Vai al contenuto

perché non è una novità – AlessioPorcu.it

Michele Marini ha ufficialmente fatto ciò che era legale dal 3 marzo. Queste non sono notizie. La conferma della sua lista accanto a Marzi invece significa tante cose. Non ha alcuno sconto

Il comunicato è partito prestissimo: lo annuncia L’ex sindaco Michele Marini sosterrà la candidatura del predecessore Domenico Marzi. Queste non sono notizie: semplicemente perché questo è noto dal 3 marzo, nelle ultime settimane non è stato messo in discussione. (Lei se l’aspettava Alessioportu.it: Marzi ha fatto pace con Marini: hanno lavorato insieme).

io Le novità legate all’annuncio fatto questa mattina sono alcune. Alcuni sono solo garanzie, altri sono completamente nuovi.

Michele non è un candidato

Michele Marini e Domenico Marzi

Michele Marini non scenderà in campo in prima persona: metterà la sua lista. Anche questo era stato ampiamente pubblicizzato. Questa oggi è solo una conferma. Ma è molto importante in politica.

Il fatto che Michele Marini non utilizzi, non interferisce in alcun modo con il fondamentale processo elettorale che porterà in gara Domenico Marzi. Per Marini metterà il suo nome, la sua faccia nelle caselle e chiederà ai cittadini di votare. Soprattutto, posizionerai i candidati: per quelli del suo partito politico centrale, capace di consolidare decine e gran parte delle scelte rimaste sopite negli ultimi dieci anni, vista la mancanza di consensi alle elezioni del Marini bis del 2012.

Il ruolo di Pompeo

Antonio Pompeo

In questi giorni si sottolinea il ruolo del Presidente provinciale Antonio Pompeo. È un ex leader dei Renziani La base dell’aggiornamentosoprattutto è l’erede del senatore Francesco Scalia che ha lasciato la politica nel 2018 per dedicarsi all’insegnamento all’università e alla professione forense. Michele Marini proviene da quella famosa matrice e una margherita in cui Scalia è stato uno dei protagonisti a livello nazionale.

È facile vedere lui e Pompeo andare d’accordo. Ma si dovrebbe evitare di dare troppo peso e valore a questa disposizione. Chiarezza: Michele Marini Non è una persona a tutto tondo nella scuderia di Pompeo, Marini è l’unico Marini e si mette in sella da solo senza altri che lo possano cavalcare in politica.

Certamente Antonio Pompeo non ha fatto un secondo lavoro nel confermare Michele Marini al rientro in campo al centro sinistro. È ugualmente garantito che contribuirà al confezionamento della lista. E vi metterà il suo nome o un segno diverso.

Si conterà lì: ma quella resta la lista di Marini e non quella di Pompeo.

Conta da lontano

Intersezione tra Bustini e Zingaretti

Tuttavia, questo fa risaltare qualcos’altro. Personale Antonio Pompeo ha una difficoltà elettorale nella lista dei Michele Mariniquindi in gioco la lista del Pd Pensa alla democrazia cioè parte del plurale di Francesco De Angelis e dove fanno riferimento i consiglieri locali Sara Battisti (Vice Segretario del Pd nel Lazio e Presidente della Commissione Regionale) e Mauro Bushini (Nicola Zingaretti Coordinatore Regionale per la Regione).

Nel suo ruolo Mauro Bushini la leggenda metropolitana dovrebbe essere misurata. Per garantire il proprio secondo Nicola Zingaretti la foto era necessaria in questi mesi che hanno vissuto una vita di lusso in una visita alle grotte di Collepardo. Ripetizione l’allineamento con Francesco De Angelis è una sequenza L’evento si è svolto giovedì scorso presso la sede di Frosinone del Consorzio Industriale Lazio. Durante la presentazione del progetto da 38 milioni di euro, Buschini era presente fisicamente con De Angelis e tutti i suoi scatti. Se c’era un gelo, ora è finita.

Il ruolo di Fanti

Fantini e Marzi

Lista di Michele Marini sostenere l’elezione di Domenico Marzi il sindaco è il risultato del paziente lavoro riabilitativo svolto da Francesco De Angelis ma con lo stesso impegno e dedizione del segretario provinciale Luca Fantini.

Ci voleva un nuovo Segretario provinciale, che non aveva nulla a che fare con gli eventi degli ultimi dieci anni. la capacità di rimediare a quel dolore. È una garanzia che Il Pd ha urgente bisogno di quel rinnovamento interno che Sara Battisti ha voluto quando due anni fa ha avviato un percorso che si è concluso con il Congresso e l’elezione di Fanti.

È ora in questo momento non può più giustificarsi. Con la distribuzione di Lista del mare Il campo è definito. Il passo successivo dovrebbe essere la definizione di campo lungo nella sua ultima costruzione: e la determinazione del pignoramento di Centro comunitario e un elenco di Carmine Tucci.

Cosa è successo a Vacana

Luigi Vacana (Foto © Stefano Strani)

C’è un fatto innegabile. Distribuzione di Lista del mare causerà una riga Piattaforma Civica a partire dal Luigi Vacana. Nelle ultime ore ha dovuto faticare per rimettersi in carreggiata Christian Bellincampi procedeva in direzione opposta con i fratelli italiani al termine di un notevole lavoro svolto dal coordinatore cittadino UFabio Tagliaferri. (Leggi qui Bellincampi lascia Vacana: candida FdI).

Infatti alcuni dei candidati Vacana provenivano dalla zona di Marini. Non è raro che oggi un consigliere provinciale pubblichi un articolo sulla sua pagina Facebook. Dove dice: “Resistere alla tentazione delle squadre rende le sfide ancora più belle e la soddisfazione di vincere senza maglia è incommensurabile. L’unica maglia per lui è quella dell’amore e dei pensieri. Con questo spirito stiamo lavorando alacremente per le prossime elezioni politiche di Frosinone. Il partito che a giugno lo farà nelle urne e in sede. Al Sindacato Memmo Marzi. Ovviamente la Civica”.

Significa che non tornerà indietro. Ma soprattutto significa che Domenico Marzi si ritroverà con una lista di liste ispiratrici, dove nessuno può fallire: da Vacana al Pd a Michele Marini. Tutti scommettono. Ne trarrai vantaggio in ogni situazione.