Vai al contenuto

Schiano: “Salute, ambiente e lavoro: tutti gli errori del governo locale”

“Salute, ambiente e lavoro: gli errori sistemici più comuni degli enti locali durante i due anni dell’epidemia. Il reddito di cittadinanza è stato un consiglio del governo: molti preferiscono restare a casa piuttosto che provare a lavorare”. Lo ha affermato Michele Schiano di Visconti, capogruppo del gruppo italiano dei fratelli, durante un programma chiamato “Gruppi in linea” in una stazione con il titolo di consiglio regionale della Campania.

SANITA’ – «La giunta guidata dal presidente De Luca non se l’è cavata bene nel mondo della salute – dice Schiano – la sanità locale non è stata rafforzata e finalmente abbiamo avuto accesso ininterrotto all’ospedale. , sia nella cura che nella visione dell’infermieristica, ospedaliera protezione, con tessera sanitaria unica e coppa media. Purtroppo queste cose non si sono fatte e oggi si pagano i risultati”.

LAVORO – Sul lavoro la sentenza è ancora più severa: “In Campania si vede in maniera significativa l’effetto del reddito di cittadinanza, oltre al danno si aggiungono gli insulti ai commercianti e agli imprenditori che non riescono a trovare lavoratori e si dà il reddito alle persone ., In alcuni casi, limiti di legge.d’Italia aveva suggerito l’intervento diretto delle aziende fornendo donazioni dirette o tassa di lavoro, per le aziende da assumere.Oggi ci troviamo con persone che guadagnano 1200 euro al mese e alla fine non abbiamo voglia di lavorare perché in Campania quando si va a lavorare nel settore alberghiero e della ristorazione gli stipendi non sono gli stessi che al Nord. Il reddito era una misura pensata per dare nuova vita ai giovani, ma poi è arrivata la “consulenza nazionale” fatta da 5Stelle proprio per vincere il voto italiano. o quelli che non possono permettersi un lavoro”, ha aggiunto Schiano.

IMEKO – “L’ambiente è un altro fatto triste: si parla di Terra dei Fuochi da molto tempo, ma quando lo facciamo un po’ è cambiato. Il presidente De Luca aveva già annunciato nella sua prima legislatura il ritiro delle ecoballe dalla Taverna del Re di Giugliano, ma nulla è stato fatto. Non esiste un sistema completo di smaltimento dei rifiuti per l’alimentazione e il supporto per lo smaltimento dei rifiuti. Non esiste un progetto di qualità della vita e di qualità ambientale. Era necessario intervenire in modo critico con la qualità del riciclo, l’impianto di termovalorizzazione in un luogo idoneo in aree densamente popolate, e poter chiudere il ciclo dei rifiuti perché siamo costretti a trasportare i rifiuti all’estero. paesi, dove sono diventati uno strumento economico” osserva la casa madre di Fratelli d’Italia.

POLITICA – “Nella terza fase non abbiamo paura di De Luca, ma ci opponiamo fermamente a lui perché crediamo che come nel caso dei sindaci ci dovrebbe essere qualcuno che lo sostituisca”. Avremo anche le nostre liste di almeno il 50% degli otto comuni al voto nello stato di Napoli, sperando di eleggere quanti più consiglieri comunali possibile ed eventualmente cogliere alcuni comuni del centrosinistra. I nostri programmi non possono prescindere da due temi chiave: il miglioramento ambientale e ambientale come il porto turistico di Pozzuoli, l’ampliamento dell’area infrastrutturale di Nola e gli interventi intensivi ad Acerra, regione colpita da una prospettiva ambientale” conclude Michele Schiano di Visconti.