Vai al contenuto

Ucraina, Renzi: “Con diplomazia o guerra durerà anni. Criminalità? Chiaro?”

Aperto, Renzi: “Strano che il pm di Firenze ignori la sentenza di Cassazione”

“La storia aperta è una storia che verrà raccontata molto nelle newsletter dei tribunali, su quello che è successo. Sono curioso di vedere quanto durerà. una notte di giustizia e di giustizia. Incredibile la sentenza di Cassazione ignorata dalla Procura di Firenze: se la sentenza di Cassazione è valida o meno e la Procura decide se è valida o meno. Altrimenti non c’è giustizia, non c’è caos“.

Egli ha detto Matteo Renzi a Radio Leopolda. “Ieri, poi, è successo qualcosa. L’imbarazzo di Paramara è nato perché un gruppo di persone voleva mettere un buon magistrato nella procura romana. Ieri lo stesso Csm ha preso Viola», un magistrato che ha tenuto un discorso alla Procura romana, «e lo ha messo a Milano. Stiamo tornando al punto di partenza”, ha aggiunto Renzi.

Ucraina, Renzi: “Senza mezzi diplomatici la guerra durerà anni”

“Una suocera che insiste per avere il suo nome e indirizzo sulla schiena del bambino è straziante. Poi c’è la politica e la politica che lo forniscono, o lo ottengono attraverso ambasciatori o la guerra durerà per anni“Matteo Renzi ha detto a Radio Leopolda.

“Questa è la mia opinione vogliamo una mossa politica europea. Per alcuni è una minaccia per il frigorifero nell’Europa centrale. Ma l’Europa può catturare grandi nomi. Ho detto Angela Merkel, Letta ha detto Romano Prodi. Bravo anche Prodi. Ho anche aggiunto Tony Blair. Ma mettiamo l’Europa”.

“Chi nega il crimine di guerra nega la verità”

“E’ un grande sconvolgimento nell’ideologia geopolitica e conseguenze catastrofiche per altri paesi. Come in Africa: nessuno ne parla, ma sta arrivando una terribile carestia. Matteo Renzi è intervenuto a Radio Leopolda. “Mi fa ridere chi cerca di giustificare o negare la corruzione dell’esercito russo. Sono sempre le stesse persone che credono nelle scie chimiche. I crimini di guerra sono evidenti«Chi nega nega la verità – ha aggiunto Renzi – Chi è presente rispetta il nome del giornalismo. Il crimine di guerra esiste, è visibile e con le nuove tecnologie è possibile risalire facilmente al battaglione, al corpo fisico esistente. Interessante per gli obiettivi del programma. “

Renzi: “Nel 2022 non ci saranno elezioni, la Lega è in crisi”.

“La guerra copre l’intero quadro. Chiaramente non ci saranno elezioni nel 2022. Ciò consente alle forze politiche di creare uno spazio più piccolo. Sono io Sono contento che il Pd abbia riconosciuto l’identità di Giuseppe Conte. Immaginate come potrebbe essere questo Paese in guerra con l’alleanza Conte-Casalino. Lo ha detto Matteo Renzi a Radio Leopolda.

“La Lega per me sembra essere a un livello difficile, orientato al gol, dall’amministrazione 2021 non ricordo che la scelta giusta sia diritto dell’ente. D’altra parte c’è un problema significativo, c’è bisogno di spendere bene i soldi del NRR, e poi ci sono queste immagini dell’ex segretario generale che lancia un microfono verso la commissione. Per entrare in parlamento servirà un test psicoattitudinale”, ha aggiunto Renzi.

In Francia è partito un francese, per non permettere a Macron di vincere, rischiando di prendere Le Le”

“Domenica si vota in Francia e Le Pen è in aumento. La vedo male al primo turno. Macron deve vincere, ma il limite è stato ridotto. l’atteggiamento di un certo francese è andato che, per non far vincere Macron, rischia di prendere Le Pen”.

Leggi anche:

“Tasse, Ruffini distrugge la Lega: Lega Nord che cerca una via d’uscita

“La terza guerra mondiale è ormai inevitabile”. Il ministro tedesco parte

Carte bollate Atlantia e RCS: così Blackstone torna a uragano

Elezioni francesi, ora Marine Le Pen può vincere. Perché Macron rischia

Robledo ad Afrari: “Viola? Volevamo un papa straniero a Milano”

Bisignani: “Verità davvero immaginaria… Colombia? Non lo so”

Tasse, strano contenzioso in Commissione Finanze. GUARDA IL VIDEO

Enel X: e Sycamore progetti di risparmio energetico

Protocollo Inail-FS, Ferraris: “Aggiunta cultura della sicurezza”

Rino Petino, così la Puglia parla di Proximity 4.0 e logistica del futuro