Vai al contenuto

ragioni della crisi economica oltre il Lockdown covid

Dati economici recenti mostrano che il rallentamento della Cina è molto più lento del previsto e non è il risultato della sola chiusura del covid-19. Le ragioni della situazione economica sono poche e l’analista David Lacalle le evidenzia bene.

La chiusura del Lockdown ha un impatto enorme. 26 province su 31 della Cina hanno accuse di covid in aumento e i timori per la chiusura delle strade di Shanghai sono alti. Le informazioni provenienti da questa area metropolitana indicano che questa grave chiusura sta causando gravi danni alla popolazione. Milioni di persone senza cibo né medicine e l’aumento dei suicidi hanno dimostrato che la famigerata politica “zero covid” mette sempre in ombra il controllo e lo stress umani. Tuttavia, la recessione economica cinese ha ragioni più profonde del semplice Covid-19. Al momento, vediamo come il PIL per il trimestre in corso sia lontano dal previsto obiettivo del 5,5% annuo, mirato dal Partito Comunista Cinese, e come questa barriera non sia stata raggiunta in due trimestri consecutivi.

Ancora più importante, le vendite al dettaglio cinesi sono diminuite drasticamente, a causa delle chiusure, ma anche della diffusa sfiducia dei consumatori.

Il rallentamento non è tanto la causa, o l’unico fattore, nel Covid, ma nel mix economico associato all’esplosione della bolla immobiliare e alla recessione economica globale.

Secondo lo Studio Nomura, la Cina sta affrontando il peggior rallentamento dall’epidemia del 2020, e tutto questo senza cifre ufficiali, diremmo, sempre addobbate per uso domestico. Questo processo di lubrificazione avviene in due modi principali:

  • pubblicare un’inflazione più bassa e un deflatore del PIL più basso, quindi aumentare i prezzi reali;
  • aumentare significativamente la spesa per debiti e le infrastrutture.

Ma anche queste decorazioni non nascondono tutto.

Il crollo della bolla immobiliare è il problema più grande. Il documento di ricerca di Kenneth Rogoff e Yuanchen Yang ha stimato che il settore immobiliare rappresentava circa il 29% del PIL cinese.. È impossibile per il governo cinese rettificare l’impatto di una parte così ampia dell’economia e di altri settori ad alta crescita. Inoltre, l’impatto degli immobili sul mercato del lavoro è difficile da recuperare. L’economista George Magnus ha avvertito che gli effetti del crollo delle abitazioni dureranno per anni.

Un altro fattore della recessione economica è l’intervento diretto del governo nel settore privato, come, ad esempio, è avvenuto nei servizi tramite l’App o Alibaba. Questo tipo di azioni rende incerta la situazione giuridica generale, disincentivando gli investimenti esteri.

L’entità della recessione economica cinese si riflette nei recenti indicatori anticipatori. Il Caixin China General Manufacturing Purchasing Managers’ Index (PMI) è sceso al minimo di 25 mesi di 48,1 a marzo 2022, indicando un calo. Il PMI Services di Caixin è sceso a 42,0 a marzo da 50,2 di febbraio, scendendo al di sotto del livello che separava la crescita in contrazione. Questo studio mostra un forte calo dell’attività da febbraio 2020.

Anche il top case cinese è un problema. Il debito totale è superiore al 300% del PIL, secondo IIF. La BCE indica che il rapporto debito tra Cina e PIL nel settore privato ora supera il 250% e che il settore del debito societario è il più alto al mondo. La BCE sottolinea anche il rischio rappresentato dalla “quota significativa di finanziamento fornita al settore imprenditoriale da istituzioni finanziarie non bancarie”, che porta a una maggiore assunzione di rischi e a un sistema bancario dignitoso strettamente legato a investimenti ricchi e facoltosi. famiglie non affluent sotto il controllo della Banca Centrale.

La crisi economica cinese, insomma, è legata solo ai problemi legati alla chiusura, che, alla frontiera, fanno da amplificatore alle già difficili condizioni. Le chiavi si esauriranno, ma i problemi strutturali non andranno via. Sarà interessante vedere come il PCC cercherà di affrontare se stesso.


Telegramma
Grazie al nostro canale Telegram puoi rimanere aggiornato sulla pubblicazione dei nuovi Articoli Economici.

⇒ Registrati subito


Menti

Supporta ScenariEconomici.it

In mezzo alla Messa di massa ora pienamente integrata con i bollettini Power News, Scenari economici rimane una voce che esprime idee libere e indipendenti. Aiutaci a crescere e presentarci, sia condividendo i nostri contenuti che, se lo desideri, con una donazione. Grazie!

PayPal