Vai al contenuto

Ucraina: 360 morti a Bucha, mondo scioccato – REPORT 17 – Mondo

Il massacro in Ucraina ha sconvolto il mondo. Il bilancio delle vittime del popolo Bucha sta peggiorando. Saranno 360, di cui almeno 10 bambini, scrive sul Telegram il commissario parlamentare ucraino per i diritti umani Lyudmyla Denisova. Secondo i sopravvissuti, il quartier generale del leader ceceno Kadyrov si trovava nella città settentrionale del Paese. Denisova ha aggiunto che i russi hanno sparato alle persone in faccia, bruciato loro gli occhi, mutilati e torturato a morte adulti e bambini. Non posso più piangere, ha detto il presidente ucraino Zelensky.
“I russi uccidono e molestano anche i membri dei media”, continua il commissario ucraino per i diritti umani, aggiungendo che ci sono nuove informazioni sulle circostanze della morte dell’imperatore lituano Mantas Kvedaravicius a Mariupol. «E’ stato arrestato dai razzisti, che gli hanno sparato. I residenti hanno gettato in strada il corpo di un sovrano. Sua moglie, rischiando la vita, lo portò fuori dalla città chiusa e in Lituania. La causa esatta della morte del regista non è mai stata rivelata prima che si sia difeso.
L’inviato dell’Ansa Lorenzo Attianese è arrivato a Makariv, dove sono state torturate e uccise 133 persone e ha parlato con il sindaco Vadano Tokar: “Ci sono stati corpi trovati con le mani legate e almeno due casi di donne violentate e uccise:” una delle vittime. Abbiamo trovato i corpi.’ “In alcune città, le truppe russe hanno bombardato i civili, cercando di tenerci fuori dai guai”, hanno detto i residenti di Makariv. Alcuni hanno riferito di “sparare in auto per le strade con elicotteri militari russi”. ‘Le unità militari sono cambiate – dicono – e gli stessi soldati ci hanno detto di fuggire perché stavano per arrivare gli Udmurt e i Buriati’, hanno aggiunto riferendosi all’etnia dei soldati della zona dove si addestrava la brigata russa dell’Estremo Oriente che avrebbe trasportato . a parte il massacro di Bucha.
Il ministro degli Esteri Kuleba annuncia che Kiev ha creato un archivio online “che documenta i crimini di guerra russi”, e pertanto conterrà “le prove raccolte delle atrocità commesse dall’esercito russo in Ucraina assicureranno che questi criminali di guerra non sfuggano alla giustizia”. L’archivio si apre con un suono di avvertimento e le parole: ‘Più del male, anche in tempo di guerra’. La zona è piena di vittime di torture, torture, prigionia e stupri. E mostra i numeri della tragedia: 1.563 morti, di cui 167 bambini, 4.820 crimini di guerra, 6.800 edifici distrutti. Le cifre che i documenti a Kiev contengono prove di persone ma anche dei media. Ma soprattutto con le foto: dai bombardamenti di un ospedale pediatrico a Mariupol e quelli della strage di Bucha. Il sito è stato rinnovato ieri con un raid alla stazione di Kramatorsk.
Nel frattempo, in un rapporto della BBC, Mosca ha riaffermato il suo mandato di operare in Ucraina ponendo il generale Alexander Dvornikov, un ufficiale con un’ampia intelligence militare in Siria, a livello dell’attacco. «Questo comandante ha una grande esperienza nelle operazioni russe in Siria. Ci aspettiamo quindi un ordine generale e un miglioramento per migliorare ‘, ha commentato una fonte di consultazione britannica, affermando che la decisione era volta a migliorare il coordinamento tra le varie unità, che fino a quel momento erano state coordinate e ordinate separatamente.
Allarme nell’economia russa: l’agenzia di rating Standard & Poor’s ha tagliato i tassi sull’indebitamento in valuta estera russa da Cc/c a Sd/Sd, portandolo al livello di ‘opzioni preferite’, nota sopra’ D ‘default’ (affondamento). Il taglio segue la decisione di Mosca del 4 aprile di fare una cedola con i pagamenti principali in eurobond in dollari in rubli.
Sul fronte diplomatico, il Papa ha inviato nuovamente in Ucraina il suo finanziere, il cardinale polacco Konrad Krajewski. È la terza volta che un cardinale donatore va in guerra in un Paese, passando per la Polonia, ma questa volta la destinazione è Kiev. L’obiettivo non è solo quello di trasportare una seconda ambulanza, ma anche di celebrare il Triduo pasquale nella capitale ucraina, per rimanere nel Paese per tutta la Settimana Santa.

IMMOBILE SALVATO © Copyright ANSA