Vai al contenuto

Ucraina, Berlusconi: l’imbarazzo di Putin, la lotta al fuoco è una priorità. VIDEO

“Non lo so e non voglio nascondere il fatto che sono molto deluso e rattristato dal comportamento di Vladimir Putin, che ha assunto un ruolo molto serio nel mondo”. Lo ha affermato Silvio Berlusconi intervenendo al convegno di Forza Italia a Roma. “L’ho incontrato 20 anni fa e mi è sempre sembrato un uomo di democrazia e di pace”, ha sottolineato.

Berlusconi: “Fondamentale l’abolizione della Russia”

“Dobbiamo fare tutto il possibile – ha aggiunto – perché tutto questo possa finire presto, per porre fine alla violenza della guerra e l’Italia deve lavorare per questo obiettivo, perché si possa raggiungere un ordine accettabile per tutti. Questo significa, però, che l’indipendenza e l’integrità dell’Ucraina devono essere garantite. “Ci auguriamo che le relazioni tra Russia, Stati Uniti ed Europa tornino alla normalità. Ma ora tocca alla Russia agire con decisione, mettere a tacere le armi.

“Europa debole senza un’unica politica estera e difesa comune”

Berlusconi ha aggiunto: “Ora la politica del potere comune è in vigore mentre l’Europa la sta pagando di nuovo per la debolezza derivante dall’assenza di leader e soprattutto per la mancanza di un’unica politica estera e di difesa comune, quelle cose nuove che ho sempre .vicino agli Stati Uniti, il Paese leader del mondo libero, il Paese a cui dobbiamo di più”.

Berlusconi al convegno: “Scendi in campo come 28 anni fa”

Silvio Berlusconi, al suo ritorno in scena dopo circa tre anni, ha parlato per circa 40 minuti, senza fermarsi, uscendo sempre dal braccio, velocemente, in un discorso di 19 pagine, che ha ammesso di aver scartato sezioni “per molto tempo”. tempo”. Sul piano politico, durante la conferenza di Forza Italia a Roma, ha fatto il punto sullo status quo di destra: «Oggi in particolare, perché questo incontro ha un significato speciale per me e per tutti noi. Oggi ricominciamo, dopo quasi tre anni, a incontrarci in pubblico, a parlarci faccia a faccia, a ragionare insieme sul nostro futuro, il futuro del Paese, il Paese che amiamo. amore’, perché il discorso di oggi è giustamente collegato con un altro, in quello che ho detto 28 anni fa, quando ho lasciato il mio lavoro preferito – un imprenditore che mi ha dato tante soddisfazioni – per entrare in campo politico e contrastarlo. Insomma, oggi potrebbe essere un nuovo inizio nel campo, mentre poi guardiamo al futuro, conoscendo le nostre idee, i nostri valori, i nostri processi, sapendo che tutto questo è molto importante e irreversibile. . possibile nel futuro del nostro Paese. Grazie Tajani: sono 28 anni che non leggo per sbaglio nelle sue parole una sua segnalazione alle agenzie”.

“Il centrodestra non può esistere senza di noi”

«Negli ultimi 28 anni – ha proseguito Berlusconi – abbiamo scritto la storia. Abbiamo creato il bipolarismo in Italia, creato un centro all’avanguardia, un centrodestra che senza di noi non sarebbe mai esistito, non esisterebbe oggi .E in futuro.Dobbiamo lavorare insieme per continuare a crescere in numeri e qualità, perché, anche se il voto in questi mesi è in crescita, possiamo ancora arrivare di più, più in alto e lo farò.

“Il nostro compito è prevenire la recessione di una nuova economia”

“In questi giorni abbiamo sentito il campanello d’allarme per tanti prodotti – ha detto il leader di Forza Italia – era importante parlare con loro e ringraziare i loro presidenti per essere venuti al nostro evento. Li abbiamo invitati perché vogliamo pensare. Al futuro d’Italia A tutti loro, nelle categorie produttive, voglio dire che non sono soli, non saranno mai soli, che le loro preoccupazioni, le nostre, che le loro pretese sono nostre.

“E’ leale al governo, ma non gli permetteremo di picchiarlo in casa”.

“Siamo onesti e lo saremo fino in fondo, ma non possiamo rinunciare alla nostra identità sostenendo misure che violano i nostri principi. Non permetteremo mai a nessun governo, come non abbiamo fatto, di mettere le mani nelle tasche degli italiani. unità e continuità familiare”.

Su un riesame giudiziario: “Ci aspettiamo un ampio dibattito in Parlamento”

“Sulla riforma della giustizia – ha aggiunto – ribadiamo che siamo in attesa di un ampio dibattito in Parlamento sulla validità delle nostre opinioni senza questione di fiducia”.

Oggi vi elego costruttori del futuro.

“A volte vi ho impostato gli eroi della libertà. Oggi vi chiamo tutti” costruttori del futuro “, perché in questo siamo in politica. Per costruire il nostro futuro. Con la vostra passione, la vostra energia, il vostro zelo e la vostra gentilezza, Sono sicuro che lo faremo! un grande abbraccio per ognuno di voi. Vivere più a lungo in Italia, vivere più a lungo in Italia, vivere più a lungo Libertà”, ha concluso Berlusconi.