Vai al contenuto

“Perché rischiamo una nuova guerra mondiale?”

“Gli svedesi e i finlandesi, prima di fare domanda di ammissione, come hanno detto i loro primi ministri, dovrebbero valutarlo fino a giugno”. L’analista Alessandro Politi, direttore della Nato Defense Foundation, l’unico istituto di ricerca non governativo con sede nella Nato, afferma che l’ingresso di Svezia e Finlandia nel Patto atlantico non sarà vicino e, solo entro l’estate, sapremo quale formula è la migliore. bene per la loro appartenenza.

Perché l’Ucraina ieri, la Svezia e la Finlandia oggi vogliono aderire alla NATO?

“L’Ucraina è stata invitata nel 2008, ma per ovvi motivi ci si è resi conto che l’invito non sarebbe stato seguito perché c’erano problemi con la Russia. Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, della Svezia e della Finlandia, due paesi neutrali in tutto il paese. quella neutralità era non basta. Tutti questi Paesi neutrali, comprese Serbia e Svizzera, sono alleati della Nato e, di conseguenza, non hanno rapporti. 5”.

Le minacce russe contro di loro sono reali?

“I russi dicono chiaramente al popolo di Svezia e Finlandia: ‘Fai la scelta che vuoi, ma ricorda che se diventi un membro della NATO, dobbiamo rafforzare la nostra sicurezza ai confini che abbiamo con te e nel Mar Baltico”. Implica il dispiegamento di armi nucleari preesistenti, più politicamente fattibile perché i russi, oggi, hanno armi nucleari per battere Svezia e Finlandia.

Perché la Russia ha paura della Svezia e della Finlandia, i due paesi più pacifici?

“I russi non hanno problemi con questi due paesi scandinavi, ma con la NATO. Ricordo che l’Oceano Atlantico dove si unirebbero Svezia e Finlandia, in termini di spesa e potenza militare, è più alto della Russia senza armi nucleari. È molto simile durante la Guerra Fredda, quando l’URSS e i paesi del Trattato di Varsavia avevano un comune sopravvento sulla NATO. Questo equilibrio militare, oggi, è andato in frantumi. “

E, bene, ricapitolo: perché la Russia ha così paura della NATO, se i paesi del Patto Atlantico non hanno invaso direttamente la Russia?

“Questo è vero, ma Putin è un uomo cresciuto nel KGB e vuole una lista di paesi neutrali dal nord al Caucaso. Tuttavia, c’è stato un tempo in cui Nato e Russia erano veri alleati, ma le relazioni sono andate in pezzi”.

Ti riferisci all’Accordo di Pratica di Mare?

“Sì. Una grande volontà politica dovrebbe mantenere la cooperazione tra la NATO, dove gli Stati Uniti hanno uno stakeholder maggioritario, e la Russia con una rispettabile potenza nucleare. Quando Putin ha visto il numero degli ex membri della NATO dell’Unione Sovietica, ha iniziato a chiedersi cosa il futuro sarebbe durato: nel 2007 Putin aveva avvertito che non avrebbe accettato alcuna estensione della NATO a est.

Se la fine dell’URSS ha segnato la fine della Guerra Fredda, qual era la necessità per la NATO di espandere i suoi confini ad est?

“Era una buona domanda che mi ero posto, in tutti quegli anni, e l’esercito rumeno mi ha dato la risposta. Mi ha detto: ‘Non sai cosa si intende quando qualcuno non è in una certa posizione. Astuccio. . Non vogliamo essere in una zona d’ombra. “Tornando indietro, e cosa sta succedendo in Ucraina, capisco questa risposta. C’è una differenza di fatto tra la perdita di un decimo di paese in una guerra ibrida, come è successo. Crimea e Donbass, e la vera invasione. eredità comunista , in questo caso, vi assicuro, non c’entra niente, non c’entra niente creare nazionalismo”.

Ma, allora, Putin non vuole riportare indietro l’URSS?

“No, l’idea è solo sovrastruttura. L’Unione Sovietica avrebbe potuto essere una democrazia, ma la verità è che aveva un potere competitivo. Putin non vuole restaurare l’URSS, ha una mente nazionalista russa ed è interessato solo a ricostruire una Russia forte e potente, anche per non aver rovesciato il governo ucraino.

Quindi, la Guerra Fredda non tornerà?

Non temo il ritorno della Guerra Fredda, ma temo che questa situazione non finirà e che se Stati Uniti e Cina non negozieranno rigorosamente, rischiamo una nuova guerra mondiale nel Pacifico. L’Ucraina è solo dettaglio. . , mentre il Pacifico è importante negli Stati Uniti e in Cina. ” In Europa c’è una bomba, ma nel Pacifico ce ne sono alcune così grandi che fu durante la seconda guerra mondiale che gli americani rilasciarono l’atomo. e bombe non atomiche in Europa”.