Vai al contenuto

Ucraina-Russia, le notizie di oggi dalla guerra

L’UE è arrivata in Ucraina con i suoi principali inviati, Ursula von der Leyen e Josep Borrel, per testimoniare al presidente europeo Zelensky sulla vicinanza del popolo ucraino e per dire al governo che l’ingresso dell’Ucraina nell’UE è considerato iniziato. Nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha approvato la decisione del Congresso di vietare l’importazione di petrolio russo come un’altra forma di pressione del Cremlino per fermare l’invasione ucraina. All’indomani della guerra, un altro disastro civile si è verificato a Kramatorsk, nella regione di Donetsk, dove un missile ha colpito una stazione ferroviaria dove da giorni migliaia di persone cercavano di fuggire dal conflitto: almeno 50 morti. e su chi ha lanciato il missile c’è uno scambio di accuse tra Kiev e Mosca.

Dossier: conseguenze della guerra italiana

Iscriviti a opuscolo Quotidiano Conflitto | lui podcast Giorno

DOSI: PROBLEMA | METODI DI MORTE | Tempo: eventi

03.55 S&P taglia i rating russi alla risoluzione selezionata

Il tasso di cambio a lungo termine della Russia è stato ridotto da Standard & Poor’s da CC a SD, ovvero l’opzione predefinita.

02.45 WSJ: “Kiev ordina antiodoto contro le armi chimiche”

L’organizzazione umanitaria americana Direct Relief ha dichiarato al Wall Street Journal che, su richiesta del ministro della Salute ucraino, ha inviato a Kiev circa 220.000 fiale di farmaci che potrebbero essere utilizzate per contrastare gli effetti di armi chimiche come gli agenti nervini. Questa è atropina usata per aumentare la frequenza cardiaca o ridurre le secrezioni di muco nei polmoni o nelle vie aeree. Infatti, può bloccare gli effetti delle tossine causate dagli agenti nervini.
è lo stesso farmaco che è stato distribuito agli operatori sanitari in Siria nel 2017.

01.45 Zelensky: “Mentre vende gas e petrolio, Mosca crede nella sua impunità”

“È l’esportazione di gas e petrolio che taglia la parte del leone delle entrate della Russia e consente ai suoi leader di credere nella sua impunità”. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un nuovo videomessaggio in cui ricordava di aver chiesto all’Unione europea di vietare la vendita di fas e petrolio russo..

01.20 Corridoi di assistenza: evacuate altre 6.665 persone

Almeno 6.665 persone sono state evacuate ieri in Ucraina attraverso corridoi di soccorso. Il vice primo ministro del Paese, Iryna Vereshchuk, scrive su Facebook. Da Mariupol e Berdiansk, entrambe città affacciate sul Mar d’Azov, 5.158 persone si diressero a nord verso Zaporizhzhia: di questi 1.614 abitanti di Mariupol e 3.544.
residenti della regione di Zaporizhzhia. Dalla regione di Lugansk, a est, ieri sono riusciti a fuggire in 1.507.

01.05 Le vittime accertate dell’attacco di Kramatorsk salgono a 52

Il bilancio delle vittime di un attacco missilistico che ha colpito un gruppo di civili che cercava di fuggire in treno dalla stazione di Kramatorsk nella regione di Donetsk in Ucraina è salito a 52. Le autorità locali hanno confermato che tra loro c’erano 5 bambini.

01.02 Zelensky: “Kramatorsk dovrebbe essere considerato un crimine nella guerra russa”

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, nel suo consueto videomessaggio di questa sera, ha accusato Mosca di un massiccio attacco missilistico alla stazione di Kramatorsk: “Un altro crimine di guerra russo-ucraino attende una risposta seria. Faremo ogni sforzo per scoprire chi è stato. questo, chi ha dato l’ordine, da dove proveniva il missile, chi lo ha portato, chi ha ordinato l’attacco e chi ha acconsentito a farlo, in modo che tutti gli autori potessero essere identificati”.

(Reuters)

00.50 Odessa fissa un tempo per rientrare nel fine settimana per paura di essere attaccata

Le autorità di Odessa hanno fissato una scadenza per il ritorno nel fine settimana per paura di un attacco missilistico. In un post su Facebook, citato dalla BBC, l’amministrazione militare locale ha affermato che l’orario per tornare a casa sarebbe iniziato alle 9:00 di sabato fino alle 18:00 di lunedì, ora di casa. L’annuncio arriva dopo un attacco missilistico nell’area la scorsa notte, che ha provocato la morte di un numero imprecisato di persone, secondo il portavoce locale Serhiy Bratchuk. Nonostante l’attacco, le autorità ucraine hanno affermato di non aver visto finora alcun segno che le truppe russe si stessero preparando per un cessate il fuoco dal Mar Nero.

00.25 Usa: “Alcune unità russe sono completamente abolite”

Un alto funzionario della sicurezza statunitense ha affermato che alcune unità russe in Ucraina erano state “completamente chiuse” e che la potenza di combattimento di Mosca era compresa tra l’80% e l’85% dei livelli pre-attacco.
“Abbiamo visto segni di unità che sono state veramente eliminate, a tutti gli effetti”, ha affermato il funzionario in un notiziario statunitense.