prolungare la polemica su magia e stregoneria e andare all’osso del lavoro volto a sradicare le divisioni che, secondo la vulgata, potrebbero portare direttamente all’incanto Empireo senza ingiustizie, discriminazioni, sesso. violenza e omotransfobia: con il “deterioramento” del lavoro di un bambino non c’è un insieme coerente, l’intera possibilità di sviluppo dell’indipendenza umana – e una società fragile.

Non è raro che la guerra culturale (creata in risposta alla politica di questo o del governatore repubblicano, ora contro l’aborto, ora contro gli adolescenti, ora contro il sesso a scuola) sia un gioco da bambini, in cui si offrono gay. baci, tra una caffettiera parlante e un pianoforte gatto: «La Disney di oggi è un gruppo molto sofisticato, che sa esattamente cosa portano e perché. Tra gli scopi di questi “giochi” c’era l’abolizione del valore della diversità sessuale, unita ad un livello al di là dei misteri della vita (che invece, forse inspiegabilmente, interessava a Walt “lo studioso di stregoneria”). Un serio attacco ai pilastri fondamentali dell’umanità e della società».

“I bambini di oggi sono imparziali e hanno sogni naturali”

I voti americani dicono cose interessanti su questo tema: d’altra parte, dopo aver letto ciò che c’è veramente scritto nella legge della Florida, scritta dalla Disney e dalla compagnia liberale “Don’t Say Gay”, afferma la maggior parte degli americani. accetta di non affrontare problemi di molestie sessuali e identità di genere in classe, dalla scuola materna alla terza elementare. D’altra parte, c’è un drammatico aumento di bambini e giovani che affermano di essere transgender, queer, disobbedienti, ecc. Confermato il manager della Disney grande potere i media su questo argomento. La valanga di bambini sconosciuti al “sesso alla nascita” è in realtà descritta dal contenuto crescente e dall’influenza dedicata (in TikTok milioni di adolescenti che vanno in aree peer-to-peer, non alfabetizzati, disobbedienti, ecc.), oppure, chiediamo a Risé , se l’origine di questo “boom” si trova in questo adeguamento nuovo alla causa del fluido adulto, i genitori non possono dare garanzie o risposte pari all’urgenza espressa dai propri figli?

“Da una vasta gamma di ricerche fatte dalle generazioni precedenti, dal primo secolo ad oggi (quelle dei primi iPhone, nel XX secolo), sembra che la maggior parte dei ragazzi e delle ragazze non discrimini sessualmente i giovani, ma loro stessi avere sogni tradizionali. che probabilmente non impediscono oggi di entrare in una bellezza dai colori sgargianti, che di per sé è neutra e soprattutto ludica, che può fornire a un adolescente una maschera “rinnovata” tra l’esercito LGBT e il rispetto ipocrita dei genitori che a volte loro, come potete immaginare, stanno ancora affrontando questa questione personalmente e seriamente”.

L’enfasi sul concetto di “fase di latenza”

Molti danni sono stati fatti da Comunicazione Kinsey guardando al futuro, sottolinea Risé, “mettendo da parte la presenza, pre-approvata da qualsiasi medico e analista critico, della fase di latenza sessuale tra il bambino e l’adolescenza, in cui il bambino mantiene una distanza personale dai ruoli e dalle identità tradizionali con piena aspettativa. capire chi è e dove si trova. È proprio in questo rischio ideologico (rischio scientifico) della fase di latenza in cui si incarna la pretesa LGBT di educazione sessuale e ingresso nel mondo preadolescente irrisolto personale».

E proprio lì, alla fine dell’infanzia e dell’adolescenza, si gioca il cambiamento culturale: secondo. documento di recente pubblicazione dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti non c’è alternativa alla “conferma”, ovvero al regolamento sull’adolescenza immediata che vieta farmaci e ormoni a ragazze e ragazzi che si esprimono a disagio con il proprio genere, saltando ogni studio psicologico. Fare medicina in primo luogo, ovvero togliere ciò che si dà loro in Svezia al Regno Unito chiuso e così via lampade per trattamenti trans in America hanno chiesto un freno. Il braccio con cui la Disney si è già affermata al sole, viola una legge del Texas che vieta il controllo dei bloccanti per i bambini e apre le porte a un mondo a cui aspirano i sogni (gli adulti).

Disney, sogni da adulti e baffi nuovi

Ma davvero in un mondo onirico con un adulto meraviglioso, pieno di anticipazione e di idee basate sulla fantasia, un bambino è libero di camminare, di essere un bambino? “No, la situazione è molto bassa. Ma non è la paura che lo aiuta, ma la capacità dei genitori di insegnare ai propri figli la distinzione tra libertà responsabili e forse politicamente scorrette che sostengono, e l’amara conservazione dei nuovi servizi proposti dalle sette gender-neutral. Il conformismo e l’ideologia ideologica sono un punto debole per cercare di “riscattare la specie” introdotto da Nature (questo è il titolo di un libro programma dell’ideologa Judith Butler) organizzato da LGBT. Ed è proprio quello che i genitori non dovrebbero fare (e conoscere i fatti), anche davanti ai propri figli. Attenzione – conclude Risé – a non entrarci di fila».

foto Ansa