Vai al contenuto

Prezzi, le organizzazioni dei consumatori forniscono un documento al governo – Economia e finanza

(Teleborsa) – Un pacchetto di misure per tenere le tasche delle famiglie e contro l’aumento dei prezzi al dettaglio e mattoni che hanno colpito i consumatori italiani. Mostrando i raccomandazioni al governo io organizzazioni CNCU che oggi, per la prima volta, si sono uniti in uno Assemblea Generale delle Nazioni Unite descrivere un documento integrato con una gamma di misurazioni dall’energia ai combustibili.

Hanno partecipato a una conferenza online organizzata dalle organizzazioni dei consumatori del CNCU – ​​seguita da oltre 2.700 XNUMX partecipanti che hanno approvato il documento – il loro contributo, sia Presidente di Arera, Stefano Besseghini; io Rilevatore di valori, Benedetto Mineo; Simone Baldelli, presidente della commissione parlamentare d’inchiesta sui consumatori e la tutela dei consumatori; Giovanni Calabrò, Amministratore Delegato Antitrust tutela consumatori; Gianni Girotto, presidente della X Commissione Senato; Martina Nardi, presidente della Commissione X Camera.

“Ora ci aspettiamo un segnale concreto dal Governo e una forte attenzione alle esigenze dei consumatori – hanno affermato organizzazioni CNCU -. In assenza di misure efficaci volte a calcolare i preventivi e l’inflazione e a tutelare il potere d’acquisto delle famiglie, siamo pronti ad organizzare unioni e proteste in tutta Italia”.


Le delibere presentate oggi al Governo –
Liberare i prezzi dell’energia (elettricità, gas e petrolio) dalla speculazione e dalla volatilità degli scambi, introducendo un modello di pricing economicamente vantaggioso per la produzione di diverse fonti energetiche e il costo medio di approvvigionamento globale e capacità di controllare i picchi di mercato, e in questo caso rendere il commercio sicuro di elettricità e gas soprattutto nei confronti delle fasce più deboli della popolazione, garantendo competitività e riduzione dei risultati per tutti i consumatori. Non applicare l’IVA sulle accise sui carburanti e ridurre il carico fiscale nella media europea; detrarre l’IVA sugli oggetti non utilizzati fino ad un valore massimo pari al carico fiscale.

Energia e Gas: avviare un adeguamento generale dei costi complessivi di sistema di difficile redazione, comprensivi di alcune poste obsolete o ingiustificate, che svincolano il proprio importo a titolo IVA, che deve essere strutturalmente ridotto al 10% del consumo totale di gas; disporre la sospensione della disconnessione dell’energia elettrica e del gas, prorogare e migliorare i contratti pluriennali di pagamento rateale, anche mediante la creazione di alcune garanzie pubbliche di credito, e istituire un apposito sistema per il Servizio Conciliazione Consumatori Energetici Arera; spiegare il debito degli innocenti, aumentare le difficoltà sorte per le famiglie per ottenere il bonus welfare, stabilizzare l’innalzamento del confine Isee a 12mila euro e aumentare il valore del Bonus; fornire sussidi ai poveri per guidare lo sviluppo energetico attraverso l’energia rinnovabile, nonché sviluppare energia rinnovabile e ridurre il consumo di energia, e stabilire specifici interventi contro la povertà energetica; istituire un Albo dei fornitori autorizzati ad operare nel settore energetico, accreditarsi sulla base di requisiti patrimoniali e garanzie finanziarie, esperienza e competenza aziendale, correttezza aziendale, impegno per la sostenibilità. Adottare una politica coordinata di approvvigionamento di gas ed energia a livello europeo, in modo da poter ottenere un approvvigionamento più redditizio ed equo a tutti gli Stati membri.

Aumenta i livelli di supporto e utilizza controlli semplici per facilitare la progettazione e la gestione di una comunità di energia rinnovabile, nonché adattare altri modelli come organizzazioni di terze parti. Certamente per rafforzare le funzioni di intelligence e i poteri giudiziari dell’Autorità Indipendente e del Sig. I prezzi, ampliando il campo di intervento e le attività di coordinamento delle istituzioni statali centrali e periferiche, sono responsabili della gestione, del monitoraggio e dell’esecuzione delle molestie e dei preventivi, nonché dell’instaurazione di rapporti diretti con le organizzazioni dei consumatori riconosciute. Incoraggiare i comitati regionali di monitoraggio dei prezzi nelle regioni, tra cui Crcu, a monitorare i loro progressi e ad opporsi alle speculazioni in collaborazione con Mr. Prezzi. La precedente consultazione delle Associazioni dei Consumatori e degli Utenti ha adottato l’adozione di norme in materia di politica tariffaria ed energetica.

(Immagine: © baloon111 / 123RF)