Vai al contenuto

Scuola. Giornata della Pace allo Sturzo-Asta di Marsala. Un seminario sul disordine a Capuana-Pardo

    Galleria

Si è svolta in contemporanea all’esterno di tutti gli edifici della scuola primaria IC Luigi Sturzo Asta di Marsala la giornata “INSIEME PER LA PACE”, dove i bambini del centro hanno ribadito il loro no alla guerra e dimostrato l’impegno della scuola per la pace.

Una giornata significativa che ha coinvolto in prima persona i bambini nella riflessione sul ruolo fondamentale della scuola nell’insegnamento della pace, riconoscendo che il rifiuto della “guerra” si manifesta quotidianamente nei comportamenti corretti e nella dignità umana di chi ci circonda. la nostra quotidianità. La pace inizia da noi, attraverso le nostre piccole azioni. Nel promuovere l’evento, il prof. Anna Maria Alagna, Direttrice delle Scuole, ha voluto dare a bambini e insegnanti la stessa opportunità per dire no a tutte le guerre che devastano la Terra e per garantire l’importanza della comunicazione e del dialogo nella risoluzione dei conflitti. La giornata è stata organizzata con una serie di attività speciali dedicate al tema della pace: pittura estemporanea, striscioni, manifesti e word art.

Settimana dell’autismo a Capuana Pardo di Castelvetrano

Durante la settimana di sensibilizzazione sull’autismo si è svolto un seminario di formazione sul tema “Autismo: un approccio multiprospettico” con una videoconferenza.
Un momento di riflessione per approfondire le problematiche legate alla disabilità generale e all’autismo in particolare.
Un incontro interessante e inclusivo in quanto ha consentito a tutti, da molte parti d’Italia, di accedere alle informazioni fornite dai relatori grazie all’uso efficiente e variegato delle modalità di comunicazione, consentendo alla piattaforma istituzionale di registrare oltre 230 partecipanti.
Dai contributi degli artisti performativi ai video più o meno didattici, al contributo straordinario di tutti gli studenti dell’Istituto, al viaggio in un mondo complesso come quello della disabilità, siamo arrivati ​​tutti allo stesso posto: il concetto di individualità .
Quindi, partendo dall’idea di cambiare la parola divergenza e singolare, abbiamo tutti evitato il pericolo di “interferire” con le parole distorcendo i fatti.
L’intervento dei dott. Paolo Pace – Direttore NPI di Castelvetrano, Centro di Riferimento per i Disturbi dello Spettro Autistico ASP n. 9 Trapani e, da anni, un articolo riferito al Centro, si è concentrato su questo tema, sottolineando come la parola UNICITÀ ricordi il necessario bisogno di rispetto.
I racconti delle persone con autismo e delle mamme che hanno avuto l’idea di identificare i talenti dei propri figli e di volerli migliorare, lo mettono prima della scelta: decidere di diventare insegnante significa avere un lavoro alla ricerca di competenze. talenti a tutti e cresci.
In quest’ottica va rivalutato il processo di apprendimento, come l’arte, che non solo può essere considerata un divertimento, ma, soprattutto a scuola, può essere uno strumento per promuovere la personalità.
Abbiamo parlato dell’arte della democrazia, il cibo più interessante nel concept proposto dal dott. Siamo spiacenti, per tutti gli insegnanti “che non solo conoscono le percezioni e le percezioni dei loro studenti, ma possono incontrarli, in modo che tutti abbiano diritto alla cittadinanza in classe e si sentano i benvenuti”.
“Fornire a ogni studente l’acqua giusta” significa lavorare in una scuola veramente democratica.
L’illuminazione nell’autismo, da una prospettiva multiprospettica, è stato il fulcro di questa giornata di formazione che ha visto a turno molti dignitari fornire ai partecipanti prospettive e approcci diversi ma sempre con l’idea di essere l’unica persona nell’istituto.
Pragmatico è stato l’intervento dei dott. Renda, psichiatra e psichiatria, che ha parlato della diagnosi precoce e del trattamento dei disturbi dello spettro autistico cercando nuovi modi per integrarsi. Ha sottolineato l’importanza della ricerca, del miglioramento della conoscenza, della conoscenza, delle discussioni tra diversi esperti e della necessità di collaborazione e di un approccio olistico. Un focus globale e non settoriale sugli interventi per i bambini con disturbo nell’istituto.
Il focus dell’intervento è stato sul concetto di relazione ed empatia, una delle sfide più difficili che ogni specialista della disabilità deve affrontare.

Ospite d’eccezione il prof. Marco Pontis, Professore Ordinario di Pedagogia e Didattica Speciale all’Università di Bolzano, il quale, delineando i principi dell’UNIVERSAL DESIGN LEARNING, ha suggerito che è possibile fornire agli studenti molteplici modalità di rappresentazione del sapere per soddisfare tutte le esigenze specifiche.
Concetti chiave che hanno una base scientifica e che nessuno può ignorare
Il seminario formativo si è concluso con l’intervento del Dott. Nicola Corleo, Psicologo, Psicoterapeuta, Specialista ABA.
Proprio, direttamente e con completa accuratezza scientifica, i dott. Corleo, altra icona istituzionale, dopo aver condiviso il concetto di ABA come approccio umanitario alla scienza e agli insegnanti, ha evidenziato le diverse fasi dell’approccio scientifico, sottolineando, infine, il paradigma ABA secondo cui “non esistono stili di apprendimento ma modi diversi di apprendere “.
Interessante è il concetto di “intervento di intervento” in cui è vissuto il professionista, che, in tal caso, dovrebbe iniziare con un’analisi etica approfondita e un’attenta considerazione.
È tempo di riflettere davvero su quanto sia importante affrontare queste e altre lezioni che suggeriscono di ascoltare, considerare e perfezionare approcci, impostare progetti e implementare soluzioni che funzionano insieme.
Questo è il costo della formazione.