Vai al contenuto

Segnale di Mitrano toglie Pd – AlessioPorcu.it

Inaugurazione Sabina Mitrano su Pd. Dove però il piccolo vuole la Primaria e non vuole seguirla senza un legittimo voto.

Il primo? Quando ho chiesto loro, nessuno voleva. È solo la mia alleanza che da più di un anno sta lavorando per costruire una vera strada verso il regime di Cosmo Mitrano che da dieci anni governa Gaeta e che ora alza il futuro, con una netta continuità, Cristian Leccese.”. Quattro righe in cui la professoressa Sabina Mitrano guarda al Pd. Si occupa di lui e delle sue responsabilità politiche, lasciandogli la via d’uscita dalle prossime elezioni. Ma non l’ha chiuso: guida la partita, non si lascia prendere per mano dal Pd o cucire lo stemma Dem sulla bandiera.

Docente di Libri e per un breve periodo Assessore alla Cultura, domenica mattina all’Hotel Mirasole International lancerà la sua sfida al nominato successore del sindaco uscente. Lo farà guidando un sindacato”Gaeta Comunità di Valore“Si è bloccato”La Nuova Era“e”Europa verde”.

Partita con il Partito Democratico

Sabina Mitrano

io Partito Democratico la scorsa settimana ha deciso di iniziare un nuovo corso. Dal momento che è nato con un connubio di DS e Margherita il suo marchio non figurava sui moduli del Comune di Gaeta: qui non si è verificata la connessione a freddo; Troppe divisioni, troppe distanze. Le diverse emozioni interiori sono sempre in linea con il carattere della comunità. Ad oggi è in carica il presidente del consiglio comunale Pina Rosato Leader locale del Pd, al contrario di quello Emiliano Scinicariello chi è il leader di un altro Pd che ha vinto il Congresso domenica scorsa. (Leggi qui Fine dei misteri: il Pd volta pagina con il candidato).

E questa è una vittoria ha tracciato una nuova rotta per il Pd: scende in campo e nel simbolo, ha una guerra d’identità. Anche alla fine questo potrebbe aiutare a conquistare un centrodestra come è successo lo scorso autunno nel Comune di Formia. (Leggi qui: Pd all’incrocio, primarie a rischio trappola).

Il Pd, però, ora ha chiuso senza uscita. Deve nominare il proprio uomo. O l’uomo che ha vinto le primarie sindacali. Il fatto è Sabina Mitrano non vuole sentir parlare di fare la Primaria. E per lui non è possibile entrare nel Pd. Ma Scinicariello vorrebbe parlargli apertamente.

Come viene fuori?

Gianluca Conte

Seguendo correttamente il percorso di uscita Sabina Mitrano. È stato lui a mandare un segnale al Pd, chiedendogli di seguirlo. L’invito non è pericoloso: venerdì sera è prevista una seconda riunione dei vertici del Pd.

Si chiama dare”certo e senza dubbio“La risposta a una richiesta avanzata da un partito interno che ha sostenuto il candidato sconfitto è il Segretario Giovanni Di Bernardo: vuole che la Primaria elegga un nuovo sindaco.

Nessun voto, nessun conteggio. Lo ha chiarito il nuovo segretario generale del Pd: “C’è ancora molta strada da fare…«Ed non è una buona cosa candidarsi Sabina Mitrano.

Mi auguro che il Pd, che al recente congresso ha passato in rassegna la segreteria e il consiglio, può fornire una dimostrazione tangibile della nascita di un “nuovo corso” accettando questa sfida“Ha detto il professor Mitrano.”Può volerci un po’ di tempo per dare finalmente un segnale di un vero cambio di direzione fermandosi in alternativa alle sgradevoli antichità della comunità”.

C’è chi dice di no

Emiliano Scinicariello

Ma un Partito Democratico di minoranza continua a chiedere il rispetto della legge: Sabina Mitrano, che lo voglia o no, a partecipare alle primarie, del Pd o della coalizione, li ha conquistati. per partecipare alle prossime grandi elezioni politiche.

Se non lo fa, si prenderà tutte le conseguenze del caso“Il consigliere Demos è sotto shock Franco De Angelis. Lo ha detto in una riunione a volte suona brillante tenutasi giovedì sera condotto dal segretario Gianluca Conte. Nel suo studio legale con il Piave dovrebbe ascoltare da solo i vertici del partito e la lista che fa parte del corpo elettorale. Silvio D’Amanteex sindaco del Pds oggi alla guida di un piccolo Pd interno.

Infine, si è concluso in una conferenza di discussione a cui hanno preso parte i Demos (Franco De Angelis), Gaeta 5 Stelle 2050 (Simone Avico, Salvatore Fortunato al Michele Vaudo), Insieme a Gaeta (Maria Mancini) e il Movie Progressista (ex sindaco Antonio Raimondo, Salvatore Di Ciaccio al Mino Forcina).

Ci dovrebbe essere una quinta tappa del sindacato D’Amante”,Gli orizzonti di GaetaMa giustamente ha detto di no perché alcuni suoi dirigenti (l’avvocato Claudia Magliuzzi) sono stati eletti nel nuovo Pd Gaetano.

La rabbia dell’ex sindaco

Antonio Raimondi

La sfida più grande per chi parla è la videoconferenza dell’ex sindaco Antonio Raimondi. “Finora tutti hanno lanciato una crocetta contro il presidente del consiglio comunale Pina Rosato. Sostenevano che da un lato aveva messo nei palloni il Pd e dall’altro controllava il Comune con Cosimino Mitrano e Forza Italia”.

Nuovo corso del Partito Democratico – aggiunge l’ex sindaco di Gaeta – non perdere l’occasione di essere pronto a rispettare le regole interne. La legge prevede comportamenti primari e questo momento di democrazia non è perduto amano i trucchi o la semplice personalità. Si vota a metà giugno ed è ancora tempo di fare questa scelta alla luce del sole”.

Che le primarie abbiano perso una perdita inimmaginabile – e l’inevitabile spaccatura interna al centro della campagna elettorale – è stato confermato dal neo segretario Dem Conte e dal suo visionario Emiliano Scinicariello. per ora Conte ha sbottato: “Sono candidato a sindaco? Non c’è modo”.

Primarie, Candidatura di partito o cionverongeza secondo Sabina Mitrano: questione di ore. Il maestro, però, non aspetta: domenica fa cadere l’asso della sua elezione. Se il Pd vuole seguirlo.