Vai al contenuto

Prigozhin, il “cuoco” di Putin, è stato fotografato in mimetica su Donbass-Corriere.it

a partire dal Fabrizio Dragoseia partire dal

Dalla fabbrica di troll per influenzare il voto degli Stati Uniti per il partito mercenario di Wagner. Ma lui nega sempre tutto: mi occupo del cibo

Passare anni a giurare di non avere nulla a che fare con i soldati Wagner e poi scattare una foto della sua mimetica al Donbass non sembra una mossa saggia. Ma Evgenij Prigozhin, noto a tutti come lo chef di Putin, è ricercato dall’FBI per essere intervenuto alle elezioni americane, abituato a nascondersi dietro cortine fumogene. Ha sempre negato tutto e da allora, quando aveva 20 anni, è stato condannato a 13 anni nel carcere di Leningrado. Non esiste una fabbrica di carrelli, che sia riuscita in qualche modo a controllare le elezioni presidenziali americane; no Wagner, gruppo privato impegnato in atti “sporchi” in Siria, Libia, Repubblica Centrafricana e Ucraina. Non ci sono contratti sospetti da miliardi di dollari per rifornire le mense del Dipartimento della Difesa. Il mercante 60enne si impegna solo a occuparsi di cibo, notando il padre “a New Island” (dove ha conosciuto Putin), di “Polenta”, del “Museo del cioccolato”, nel villaggio “La Versailles”. nord”. E continua a chiedersi perché sia ​​finito in tutte le liste degli oligarchi approvati e perché l’FBI stia fornendo 250.000 dollari per il suo arresto.

Foto

Così ha subito smentito la foto in mimetica inviata da un deputato (apparentemente nel partito di Putin) Vitalij Milonov che dal 14 aprile vive in Donbass: “Ho incontrato un vecchio amico”, ha scritto in parlamento su Vkontakte, Facebook Russian. E il nostro ha subito spiegato: “Vado alla Prospettiva Nevsky (St. ndr), vedo Milonov avvicinarsi e lo saluto. Questa è tutta la storia. “Non c’è il Donbass, quindi, anche se è difficile credere che questi due si aggirino sempre per le strade del centro della capitale del Nord per volere dei militari. D’altronde i Wagner non sono in Ucraina. Ed è innegabile che Prigozhin abbia avuto molto successo.

Non vivono

Dopo aver risolto le questioni legali nove anni dopo, nel 1990 lui e il suo patrigno hanno creato un parco di hot dog con cui ha realizzato i primi rubli. Successivamente entrò in un casinò, una catena di negozi di alimentari, e infine aprì il primo ristorante, “La vecchia dogana”. Il battello fluviale è stato poi trasformato in un confortevole luogo di ritrovo, “New Island”. Putin ci porta il presidente francese Chirac, il presidente degli Stati Uniti Bush e il giapponese Mori. Prigozhin stesso ha dichiarato: “Il presidente ha visto come ho costruito la mia ricchezza iniziando con un pasto; ha visto come non potevo trattenermi se c’era un piatto che stava per portare in tavola». Un uomo ordinato, pronto a fare qualunque cosa gli chieda.

Questa è una notizia falsa

Nel 2013, l’edificio è apparso a St. Louis. Pietroburgo dove giovani informatici furono assunti per diffondere notizie false, promuovendo storie false. È una cosiddetta fabbrica di troll che sta iniziando a entrare nella conversazione americana, aumentando la velocità dell’odio razziale e della violenza. Poi sono arrivate le elezioni e i carrelli hanno fatto del loro meglio per far perdere Hillary Clinton. È Prigozhin che non si tira indietro.

Ho un mercenario

Nel 2014, con lo scoppio della guerra nel Donbass, si è imposta la Wagner, compagnia privata fondata da forze speciali del passato, Dmitrij Utkin, soprannominato Wagner. I suoi indovini hanno combattuto contro le forze filo-russe, quindi Mosca non è ufficialmente riconosciuta. Ci appartiene sempre. Questo è popolare sopra e i mercenari sono usati in altre attività in tutto il mondo. In Siria centinaia di loro cadono sotto il fuoco americano, ma nessuno si lamenta e la Russia non è coinvolta. Ora in Ucraina, si dice che l’esercito di Utkin sia tra i peggiori al mondo. Ma Prigozhin, in sella a una mimetica di Pietroburgo “non ha nulla a che fare con questa compagnia privata”. Non sorprende che, secondo il sito ucraino Uawire, l’agenzia di stampa ufficiale Interfax abbia pubblicato nel 2018 che un certo Dmitry Utkin è diventato direttore generale della direzione Concord, società di catering Putin.

Affare

L’azienda non si limita ai ristoranti. Riceve uno dopo l’altro gli appalti pubblici: scuole, basi militari, pulizie di caserme, costruzioni. In cinque anni, avrebbe ricevuto quasi 3 miliardi di dollari in contratti, secondo il Fondo anticorruzione di Alexei Navalny. E spesso non ci sarebbero contratti chiari, tanto che anche i finanzieri del Dipartimento della Difesa potrebbero lamentarsi della lettera ufficiale. Secondo lo stesso Fondo, in Siria Prigozhin andrebbe avanti: in cambio della sua partecipazione, riceverà una percentuale sulle vendite di petrolio ricavato da pozzi protetti dai funzionari. Poco si sa della privacy dello “chef”. C’è qualcosa che esce dai post dei bambini Pavel e Polina. Foto su yacht di famiglia o scaletta a reazione; una vista da un villaggio nel Mar Nero su un profilo Polina. La casa si trova a Gelendzhik, dove Putin farebbe costruire un palazzo da un miliardo di euro.

18 aprile 2022 (modifica 18 aprile 2022 | 22:05)