Vai al contenuto

Recensione del drone DJI MAVIC 3: strepitoso, ma non per tutti

Il drone DJI Mavic 3 è una combinazione di efficienza ed estetica elettrica. Fotocamera Hasselblad con 4/3 CMOS, visualizzazione barriera omnidirezionale, video 5.1K a 50 fps.

Il tempo è passato ma alla fine ci sono riuscito, ho potuto provare a scrivere la mia recensione su questo drone tanto atteso, tanto atteso sia dai professionisti che dal mondo dello spettacolo, con la sua uscita mai delusa. L’ho potuto provare al Giardino Zoologico di Pistoia, con l’aiuto dell’occasione dal mitico Direttore della struttura, il dott. Paolo Cavicchio che ha reso questa esperienza così meravigliosa.

Ho provato dopo il rilascio dell’ultimo software che ha aggiornato il firmware della macchina e di fatto rilasciato tutto il possibile con le prestazioni del DJI Mavic 3, ho potuto dedicarmi ad ogni possibile test, dal blocco ostacoli allo scatto automatico, al libero volo. , senza imbarazzo sul lavoro. Devo dire che ci si è accorti fin dall’inizio, sin dall’apertura della confezione, che siamo davanti a una macchina dove DJI non si è salvata alzando le aspettative di tanti fan. Niente fronzoli, tutto è importante e funzionale, ogni cosa è al suo posto, un fortissimo mix di creatività e bellezza. All’interno della scatola, ben tenuto e protetto, il Mavic è invisibile, avvolto e dotato di un sistema, nuovo anche lui, che protegge il gimbal/lente e mantiene ferme le eliche in un modo molto semplice ed efficiente.

Insomma, fin dall’inizio, dall’apertura del box, si vede che la casa cinese ha fatto tutto bene, sottolineando l’importanza del progetto, e fornendo un prezioso supporto purtroppo indifferente.

Con questo Drone DJI ha introdotto soluzioni tecnologiche innovative che ti consentono di rendere la tua esperienza di volo più piacevole e completamente sicura. Sono rimasto molto colpito dal silenzio al primo livello, e dal rumore quasi invisibile delle eliche, molto calme quando partono e veloci, molto veloci, permettendoti di spostarti in un luogo che solitamente sfugge ai confini dei droni, ad es. Il Panda Rosso chiuso, pieno di alberi e rami con cui ho avuto a che fare fino ad ora solo con Nano Plus o Beta Fpv, droni molto piccoli e ha incontrato grandi difficoltà con i movimenti di base e le interazioni con questi e i sensori per evitare ostacoli, cosa mai successa con DJI Mavic 3. Le linee in plastica garantiscono un senso di stabilità in tutta la macchina, enfatizzando naturalmente l’aerodinamica e potenziando la fotocamera Hasselblad con una gamma flessibile, ma soprattutto tonale, giustifica l’impegno del produttore svedese.

Veniamo ai dati tecnici

Il peso è di 895gr versione della versione Fly More Combo mentre la versione Cine, mirata alla sezione tecnologica, pesa meno, circa 899gr.

I dispositivi di tracciamento rapido, che separano la macchina dalla precedente DJI e dal resto del mercato, sono sensori che consentono una copertura a 360° che consente loro di vedere ostacoli a una distanza di circa 200 metri consentendo loro di generare energia elettrica. la migliore soluzione per il futuro. Anche se Skydio, che da sempre utilizza droni DJI per enfatizzare le caratteristiche delle proprie macchine, in questo momento troverà difficoltà a trovare dei difetti nei propri spot pubblicitari.

Il drone Mavic 3 monta un nuovissimo sensore da 4/3″, un sensore attivo da 20 megapixel con FOV a 84° convertito in una semplice linguetta equivalente ad un obiettivo da 24 mm. Ciò ti consente di girare video 5.1K fino a 50 fps con una qualità speciale. Rispetto al modello precedente nel miglioramento delle prestazioni in situazioni difficili come quelle notturne. Ottime prestazioni fino a poco tempo fa a dire il vero, ma in linea con quanto accaduto e un brillante inizio anno con altri noti marchi: Autel su tutto, con i droni Nano+ ed Evo Light ha fatto passi da gigante con l’utilizzo dei nuovi sensori di RYYB. Nel Mavic 3 otteniamo anche uno zoom 28X che purtroppo non consente la modalità test nell’area di lavoro poiché la qualità diminuisce rapidamente.

