Vai al contenuto

Spedizione. Le navi russe cambiano bandiera a velocità record contro le multe (A. Martinengo)

Il vettore russo di ghiacciaio GNL artico Nikolay Yevgenov è distribuito dalla Teekay battente bandiera delle Bahamas ed è curato dal registro marittimo russo.

Secondo una società di consulenza marittima, le navi battenti bandiera russa più del solito hanno cambiato i rapporti con altri paesi a marzo, al fine di nascondere i loro legami con Mosca ed evitare il coinvolgimento nelle sanzioni contro l’invasione ucraina. Windward Ltd.

Un totale di 18 navi, comprese 11 navi mercantili della stessa nave, sono passate a bandiere non russe il mese scorso, ha affermato. Il ventosede e tel Aviv. È più di tre volte la media mensile delle navi russe. È anche la prima volta che il numero ha raggiunto il doppio del numero, sulla base dei dati a partire da gennaio 2020.

Il piano per costruire una catena di approvvigionamento più forte è delineato da Ami Daniel, fondatrice e CEO di Windward nel seguente video:

https://www.linkedin.com/company/windward-ltd-/videos/

“Alcuni di questi casi potrebbero mostrare che i cattivi giocatori nascondono deliberatamente la propria identità per gestire un’attività che non è sanzionata da una nuova sanzione”, ha affermato. Windward ha detto in una dichiarazione.

Carri armati russi chi “Hanno navigato deliberatamente nel buio” alzano le bandiere mentre fuggono per i rigori

Il cambio di bandiera sta arrivando quando le navi russe, dai serbatoi di petrolio agli yacht multimilionari appartenenti agli oligarchi, si sono annerite, paralizzando i sistemi di identificazione e spedizione locali che devono rimanere al loro posto mentre sono in mare. Questa attività aiuta a evitare di essere catturati e può comportare rischi per la sicurezza marittima.

Fonti della sicurezza hanno affermato che il carro armato nella foto battente bandiera russa, MT Vityaz, era la nave che ha inviato petrolio alle navi nordcoreane.

Gli Stati Uniti, il Regno Unito e altri alleati hanno aumentato le sanzioni contro la Russia per l’offensiva ucraina iniziata a fine febbraio. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha emesso un ordine esecutivo l’8 marzo per chiudere il commercio di petrolio e gas della Russia, mentre il Regno Unito ha affermato che avrebbe interrotto le vendite di petrolio entro la fine dell’anno. Entrambi i paesi, incluso il Canada, non includono le navi russe nei loro porti.

“Le compagnie straniere hanno diversi motivi per discostarsi dalla bandiera russa, richiedendo alle loro navi di operare ovunque senza restrizioni e, in alcuni casi, per motivi etici”, Egli ha detto Gur Mittentedirettore di produzione di Windward.

del 18 navi, tre sono serbatoi di petrolio, due di loro contengono petrolio, secondo Windward. Cinque dei cambi di posizione a marzo sono direttamente collegati ai proprietari russi. Undici navi mercantili di una nave compagnia degli Emirati Arabi Uniti e tutte cambiarono schieramento Isole Marshall. Tre navi si scambiarono bandiere a Saint Kitts e Nevis. Le Isole Marshall hanno preso in considerazione la deportazione delle navi russe nel Registro delle Navi.

Banner sotto assedio: sicurezza o fedeltà?

“L’alzabandiera non è rara – a volte accade a causa di un cambiamento nella proprietà o nell’ambiente di lavoro”, ha affermato il postino. La flotta media mensile delle navi di Singapore nel 2021 è stata di 17 cambi di bandiera, mentre il Giappone ha registrato una media di cinque volte al mese quest’anno. Quei numeri rimangono comunque costanti. Il cambiamento nella flotta russa di 3.300 uomini è aumentato vertiginosamente, non più di nove volte al mese da gennaio 2020″, secondo i dati Windward.

“Ciò che rende interessante il cambio di bandiera quando si accompagna a restrizioni commerciali rispetto a un determinato paese, specialmente quando uno dei dirigenti o proprietari è effettivamente registrato in un paese limitato”, ha affermato. disse il mittente.

Dr Ian Ralby, amministratore delegato di IR Consilium

In un avviso dello scorso maggio sulle rotte marittime ingannevoli, i Tesoro degli Stati Uniti lo ha avvertito “I giocatori sbagliati possono ingannare le bandiere delle loro navi per nascondere il commercio illegale. Possono registrarsi ripetutamente per nuovi tipi di flag (“salto di bandiera”) per impedire il rilevamento.

“La pratica potrebbe essere ancora più diffusa se la guerra in Ucraina continua”, ha affermato. Egli ha detto dott. Ian RalbyCEO di IR Consilium, società di consulenza in diritto marittimo e sicurezza. “La flotta che vola le Isole Marshall e la nazione caraibica di St. Kitts e Nevis non può attirare molta attenzione e controllo”.

“È tutto un chiaro tentativo da parte di armatori e piloti russi di cercare di nascondere l’identità della nave”, Egli ha detto. “Vogliono evitare di essere catturati”.

Angelo Martinengo.
Giornalista di punta, “Mondo delle scatole”Farodi Roma (Vaticano)
“Designer di marketing digitale moderno con container di spedizione”
Ambasciatore di Genova nel Mondo – Avvocato Onorario – nominato dal Sindaco di Genova Marco Bucci, in data 12 ottobre 2018 – Comune di Genova, Liguria, Italia.
e-mail: cocateam@gmail.com >, https://www.farodiroma.it/?s=a.+martinengo