Vai al contenuto

Ordinanza del potere, draghi come Robin Hood: prende dai ricchi per dare ai poveri

Mario Draghi nel ruolo di Robin Hood: toglie la ricchezza ai poveri per darla ai poveri. In una recente conferenza stampa, il presidente del Consiglio ha presentato i contenuti di nuova legge essere mira a contenere i risultati di guerra in Ucraina nell’economia italiana. IL 4,5 miliardi, emergeranno quelli compresi nei precedenti 16 miliardi già stanziati imposta sugli utili aggiuntivi per le società energetiche che ha colto l’occasione dell’innallamento dei prezzi del gas, dell’elettricità e del petrolio. Quindi questo nuovo contributo alle famiglie e alle imprese non sarà finanziato dai cittadini e questa è una nuova realtà del mandato che mostra grande coraggio da parte del governo in questo momento difficile. Ma ecco tutte le questioni contenute nella risoluzione delineata in una conferenza stampa in cui il Presidente del Consiglio ha ribadito come l’esito della guerra in Ucraina richiedesse, a medio e lungo termine, La risposta europea sia in termini di potenza ma anche di difesa militare.

“A differenza delle misure precedenti, la maggior parte degli interventi odierni non sono finanziati dal bilancio pubblico, ma dalle imprese del settore energetico. Poi il presidente del Consiglio Mario
Draghi in conferenza stampa.

Benzina e diesel
Riduzione delle tariffe su benzina, gasolio e gpl e riduzione del prezzo di 25 centesimi al litro in un mese e multe fino a 5mila euro per aumenti illeciti.

vedo
“Stiamo aumentando il numero delle famiglie protette dal debito da 4 a 5,2 milioni; le famiglie pagheranno l’elettricità come l’estate scorsa. Abbiamo alzato il tetto dell’Isee da 8 a 12mila euro”.

I debiti sono utili
Le aziende potranno pagare a rate fino a quel momento 24 mesi i debiti con società più potenti e ad alta intensità di gas avranno un credito d’imposta sui maggiori costi di gas ed elettricità. C’è una tassa del 10% sugli utili aggiuntivi per le società energetiche.

La risposta europea
“Al Consiglio d’Europa la prossima settimana “vogliamo una risposta rapida e concreta al prezzo dell’elettricità”, cercando di “stabilire”. Prezzo elettrico europeo”, Ha detto il primo ministro. “Nei prossimi giorni ci metteremo d’accordo su una proposta, ma non è chiaro se questa proposta verrà approvata”. “C’è un forte consenso – aggiunge Draghi – ma le basi sono molto diverse: le leggi europee sul prezzo del gas hanno mostrato coerenza negli anni, ma tutto è cambiato da allorao con fonti di approvvigionamento molto diverse. C’è sicuramente bisogno di una risposta europea”, ha aggiunto Draghi, che nel pomeriggio ha incontrato i suoi omologhi spagnoli e portoghesi. Nel vertice di oggi con i Premier di Spagna, Portogallo e Grecia, abbiamo convenuto sull’importanza di prenderne uno. un luogo comune a livello europeo riducendo i prezzi dell’energia. Intendiamo assumere questa posizione sul Consiglio d’Europa la prossima settimana. La crisi ucraina è un problema europeo, e ha davvero bisogno di risposte europee”.

Spese militari
“Determinazione” per portare la percentuale della spesa militare al “due per cento” è: “quando farlo, come farlo si discuterà tutto, e in questo caso. la risposta non può che essere europea”. del PIL. la volontà esiste

Ammissione dei profughi
L’Italia assegnerà 400 milioni di profughi di accoglienza. “Il numero dei profughi in arrivo dall’Ucraina è molto incerto, non credo che ci fermeremo a 67mila”, ha detto il premier Mario.
Draghi, in conferenza stampa al termine del CDM.