DJI ha scelto di seguire, nel bene e nel male, l’utilizzo del DJI Fly e dei radiocomandi che hanno riscosso molto successo con i droni Air e Mini 2, ma non garantiscono ad un pilota esperto l’esecuzione di movimenti difficili.

Batteria

La cosa grandiosa che supporta Mavic 3 è la sua indipendenza. La batteria è cresciuta, ha raggiunto i 5000 mAh e consente all’ultimo drone DJI di raggiungere quasi 40 minuti di autonomia reale. Dagli esperimenti eseguiti potrebbe non essere possibile raggiungere i 46 minuti specificati, ma è comunque un risultato unico. Da parte mia, che ho utilizzato per fotografare animali nel Giardino Zoologico di Pistoia, devo dire che una batteria ben carica mi ha permesso di scattare gran parte della mattinata.

Decisioni

Il prezzo a cui viene venduto il Mavic 3, come detto, non ha importanza e lo colloca sicuramente in un segmento di mercato diverso rispetto alle versioni precedenti. Inoltre per tornare a casa sono necessari 2119€ della versione base che sono circa 2899€ del Combo che ho provato.

Mentre la versione Cine ottiene 5000 € ma con il nuovo DJI RC pro e display da 1000 nit offerti. Vale la pena acquistare un nuovo Mavic 3 Pro? Senza ombra di dubbio si, anche se il suo utilizzo lo vedo meno incentrato sul mondo tecnologico ed è più comune nell’accettare il rispetto della qualità dell’immagine.

Il 2022 è iniziato alla grande nel mercato dei droni e questo prodotto DJI garantisce un approccio di marketing alla ricerca della qualità, quel miglioramento significativo che consentirà a queste macchine di essere integrate nel settore finora, per molte ragioni, acqua … e siamo solo all’inizio.

Se sei interessato all’acquisto del drone Mavic 3 puoi realizzarlo presso il negozio DJI dove il prodotto è ora disponibile in varie combinazioni ad un prezzo scontato a partire da 1949 euro.

Puoi acquistarlo in seguito presso il negozio Amazon:

Gli aiuti possono essere acquistati anche separatamente.

Cosa c ‘è nella scatola

Mavic Drone 3 x 1, batteria di volo intelligente x 3, telecomando RC-N1 x 1, cavo per RC-N1 x 3, caricabatteria x 1, stazione di ricarica della batteria x 1, cablaggio di stoccaggio x 1, eliche (seconda) x 6 , set di pulizia ND (ND4 / 8/16/32), custodia per il trasporto convertibile x 1 e altre attrezzature essenziali.

Scheda dati

  • Peso dell’assunzione di Mavic 3: 895 g, Mavic 3 Cine: 899 g
  • Dimensioni (Chiuso/aperto) Chiuso (senza eliche) 221 × 96,3 × 90,3 mm (Lunghezza × Larghezza × Altezza), Aperto (senza eliche) 347,5 × 283 × 107,7 mm (Lunghezza × Larghezza × Larghezza × Distanza × 3 mm di lunghezza)
  • Velocità massima di accelerazione 1 m/s (modalità C), 6 m/s (percorso N), 8 m/s (modalità S)
  • Velocità massima di discesa 1 m/s (modalità C), 6 m/s (percorso N), 6 m/s (modalità S)
  • Velocità massima (livello del mare, assenza di vento) 5 m/s (Modo C), 15 m/s (Modo N), 19 m/s (M S S)
  • L’altezza massima del soffitto è di 6.000 m
  • Volo autonomo (senza aria) per 46 minuti
  • Stand aereo indipendente (in assenza di aria) per 40 minuti
  • Una distanza massima di 30 km
  • Resistenza al vento 12 m/s
  • Pendenza massima 25° (Condizione C), 0° (Strada N), 35° (Condizione S)
  • Velocità massima angolare 200°/s
  • Temperatura di esercizio tra -10° e 40°C (14°-104°F)
  • GNSS GPS + Galileo + BeiDou
  • Precisione di rotazione verticale: ± 0,1 m (per punto di osservazione); ± 0,5 m, (sito GNSS), Verticale: ± 0,3 m (per vista), ± 0,5 m (con sistema di posizionamento di primo livello)
  • Memoria interna Mavic 3: 8 GB (spazio disponibile circa 7,2 GB), Mavic 3 Cine: 1 TB (lo spazio disponibile è circa 934,8 GB)

Per altre schede tecniche, fotocamera Hasselblad, teleobiettivo, stabilizzatore, trasmissione video, batteria, telecomando, stazione di ricarica e caricabatterie, puoi consultare il sito Web ufficiale di DJI.