Vai al contenuto

Ucraina, Mariupol: i russi sono pronti a sistemarsi. Armi a Kiev, Mosca minaccia “il mondo intero”

Roma, 17 aprile 2022 – La guerra in Ucrainagiorno 53, questo notizie di oggi. Non c’è riposo per la Pasqua ortodossa. iola fine dell’esercito russo agli ultimi difensori ucraini di Mariupol. Il capo dell’Autorità di regolamentazione della sicurezza nazionale della Federazione Russa, il colonnello generale Mikhail Mizintsev, aveva fornito 1.500 sopravvissuti che erano rimasti intrappolati nella guerra.Mulino Azovstal, per arrendersi e salvarti la vita. Lo ha detto il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov 400 truppe straniere Le forze combattenti e ucraine erano circondate da una piantagione. A proteggere Mariupol fino alla fine sono cento donne. La situazione in città è “non etica”, ha detto Zelensky, chiedendo armi pesanti dall’Occidente. Le ultime armi invitate dagli Stati Uniti hanno “iniziato ad arrivare” in Ucraina, secondo la Casa Bianca. Mosca rivendica in parte l’assassinio di un aereo che trasportava armi occidentali. E il presidente della commissione per gli affari internazionali della Duma di Stato, Leonid Slutsky, sta attaccando direttamente Usa e Gran Bretagna: continuare a fornire armi a Kiev potrebbe avere “conseguenze sfortunate per il mondo intero”. Sul fronte diplomatico, un miliardario russo Abramovich sarebbe andato a Kiev nel tentativo di riprendere i colloqui di pace. Zelensky sottolinea: “Non possiamo fermare il Donbas in Russia”. Mosca, d’altra parte, si dice preoccupata per le esercitazioni militari della NATO nel nord della Norvegia, che aumentano il rischio di “pericoli imprevisti” nell’Artico.

Fumo da una raffineria di Lysychansk, a nord di Donetsk (Ansa)

Sommario

Gli allarmi questa mattina in quasi tutte le regioni dell’Ucraina ed bombe esplose a Kiev. Era a Brovary, alla fine della capitale è esplosa una fabbrica dell’esercito che produceva proiettili. Nel pomeriggio Invasione russa del centro di Kharkiv e i morti e i feriti. A Borodyankanella regione di Kiev, corpi di 41 persone sono stati emessi sotto le macerie. E oggi lo erano i corridoi pubblici sono sospesi per l’assenza di un accordo per porre fine alla guerra con l’esercito russo. Mosca sta “uccidendo la razza” nel Paese, ripete Zelensky.

Ucraina: 4 idee su come Putin può fermare le armi occidentali

I droni e le macchine fotografiche pensano bene, quindi i soldati di Kiev controllano durante la notte

In queste ore le forze russe continuano a riutilizzare armi e supporto dalla Bielorussia all’Ucraina orientale. Il segretario alla Difesa britannico in un recente rapporto dell’intelligence riferisce anche che l’artiglieria russa continua a battere le posizioni ucraine nell’est del Paese, dove è in programma qualcosa di più offensivo. Il rapporto mostra anche che, sebbene l’attenzione sia ora concentrata sull’est del paese, l’obiettivo finale rimane lo stesso: costringere Kiev ad abbandonare il suo euro-atlantico e assicurarsi il suo controllo regionale. E un bollettino dello stato maggiore ucraino indica che l’esercito russo si sta preparando funzione di arrestoriconoscendo che le informazioni sono “ora chiarite”.

Soldati russi per le strade di Mariupol (Ansa)
Soldati russi per le strade di Mariupol (Ansa)

Ma in Russia, per ora, sì un altro generale è stato perso nel campo: Vladimir Frolov, vice comandante dell’8a Armata del Distretto Meridionale, il cui esercito combatté proprio nell’assedio di Mariupol, sepolto ieri a S. dopo essere morto in battaglia. Lo ha riferito il governatore locale, Aleksander Beglov, come riportato dall’agenzia Ria Novosti. Frolov sarebbe l’ottavo ufficiale a perdere la vita in un’operazione militare speciale lanciata da Mosca in Ucraina il 24 febbraio.

Nella barca morta la croce di Cristo. Resti al seguito degli eserciti

Nella casa di Pasqua del Vaticano, Papa Francesco ieri sera ha chiesto di portare Cristo «nella vita quotidiana con i segni della pace in questo tempo segnato dagli abomini della guerra». E oggi, nel tempo Messa di Pasqua, e la preghiera in ucraino. “La pace è un lavoro, una responsabilità per tutti”, ha detto il Pontefice durante l’incontro benedizione Urbi et Orbi.