Vai al contenuto

Ucraina, Cacciari: “Siamo vicini alla terza guerra mondiale (nucleare)”

Luigi Di Maio, Massimo Cacciari, Vladimir Putin

Guerra, l’Italia non è importante? Cacciari: “Prima c’erano politici come Craxi, Moro e Berlinguer. Oggi il ministro degli Esteri si chiama Di Maio e non c’è bisogno di aggiungere altro”.

Joe Biden ha definito Vladmir Putin un “criminale di guerra”. Questi termini non si riferiscono al rischio di impedire una risoluzione della guerra?
“Non sono lontani o vicini alla pace. Questo è un aggettivo comune in caso di grande disagio. Le stesse parole erano usate dai russi quando c’era una guerra in Vietnam”.

Siamo vicini alla terza guerra mondiale?
“Se va avanti così, sì, basta un piccolo errore. Le parole non sono pietre, ma possono accompagnare il peitre e fare un film accurato per i sassi da lanciare. Descrizione molto difficile, grande pericolo e pericolo. , due grandi potenze, oggi non più sole e meno potenti di 50 anni fa, sono entrate in conflitto diretto. Una situazione molto pericolosa come quella attuale”.

La prima guerra mondiale sarebbe un olocausto nucleare?
“Sì, è inevitabile. Il pericolo non è solo che il conflitto tra le superpotenze rimanga indiretto, come oggi in Vietnam e Ucraina, ma il rischio di un’ulteriore escalation delle ostilità. poiché l’Unione Sovietica le aveva costrette a piazzare i loro missili a Cuba .nel caso della seconda guerra mondiale è impensabile.

Come vede in campo i giocatori internazionali?
“Infatti mi fidavo di Kissinger, Krusciov e Gorbaciov più di quanto mi fidi dei personaggi di oggi. L’azione di Putin non è trascurabile perché descrive una completa mancanza di intelligenza da parte russa, la cosa strana è che Putin era nel KGB .

È Biden?
“Per anni la politica degli Stati Uniti, in particolare quella democratica piuttosto che quella repubblicana, ha perseguito l’obiettivo di espandere la Nato ad est e la rotazione della Russia, non una visione ma una realtà conosciuta e proclamata dalla stessa Alleanza Atlantica. Va così. Il Gli Usa sono intervenuti sulla base delle mezogne, nel qual caso Washington ha il pieno appoggio del governo di Kiev che vuole (o ora vuole) entrare a far parte della Nato e dell’Ue. Sappiate questo, non si sta facendo nulla”.

In Italia? Draghi è perfetto per i confini del mondo…
“L’Italia ha avuto un ruolo in politica estera durante l’URSS e la Guerra Fredda perché era situata nell’Europa centrale e perché aveva un grande partito comunista. E poi c’erano politici come Craxi, Moro e Berlinguer. Oggi il ministro degli Esteri si chiama Di Maio e non serve aggiungere altro”.

Leggi anche:

“La guerra russo-ucraina, una rivoluzione vivente: si è sciolta”. Accordo possibile”

A caccia degli oligarchi: la villa di Valentina Matvienko a Pesaro è un posto da vedere

Bomba atomica a Milano: sono morte 2,7 milioni di persone. Valutazione

Berlusconi, matrimonio? Si unirà a Martha Fascina. Salvin-Melon non è stato invitato

Cosa faranno Forza Italia, Brunetta, Carfagna e Gelmini? Tra indizi e voci

Giappone: terremoto di magnitudo 7,3 nel nord-est, allerta tsunami a Fukushima

Incidenti con jet da addestramento nel lecchese: morto il pilota. VIDEO

Intesa Sanpaolo, manifestazione russo-ucraina da 5,1 miliardi

Zurigo, la dipendenza dal personale è alla base di un modello di lavoro

Pesaro Capitale Italiana della Cultura 2024: progetto da 1 milione di euro