Vai al contenuto

Pasqua, aumenta il turismo: 14 milioni di italiani lungo il percorso, 5 milioni pernottano in 5 giorni “santi”

Circa 14 milioni di italiani parteciperanno alle vacanze di Pasqua. Di questi, 1 su 4 (24,9%) ne approfitterà per essere vicino al 25 aprile per prolungare la vacanza. Viene da uno studio condotto dal Federalberg. L’89,5% resterà in Italia, mentre il 10,5% preferirà l’estero. Le mete preferite dai viaggiatori in Italia saranno il mare (28,9%), le città d’arte (28,7%), la montagna (16,4%). Per chi va all’estero, i più grandi prigionieri d’Europa (57,8%). Il turismo è garantito come un motore speciale nell’economia nazionale, generando un fatturato di 7,06 miliardi.

Assoturismo: ribaltamento

Se quella che verrà è una Pasqua di ritorno, o almeno una speranza, il tour è garantito anche dai risultati di Assourismo. Dopo il record di lentezza registrato nel primo trimestre dell’anno, e soprattutto dopo l’inizio del conflitto russo-ucraino, nelle festività successive – le prime senza restrizioni da due anni a questa parte – un weekend lungo tra il giovedì santo e il lunedì di Pasqua. il programma ricettivo dovrebbe infatti registrare 4,7 milioni di pernottamenti. Sostanzialmente partiranno gli italiani (74% della popolazione), ma si prevede una buona ripresa della domanda estera, soprattutto in Europa, con una stima di 1,2 milioni di insediamenti, il 26% del totale.

Pasqua, il ritorno degli stranieri: Roma è una meta ambita dai turisti europei, seconda Italia



“Pasqua 2022 potrebbe rivelarsi una buona opportunità per il turismo italiano, anche se la ripresa non riguarda tutte le regioni e le destinazioni, e non basta ad alleviare la frustrazione dei risultati dei bassi mesi invernali”, ha affermato Vittorio Messina. , Presidente di Assoturismo Confesercenti. “Se è vero che nelle ultime due settimane le prenotazioni sono tornate a crescere, soprattutto i viaggiatori italiani sosterranno il turismo durante le vacanze, mentre gli stranieri saranno meno della metà di quello che erano prima del covid. La preoccupazione è ritrovarsi. pochissimo a sostenere le imprese che, dopo due anni di dimissioni, hanno bisogno di sostegno per mantenere i livelli occupazionali”.

Case vacanza, Napoli, Garda e Sicilia al piano di sopra

Dalla splendida Italia, società leader nella gestione diretta di resort italiani con più di 1.100 strutture, la garanzia arriva con la ripresa delle vacanze italiane, tuttavia, in questo ulteriore reparto alberghiero, è già iniziata all’inizio di quest’anno. . Gli aumenti delle prenotazioni nel primo trimestre sono del 600% nel primo trimestre del 2021, mentre il numero di visitatori è del 770%. L’aumento del numero di visitatori in eccesso rispetto all’aumento delle prenotazioni è un dato ancora più interessante se si considera che in un anno la permanenza media si riduce, superando da 9,5 a 7,5 giorni. “Quest’anno le persone viaggiano molto in gruppo, con parenti o amici, mentre la durata del soggiorno dipende da un ritorno all’abitudine alla pulizia e allo svago, rispetto a quanto accaduto l’anno scorso, quando il soggiorno era sempre unito alla saggezza”. Michele Ridolfo, CEO e fondatore di -Wonderful Italy.

Pasqua, voglia di viaggiare a 8 milioni di italiani, ma solo la metà prenotati. E cerca il risparmio



La prenotazione ha registrato un trend in crescita fino alla fine di febbraio, momento dell’inizio del conflitto in Ucraina. Per dieci giorni c’è stato un calo delle prenotazioni fino al 20%. Dal 5 marzo, tuttavia, le prenotazioni hanno ripreso a crescere, superando il livello raggiunto prima del conflitto. E la Pasqua sembra buona. A fine marzo, infatti, le prenotazioni nazionali ad aprile sono aumentate del 350% rispetto al 2021. Le mete più gettonate per la prossima Pasqua saranno Napoli (+850%), Lago di Garda (+680%), Palermo e Sicilia Occidentale (+550%). Per quanto riguarda la permanenza media nel periodo pasquale nelle mete turistiche più gettonate, abbiamo una lista di 8 giorni a Siracusa e provincia e 4 giorni in Puglia.
“Rispetto all’anno scorso c’è una leggera tendenza a scappare di casa. Inoltre, i dati del Napoli sembrano rivelare che la Campania sia una delle mete preferite per il 2022, dopo la vittoria della Sicilia nel 2021 e quella della Puglia nel 2020”, rileva Michele. Ridolfo.

Se da Pasqua non vediamo l’ora che arrivi l’estate, vediamo importanti segnali di fiducia e innovazione. Infatti, al 31 marzo, il 35% delle case controllate da Wonderful Italy entro giugno sono state occupate, il 25% delle case a luglio e il 20% delle case ad agosto. Al 31 marzo 2021 la percentuale di prenotazioni estive si è stabilizzata al 15% a giugno, al 10% a luglio e al 5% ad agosto: le prenotazioni estive sono raddoppiate rispetto allo scorso anno. Tali percentuali si riscontrano principalmente nelle destinazioni ad alto turismo marittimo come Sicilia, Puglia e Liguria, anche se in quest’ultimo caso sono percentuali leggermente inferiori.

Una storia diversa riguarda il Lago di Garda, dove la meravigliosa Italia ospita circa 180 case. A Garda, infatti, dal 31 marzo c’è una prenotazione di alloggi del 65% a giugno, del 54% a luglio e del 43% ad agosto. In questo caso, le prenotazioni internazionali hanno un forte impatto: Germania e Nord Europa in particolare, che rappresentano il 66% del totale.

Freni estivi Fiavet: “La corsa è limitata”

Qualunque sia la natura delle prossime vacanze e del prossimo ponte (25 aprile, 1 maggio cade domenica), il trend estivo sarà “molto simile all’anno scorso. Il turismo locale tornerà ad essere protagonista”. Ne è convinta Ivana Jelinic, presidente di Fiavet, la Federazione italiana viaggi e le organizzazioni del settore turistico, intervenendo in occasione della cerimonia di apertura del tour LGBTQ+ degli Stati Generali europei al teatro Elfo Puccini di Milano.

“Il viaggio – ha spiegato – sarà minimo”. Inoltre, alcune destinazioni «saranno di difficile accesso a causa dell’aumento dei costi del carburante ma anche perché alcune aree saranno difficili da integrare sia nelle notizie di guerra sia perché i risultati post-Covid non sono ancora arrivati ​​del tutto. ha lasciato altre parti del mondo”.