Vai al contenuto

Settimana lavorativa di 4 giorni senza taglio salariale: proposta della California

di Sofia Francioni

In California la proposta nasce da: riduzione della sola settimana lavorativa quattro giorni senza riduzione del salario. Per stabilirlo, Cristina Garcia, eletta democraticamente, ha presentato una legge al parlamento nazionale: «Durante i due anni dell’epidemia quasi 50 milioni di americani si sono dimessi. Il messaggio è chiaro: vogliono una vita migliore”ha spiegato Garcia guardando un modello testato tra il 2015 e il 2019 Islanda, dove l’orario di lavoro settimanale è stato ridotto e da 40 a 35 senza conseguenze per un prodotto che, in alcuni casi, è aumentato.

La vice democratica Cristina Garcia

Stanno anche osservando il calo dell’occupazione Belgio, Nuova Zelanda, Scozia, Francia, Spagna e Giappone, in cui alcune aziende hanno cercato di abbracciare una settimana di quattro giorni nella convinzione che potrebbe avvantaggiare la salute mentale e le prestazioni dei dipendenti. Negli Stati Uniti, pochissime persone hanno deciso di provare a ridurre l’orario di lavoro. Piattaforma di finanziamento per progetti di design, Lanciatorestabilirà una settimana corta alla fine del mese, mentre i Al D’Youville Collegee, una piccola scuola privata a Buffalo, è in fase di test da gennaio. Per il direttore, Lorrie Clemo, il provvedimento “migliorerà il benessere generale dei nostri dipendenti e la competitività della nostra istituzione”.

Ma se la legge venisse emanata in California – la quinta economia più grande del mondo e la prima negli Stati Uniti, e la casa di tutti i giganti della Big Tech – potrebbe aprire la strada a molti altri stati degli Stati Uniti e paesi circostanti. Il mondo. Secondo i dati dell’OCSE, l’americano opera in media 1.770 ore all’anno, più degli agricoltori del Trecento ma meno degli operai dell’industria dell’Ottocento. Tra le economie sviluppate, solo quattro nazioni – Israele, Corea, Russia e Messico – operano più degli Stati Uniti. In sostanza, l’Italia è 13°, dietro alla Spagna. Non è la prima volta che gli Stati Uniti riducono l’orario di lavoro. Durante la Grande Depressione, le aziende furono costrette a ridurre i cambiamenti, mentre decenni dopo, il presidente Richard Nixon sostenne che un tempo gli americani potevano lavorare solo cinque giorni alla settimana. Il piano proposto da Garcia funzionerà solo alle aziende con più di 500 dipendenti, circa 2.600 in California. Queste aziende dovranno ridurre la propria retribuzione rispettando gli orari previsti dalla nuova legge e dovrebbero pagare il doppio e mezzo a chi lavora più di 32 ore, il doppio di chi lavora più di 32 ore. 12 ore al giorno o sette giorni alla settimana. I lavoratori iscritti ad un sindacato e già coperti da contratto collettivo non saranno inclusi nella nuova polizza.

Secondo Garcia, le grandi aziende, che quest’anno hanno raggiunto un trimestre molto produttivo dal 1950, dovrebbero essere disposte a pagare di più. Ma nella Camera di Commercio degli Stati Uniti, una settimana corta può essere una cosa equiparare “lavoro di omicidio”, con assunzioni più costose e rischio di ridimensionamento e trasferimento. D’altra parte, la questione del ritiro di massa negli Stati Uniti è un problema con cui le aziende devono fare i conti: solo a gennaio di quest’anno sono partite o hanno cambiato sede al di là. 4,3 milioni di persone. E dicembre su Tiktok, sotto l’hashtag # Ho lasciato il mio lavoro (Ho lasciato il lavoro), sono stati ampiamente diffusi video di persone, soprattutto giovani ma di età superiore ai 40 anni, che si annunciavano felici di lasciare.