Vai al contenuto

Ma dove vai se non hai un buon software… –

L’impressionante schermo elettrico della Volkswagen: un’azienda tedesca ha creato una società di sviluppo software, Cariad.

Ma dove vai se non hai un buon software… Una grande auto elettrica, a differenza di una calda, non può fare a meno di un sistema di bordo di fascia alta. Questo è quello che ho capito mentre guidavo buon numero dei veicoli elettrici.

ma dove stai andandoMa dove stai andando… / Un modello di successo di Tesla

Se si tratta di un’auto diesel o benzina adatta, non importa cos’altro, non è il caso dell’elettricità. I produttori dovrebbero anche considerare come ciò avvenga durante la fase di progettazione lavorerà con l’ambiente e le infrastrutture di ricarica. Per questo, Tesla ha fatto scuola. Elon Musk ha avuto un’intuizione di successo. Se ne accorse subito, certo buona esperienza utente per i suoi clienti, dovresti aver creato una buona rete di ricarica. Ma anche un un efficace sistema di comunicazione del veicolo oltre la rete. In modo che non ci sia più niente di cui occuparsi, a parte guidare. E poi il grande successo di Tesla. Ed è per questo che molte persone ci credono ancora uno dei maggiori produttori mondiali, impareggiabile sul mercato. Nessun altro produttore è attualmente in grado di fornire un’auto ben collegata con una rete di ricarica proprietaria ad alta potenza, Supercharger. Ci sono le auto elettriche migliore di Model 3, Model Y, Model S e Model X, in termini di qualità costruttiva, comfort, prestazioni. Ma nessuno (o quasi) può darti la possibilità di sederti al posto di guida, impostare la tua destinazione e seguire solo il navigatore. Sarà sicuramente la soluzione migliore.

ma dove stai andando
Il maxischermo dell’ammiraglia Mercedes, EQS: grande macchina, ma il software info a bordo (sempre per decidere di fermarsi e ricaricare) ha bisogno di essere aggiornato.

Grande auto elettrica? Fallimento dei cacciatori ..

I produttori indigeni che vogliono facilitare l’uso dell’auto su lunghe distanze si trovano ad affrontare un ostacolo. Che è in grado di muovere i informazioni da una miriade di host diverse stazioni di ricarica. Rendendo disponibile in tempo reale questa notizia l’auto e il suo sistema di viaggio. Poi me ne sono andato da Stoccarda eRiva del Garda (TN) che è sicuramente tra le elettriche più interessanti, Mercedes EQS. E capire come, per un produttore che vuole che il consumatore possa godere a pieno di tutta la tecnologia che è stata messa a disposizione, è davvero doloroso. L’auto ha funzionato molto bene, con molto efficiente. Ma la cosa impossibile da avere informazioni in tempo reale nelle serie FAST e Ultra FAST lungo il percorso farebbe fermare il neofita più del necessario. Ho terminato il processo di 538 km un po’ più di sei ore e mezza. Insieme a una sosta ricarica (9 minuti). Ma se fosse stato per i segnali stradali avrei fatto almeno una seconda fermata (anche se ero fuori dall’autostrada). Se solo avessi potuto fare a meno del primo.

ma dove stai andandoSistemi di ricerca? Il più delle volte si risparmia molto

La Mercedes ha chiuso contratti con molti fornitori di servizi di ricarica, ovviamente. Fornisce ai clienti una carta che consente loro di ricaricare presso le stazioni di tutti questi fornitori. E a bordo è possibile allestire un’auto per pianificare un viaggio scegliendo questi negozi rispetto ad altri. Ma non è così la scelta ha sempre un senso. Non c’è niente di sbagliato nell’essere in grado di raccogliere le stesse informazioni da provider diversi, utilizzando hardware e software diversi e renderli disponibili in tempo reale. È necessario investire molte risorse nella nuova sezione, con tutta la complessità implicata. I costruttori lo fanno spesso conservativo nei programmi di ricerca dei programmi. Decidi su una raccomandazione per fermare più posizioni quando saranno necessarie una o più di esse. Sanno che la paura è la prima minaccia per chiunque salga a bordo di una tavola vedi te stesso a corto di energia. Per prevenirlo, Faresti meglio a lasciarne uno… pensano. Il risultato è che il conducente vede i limiti tecnici che in realtà non esistono. È disgustoso! Ho citato un esempio del Mercedes EQS. Ma la situazione non cambia con Vokswagen. In ID.3 provenivo da esso Riva del Garda un romani un po’ più di 7 ore, facendo una pausa di circa mezz’ora. Ma ho dovuto ignorare le istruzioni del software sulla scheda. A seguire ci vorrebbe più di un’ora.

ma dove stai andandoMa dove stai andando… / Di cosa abbiamo bisogno per sfruttare al meglio questa energia elettrica?

Chi usa l’auto per spostarsi lunghe distanze (una distanza maggiore dell’autonomia dell’auto) dovresti essere in grado di farlo senza preoccupazioni. Senza pianificare un viaggio e senza fermarsi a lungo. Cosa serve per fare la pace?

  • se l’auto potesse averlo informazioni aggiornate in tutte le colonne FAST esistenti (presenza, funzionalità, stato di residenza)
  • l’auto dovrebbe sapere con speranza entra direttamente in ciascuna di queste colonne (in spina e ricarica)
  • che ha un una strategia efficace ed efficiente di percorso e fermate in base alle informazioni disponibili
  • che l’auto, nell’essenziale del guidatore, fornisce suggerimenti in tempo reale cambiamenti nello stile di guida o nella velocità (quando e se necessario). Con tagli frequenti, meno utilizzo, soste brevi ma più o più lunghe ma meno.
Display di infotainment Ford Mustang.

Ma dove vai… / Dovrai lavorare sul software per fare in modo che le persone si fidino di te

Fondamentalmente: hai bisogno di un software affidabile al 100%, che ti permetta di sfruttare appieno la potenza dell’auto. Abbiamo già i migliori modelli tecnologici. Ma, molte volte, nessun software per sfruttarli adeguatamente. E questo rende quelle macchine molto migliori di quanto non siano in realtà. Se la mia macchina può percorrere 450 km, ma per paura di sedermi in piedi non voglio che l’indice scenda sotto il 30%, anzi sembra avere una leggera indipendenza. C’è un ottimo uso, PowerCruiseControl (PCC), installabile su smartphone e integrabile con OBD, la sua funzione è quella di assistere alla guida, consentendo di utilizzare tutta la batteria Wh. Ti siedi, stabilisci la tua destinazione e il sistema guarda a modo nostro. Fornire informazioni in tempo reale per arrivarci nel miglior modo possibile. Il processo di cui dovrebbe essere parte integrante di equipaggiamento per autoveicoli. Solo così un’auto elettrica può conquistare la fiducia dei consumatori. E possiamo evitare pacchi batteria eccessivi. E concentrati riduzione di peso (a causa dell’aumento della pressione energetica). Sembra funzionare bene, non sprecare. Ma dove stai andando …

Tag: ma dove stai andando