Vai al contenuto

Sabato 19 marzo 2022 – (Santo Sposo Giuseppe della Beata Vergine Maria)

Prima lettura

Nel secondo libro di Samuele
2Sam 7.4-5.12-14.16

In quei giorni la parola del Signore fu rivolta a Natan, dicendo: Va’ e di’ al mio servitore Davide: Così dice il Signore: Negli ultimi giorni dormirai con i tuoi padri e io susciterò la tua discendenza dopo di te, che sarà nato da te; Chi è della tua discendenza e della sua discendenza, che io stabilirò al suo posto, edificherà una casa al mio nome, e io stabilirò il trono del suo regno per sempre: e io sarò suo padre, ed egli sarà mio figlio, e la tua casa, e la tua casa; e il regno sarà stabilito davanti a te per sempre, e il tuo trono sarà stabilito per sempre.

La Parola di Dio.

Loda la risposta
Dal Salmo 88 (89)

R. I suoi discendenti vivranno per sempre.

Canterò per sempre l’amore del Signore,
di generazione in generazione
Con la mia bocca annuncerò la tua fedeltà;
perché ho detto: ‘L’amore è eterno;
nel cielo rendi stabile la tua fedeltà». R.

“Ho fatto amicizia con il mio prescelto,
Ho giurato a David, mio ​​servitore.
stabilirò per sempre la tua discendenza;
Edificherò il tuo trono di generazione in generazione. R.

Mi griderà: Tu sei mio padre;
Mio Dio, la roccia della mia salvezza.
Conserverò sempre il mio amore per lui,
il mio patto gli sarà fedele». R.

Seconda lettura

Nella lettera di Paolo ai Romani
Rm 4,13.16-18,22

Fratelli, la promessa di ereditare il mondo non è data per la legge di Abramo, o per la sua discendenza, ma per la rettitudine della fede. Perciò è di fede, affinché sia ​​per grazia; e così la promessa è sicura per tutte le generazioni; non solo ciò che è della legge, ma anche ciò che è della fede di Abramo. padre di tutti noi, come sta scritto, ti ho costituito padre di molte nazioni, non esiste. Credette, ebbe la speranza della risurrezione e divenne padre di molte nazioni, come si dice: “Così sarà la tua discendenza”. perciò gli fu imputato per giustizia.

La Parola di Dio.

Il Vangelo

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 1,16.18-21,24

Giacobbe divenne padre di Giuseppe, sposo di Maria, dalla quale nacque Gesù, che è chiamato Cristo. Così nacque Gesù Cristo: sua madre, Maria, era fidanzata con Giuseppe, ma prima che si unissero, fu trovata incinta per opera dello Spirito Santo. Joseph, suo marito, essendo un uomo giusto e non volendo darle un esempio pubblico, aveva intenzione di metterla via in privato. Mentre stava pensando questo, un angelo del Signore gli apparve in sogno e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di portare a casa con te Maria tua moglie. Davvero un bambino ti è nato dallo Spirito Santo; ed ella partorirà un figlio, e tu gli porrai nome Gesù Cristo; poiché salverà il suo popolo dai suoi peccati. Quando Giuseppe si svegliò, fece ciò che l’angelo del Signore gli aveva comandato.

La Parola del Signore.

O:

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 2,41-51

I genitori di Gesù si recavano ogni anno a Gerusalemme per la Pasqua. E quando ebbe dodici anni, salirono a Gerusalemme secondo l’usanza della festa. Ma giorni dopo, mentre stavano tornando a casa, il ragazzo Gesù fu lasciato a Gerusalemme, senza che i suoi genitori lo vedessero. Credendo che fosse alla festa, un giorno se ne andarono e andarono a cercarlo tra i loro parenti e amici; Non trovandolo, tornarono a Gerusalemme per cercarlo. E avvenne che dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai dottori, entrambi ascoltandoli e ponendo loro domande. E tutti quelli che lo ascoltavano rimasero stupiti dalla sua comprensione e dalle sue risposte. Quando lo videro, rimasero sbalorditi e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai trattato così? Vedi, vedi, io e tuo padre volevamo che ti preoccupassi. Ed egli disse loro: Come mai mi avete cercato? Non sapevi che devo essere nella casa di mio Padre? Ma non capivano cosa stava dicendo loro. E scese con loro e venne a Nazaret, ed era loro sottomesso.

La Parola del Signore.