Vai al contenuto

Nomi pesanti da Borrell vs Mosca e equipaggiamento pesante dalla Germania. Ma la Russia sta fondendo le posizioni. Tutti contro la pace (MA Goni)

“Il porto Mariupol è stato rilasciato”. Lo ha affermato Denis Pushilin, capo della repubblica separatista filo-russa di Donetsk, che ha assicurato che ora le forze filo-russe avrebbero “intensificato la loro lotta” fino a quando Mariupol non passerà attraverso la Repubblica popolare di Donetsk, riferisce Tass. Sarà questa la fine del martirio della città dei martiri? In effetti, il prezzo pagato per la residenza ucraina è stato molto alto. Decine di migliaia di persone sono morte a Mariupol, nella regione di Donetsk, ha annunciato Volodymyr Zelensky durante il suo discorso davanti al parlamento sudcoreano. Il presidente dell’Ucraina ha notato che la peggiore situazione a Mariupol è stata ora chiusa dalle forze russe. “Mariupol è stato devastato. Ci sono decine di migliaia di morti, eppure i russi non smettono di offendere. Vogliono fare di Mariupol una città che scompare “, ha detto. “I cittadini stanno soffrendo, sono stati arrestati. Abbiamo identificato le aree in cui alcune azioni devono essere accelerate”, ha affermato.

L’esercito ucraino aveva parlato di una “battaglia finale” nella città portuale dell’assediata Mariupol. I combattimenti si sono quindi incentrati sull’acciaieria Azovstal e sul porto, secondo Eduard Bassurin, un diplomatico di Donetsk. Mosca ha inviato truppe al leader ceceno Ramzan Kadyrov per catturare la città.

“Il precedente uso da parte dell’esercito russo di proiettili al fosforo nella regione di Donetsk aumenta le possibilità di un uso futuro a Mariupol, se la battaglia della città si intensificherà”, ha avvertito il Ministero della Difesa britannico in un recente bollettino. “I bombardamenti russi sono continuati nelle regioni di Donetsk e Lugansk, con le forze ucraine che hanno respinto numerosi attacchi”, spiegando come le elezioni russe continuino a fare affidamento su “bombe invisibili”, che aumenteranno il rischio di ulteriori vittime.

La regione di Kharkiv, nell’Ucraina orientale, è stata fatta saltare in aria dai russi nelle ultime 24 ore: l’attacco ha provocato 11 morti, tra cui un bambino di 7 anni, mentre altri 14 sono rimasti feriti, ha detto il governatore locale. Oleh Synehubov, secondo quanto riportato dal Kyiv Independent.
Promozione

Gli Intants hanno creato confusione nei recenti rapporti dell’Alto Commissario dell’UE alle Nazioni Unite Josep Borrell in Ucraina, che mostrano che l’UE vede Kiev come “il capo della repressione della Russia”, ha affermato il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov.
“Non vedo perché possiamo continuare i negoziati con l’Ucraina, siamo pazienti e siamo un popolo persistente”, ha aggiunto.
Non sono pronto a rinunciare a nessun territorio in Ucraina per la pace”, ha dichiarato il presidente ucraino Zelensky, in un’intervista alla CBS, aggiungendo che non considererebbe la penisola di Crimea un territorio russo anche se fosse inclusa.

Intransigenza condivisa a Berlino. “L’Ucraina ha bisogno di più armi militari, prima di tutto pesanti”, ha affermato il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock, in Lussemburgo, accanto al Consiglio dei ministri degli Affari europei, secondo Bild. “Non è il momento di giustificarlo, ma sono necessari tatto e pragmatismo”, ha aggiunto.

La verità e il motivo “l’incidente deve essere confermato da un’indagine adeguata e trasparente”: è il parere del portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian sull’attacco missilistico alla stazione ferroviaria di Kramatorsk, dove hanno perso la vita. vive oltre 50 persone e ha visto Mosca e Kiev incolparsi a vicenda. Nel frattempo, le questioni umanitarie non dovrebbero essere politiche e qualsiasi accusa dovrebbe essere basata sui fatti”, ha aggiunto Zhao in un comunicato quotidiano, aggiungendo che “prima che l’indagine sia completata, tutte le parti devono astenersi da accuse infondate”.

Maria Anna Goni